La pressione sulla disuguaglianza è in aumento in Italia

Spiagge bellissime, ma la peggiore: la Calabria.
Foto: ANP

1. Il Sud Italia teme una spaccatura ancora più profonda

Alla fine di gennaio, il Senato italiano ha approvato una riforma che darebbe maggiori poteri alle regioni italiane. L'ultima parola al riguardo deve ancora essere detta, poiché la Camera dei Rappresentanti deve ancora ratificarla. Ma il rumore sulla legge sta crescendo. Gli amministratori del Sud temono che la legge aumenterà la disuguaglianza tra Nord e Sud.

Venerdì è arrivato il presidente della Regione Campania, Vincenzo de Luca, con settecento sindaci Sordi a Roma per protestare contro la Riforma. Il premier Georgia Meloni era altrove, quindi a De Luca non è stato impedito di farlo. Ciò non gli ha impedito di suscitare grande scalpore nella capitale.

Il dibattito su una maggiore autonomia va avanti da anni (leggi questo vecchio pezzo d’oro dagli archivi FD). Il partito al governo, la Lega, forte al nord, in passato ha indetto referendum illimitati in cui gli elettori potevano esprimere le loro opinioni su una maggiore autonomia. Parte di ciò ha comportato che le regioni versassero meno entrate fiscali a Roma.

La riforma, ora controversa, in realtà dà alle regioni un maggiore controllo sulla spesa dei soldi dei contribuenti per la sanità pubblica e l’istruzione. Le conseguenze per il Sud impoverito potrebbero essere grandi. Ad esempio, il PIL è in Calabria Il 56% della media UE, nel Nord Lombardia è al 127%. Il gettito fiscale è basso nelle regioni meridionali. Quindi, se il Sud dovesse sostenersi finanziariamente, dicono i critici, le disparità regionali nella sanità e nell’istruzione aumenterebbero. C’è già un grosso divario: un diploma di un’università del Sud vale meno di uno del Nord.

La riforma non significa automaticamente che le regioni acquisiscano maggiore autonomia. Una richiesta in tal senso dovrebbe essere presentata al governo. Ma chi sarà il primo a informare la controparte del Primo Ministro Maloney non lo sa nessuno.

La riforma rappresenta una spinta per la Lega, che era il più grande partito italiano alle elezioni europee del 2019. Da allora il sostegno al Partito nazionalista di destra di Matteo Salvini si è eroso. Salvini, ministro del governo Meloni, sta ora cercando di tornare alla ribalta attraverso la Lega Heartland.

READ  Progetto Umbria Jazz Winter - Il Giornale, il miglior giornale e sito web sull'Italia

La protesta del sud di venerdì non ha avuto particolare successo. Il presidente della Regione De Luca e i suoi sindaci si sono trovati davanti a porte prevalentemente chiuse. «Niente ministro, niente sottosegretari, niente primo segretario…», brontola De Luca. “Forse sono in vacanza o giocano a tennis.”

Nel sud dell’Italia, nel frattempo, i soldi (tanto necessari) messi a disposizione dal Fondo europeo per la ripresa dal coronavirus non sono stati spesi. Questo è un problema strutturale delle finanze dell’UE. Se vuoi arrabbiarti, continua a leggere Questo pezzo da Der Spiegel.

Decine di migliaia di ungheresi protestano contro il governo per uno scandalo sugli abusi sui minori.
Decine di migliaia di ungheresi protestano contro il governo per uno scandalo sugli abusi sui minori.
Foto: ANP

2. Aumenta la pressione su Orbán per lo scandalo degli abusi sui minori

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán probabilmente non se l’aspettava: una massiccia reazione contro il suo governo per uno scandalo sugli abusi sui minori. Venerdì, decine di migliaia di ungheresi hanno protestato nuovamente contro il governo, provocando le dimissioni della presidentessa Katalin Novak e la fine politica della responsabile delle elezioni europee del partito Fidesz di Orbán, Judith Varga.

Recentemente si è scatenata l'indignazione pubblica quando è emerso che Novak è stato graziato dal suo manager per un uomo che aveva lavorato per coprire gli abusi sui minori in un orfanotrofio cattolico. L'uomo ha fatto pressioni sulle vittime affinché ritrattassero la loro testimonianza. Varga, allora ministro della Giustizia, firmò le scuse.

Venerdì è caduta una terza testa a causa della corruzione. Szolten Balók, capo della Chiesa riformata in Ungheria e ministro della sanità, del welfare, dell'istruzione e della gioventù dal 20212 al 2018. Si è dimesso dal suo incarico. Balloch, fedele alleato di Orban da anni, venerdì si è scusato, presentando all'epoca una richiesta di clemenza.

READ  Altri due corpi sono stati trovati due settimane dopo che una barca di profughi si è capovolta al largo dell'Italia All'estero

Poi è toccato a Orban parlare. Nel suo discorso annuale al popolo ungherese, Novak ha chiesto la sua uscita.brutto sogno“E' una grande perdita”. Anche le brave persone prendono decisioni sbagliate.' Il Primo Ministro ha anche annunciato riforme della legge sulla protezione dell'infanzia.

