La musica dei cantautori italiani torna su Facebook e Instagram dopo l'accordo “transitorio” con Meta

La musica rappresentata dalla Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE) torna sulle piattaforme di proprietà di Meta come Facebook e Instagram dopo un nuovo accordo firmato con il colosso della tecnologia.

L'operazione è vista come una vittoria della SIAE, la principale associazione di raccolta di decine di migliaia di cantautori in Italia.

“A seguito dell'accordo transitorio siglato tra le due parti, la musica tutelata da Siae tornerà ad essere ascoltata sulle piattaforme social Meta”, si legge in una nota della Siae. dichiarazione Sabato (13 maggio).

L'iniziativa fa seguito alla sospensione temporanea di SIAE Music sulle piattaforme Meta a causa del mancato rinnovo dell'accordo di licenza da parte delle parti all'inizio di quest'anno.

L'associazione ha recentemente dichiarato di “esprimere la propria soddisfazione per questo risultato, da lei cercato e ottenuto, ma resta impegnata a tutelare gli interessi dei propri associati continuando a lavorare instancabilmente per raggiungere un accordo definitivo e duraturo basato sulla correttezza e sulla trasparenza, come Lo ha chiesto anche l’Unione Europea”. Guida al diritto d'autore.

“A seguito della firma di un accordo transitorio tra le due parti, la musica tutelata da Siae tornerà ad essere ascoltata sulle piattaforme social di Meta”.

Siay

L'accordo fa seguito a un'ordinanza emessa dall'Autorità italiana di vigilanza sulla concorrenza, AGCM, meno di un mese fa, che ordinava a Meta di riprendere i colloqui con SIAE, dopo che i due non erano riusciti a raggiungere un accordo sull'uso delle munizioni SIAE sulle piattaforme di proprietà di Meta.

Senza alcun accordo tra le due parti dal 1° gennaio, la SIAE ha affermato a marzo che Meta aveva deciso di rimuovere le canzoni dei suoi membri su Facebook e altre piattaforme Meta.

READ  I 10 migliori film su SkyShowtime nei Paesi Bassi (ottobre 2022)

Meta ha anche affermato a fine marzo che la SIAE si era rifiutata di accettare qualsiasi offerta che non fosse all'altezza degli standard Un aumento del 310% rispetto all’accordo del 2022. La SIAE ha respinto questa affermazione, affermando che la nuova licenza non è paragonabile a quella sottoscritta nel 2020.

Lo ha affermato un funzionario dell'ICMP, l'ente commerciale che rappresenta l'industria dell'editoria musicale a livello mondiale, compresi i principali editori M.B.W All’epoca Meta pretese un “tassa prendere o lasciare” e “quando non sei soddisfatto, rimuovi la musica per cercare di sminuire l’affare”.

“Il rifiuto di un'azienda come Meta di pagare le tariffe di licenza adeguate per l'uso di queste opere influisce sul sostentamento di milioni di creatori e professionisti della musica”, ha affermato John Phelan, direttore generale della Commissione internazionale sulle persone scomparse.

Ciò ha spinto l'AGCM, l'autorità italiana di vigilanza sulla concorrenza, ad avviare un'indagine sulla gestione delle trattative di licenza da parte di Meta all'inizio di aprile.

All’epoca, l’AGCM aveva affermato: “Meta avrebbe potuto sfruttare i suoi vantaggi negoziali chiedendo alla SIAE di accettare un’offerta economica iniqua senza fornire alla SIAE gli elementi utili per valutare la congruità economica dell’offerta”.

L'indagine ha accertato se Meta avesse bloccato la fruizione di tutti i contenuti musicali da parte degli autori rappresentati dalla SIAE, aggiungendo che “il presunto abuso di credito economico… potrebbe avere un impatto significativo sulla concorrenza nei mercati interessati e causare un danno significativo ai consumatori. “

Più recentemente, SIAE ha dichiarato di continuare a condurre le trattative con Meta secondo le decisioni e le procedure dettate dall'AGCM.

La musica agisce in tutto il mondo

READ  Venezia 2023 Blog 2 - Filmrant

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24