Per quanto riguarda il governo ungherese la questione è ormai chiusa.

Nei Paesi Bassi ci sono diverse iniziative sull’idrogeno.  La Shell vuole costruire una fabbrica di idrogeno a Rotterdam.
Nei Paesi Bassi ci sono diverse iniziative sull’idrogeno. La Shell vuole costruire una fabbrica di idrogeno a Rotterdam.
Foto: ANP/HH

3. Bruxelles approva gli aiuti di Stato per l'idrogeno

L'autunno scorso Costruire l’infrastruttura per importare idrogeno verde è difficile, ha detto FD, perché le norme dell’UE stanno rallentando le cose. Non che “loro” si scriva FD a Bruxelles, ma la settimana scorsa la Commissione Europea ha fornito buone notizie per l’industria dell’idrogeno. Approvato dal Comitato Esecutivo dell'Unione Europea Un pacchetto di sostegno 6,9 miliardi di euro per sviluppare infrastrutture per l’idrogeno in sette Stati membri dell’UE.

La commissione ha affermato che il finanziamento, destinato a 33 progetti che coinvolgono 32 aziende, comporterebbe ulteriori 5,4 miliardi di euro di investimenti aziendali. La decisione di Bruxelles ruota attorno a un terzo pacchetto di investimenti nell'idrogeno dal titolo “Programma di interesse europeo” (vedi qui I primi due)

Oltre a Germania, Francia, Slovacchia, Italia, Portogallo e Spagna, sono coinvolti i Paesi Bassi. Nello specifico si tratta di un progetto della società di stoccaggio di serbatoi Wobak con sede a Rotterdam. Wobak È stato annunciato all'inizio dello scorso anno Investire insieme alla tedesca Hydrogenius in una fabbrica di idrogeno a Rotterdam.

Vopak non è l’unica azienda a ricevere sussidi europei per l’idrogeno. riportato in precedenza VoltH2, che sta sviluppando impianti di idrogeno verde nei Paesi Bassi, riceverà 20 milioni di euro dal Just Transition Fund dell’UE. Sviluppo delle infrastrutture.

Europamania nella tua casella di posta?

Desideri ricevere questa newsletter europea via e-mail ogni settimana? Allora registrati qui. Ed ecco gli episodi precedenti.

Su cosa dovremmo concentrarci questa settimana?

• Ministri degli Esteri dell'UE Lunedi Insieme. Loro hanno tra gli altri Sull’aggressione russa contro l’Ucraina e sulle nuove sanzioni economiche contro Mosca. Si discuterà ancora della morte del leader dell’opposizione Alexei Navalny? Nella casa anche: Sigrid Kak, nel suo ruolo di coordinatrice per gli affari umanitari e la ricostruzione a Gaza.

READ  Italia: Prezzo massimo di acquisto del gas russo per l'Europa | Finanza

• Insediare il nuovo primo ministro georgiano Irakli Kobakitse Martedì Visita Bruxelles.

• Bruxelles ha rifiutato sussidi multimiliardari a Ungheria e Polonia. Questa politica funziona davvero? Parla la Corte dei conti europea Mercoledì al di fuori.

Giovedì È stata presa una decisione su dove sarà collocata l'Autorità europea antiriciclaggio (leggi l'articolo in preparazione della giornalista di FD Rhea Gates). Ora lo decidono sia il Parlamento europeo che gli Stati membri.

• Ministri delle Finanze dell'UE Giovedì E Venerdì Ci vediamo informalmente nel Kent. Il futuro dei mercati dei capitali europei è all’ordine del giorno. Secondo Questa è la croce Da DNB e AFM.

Sabato Sono passati due anni da quando la Russia ha iniziato la guerra contro l’Ucraina.

• Ministri dell'UE responsabili del commercio estero Domenica In una località esotica: Abu Dhabi. Lei Parlate tra di voi Intorno alla riunione ministeriale dell'Organizzazione mondiale del commercio.

Leggi di più (senti di più)?

Tenuta La Finlandia ha chiuso il confine con la Russia per prevenire l’immigrazione clandestina. È arrivato Euronews Una dichiarazione Al confine.

tradizione L'archivio europeo di Mathieu Segers, morto a dicembre Uno statuto speciale.

condiviso L’Irlanda del Nord ha di nuovo un governo. Può essere gestito? Secondo Questa analisi.

Ancora quei tedeschi La leadership belga dell’UE non è riuscita a raggiungere un accordo su migliori diritti per i lavoratori sulle piattaforme digitali (si pensi a Uber). Germania e Francia erano tra gli ostacoli.

Incentivi bancari L’anno scorso, i risparmiatori belgi hanno sottoscritto in massa titoli di stato con tassi di interesse decenti. Uno dei motivi per cui il governo ha emesso l’obbligazione è stato il basso tasso di interesse offerto dalle banche sui risparmi. A causa della truffa hanno perso decine di miliardi di risparmi. Tornerà il governo?

Scritto da Europamania Han Dirk Hecking. Seguite anche i residenti dell'FD Bruxelles Gatti Rea E Mathijs Schiffers. Hai commenti o novità? Hai commenti o novità? Fatecelo sapere [email protected].

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24