La regista Paola Cortellesi: 'Il successo del mio film fuori dall'Italia dimostra che i diritti delle donne non sono garantiti da nessuna parte'

Roma, 1946. Dilia vive con il marito Ivano e i loro tre figli in un quartiere popolare della capitale italiana. Ivano si guadagna da vivere e non perde occasione per impressionare Delia con questo. Gestisce la famiglia, mentre lavora fuori casa e si prende cura del padre costretto a letto di Ivanov, che vive con la famiglia. Ivano la picchia spesso. Suo suocero pensa che sia una grande casalinga, ma dovrebbe tenere la bocca chiusa. Fortunatamente, Delia ha una buona amica, un venditore al mercato, un meccanico di automobili che si prende cura di lei e un soldato americano che vuole aiutarla.

C'è ancora domani (C'è sempre domani) è l'esordio alla regia dell'attrice e sceneggiatrice italiana Paola Cordellesi (50), che non solo dirige ma interpreta anche il ruolo principale. Il film è una commedia nera sulla violenza contro le donne in una società elegante. “Oggi in Italia una donna viene uccisa in media ogni 72 ore, solitamente dal compagno o dall'ex”, dice Cortellesi. Voleva collocare questo tema attuale in un contesto storico.

Per saperne di più
Cartellino giallo per l'Italia per violenza sulle donne

Dopo la seconda guerra mondiale, i diritti delle donne cominciarono a fiorire a Roma, ma era un periodo in cui la violenza domestica non era realmente vietata. “Certo non è successo in tutte le famiglie, ma non è mai venuto in mente a nessuno di denunciarlo. Se tuo marito diventava violento, eri più sfortunata di chiunque altro. Il matrimonio era per tutta la vita. Il divorzio in Italia è stato legalizzato solo nel 1970.

C'è ancora domani È stato un enorme successo commerciale in Italia. Molto sorprendente per un film in bianco e nero parlato nel dialetto rumeno degli anni '40. Paola Cortellesi ora è più impegnata che mai. Si scusa per aver forzato la conversazione attraverso il collegamento video tra festival cinematografici internazionali.

Perché il tuo film attira un pubblico così vasto?

“Il livello di attenzione mi sorprende. Sono stato molto contento che la metà degli spettatori in Italia siano uomini, e sono rimasto molto sorpreso dall'accoglienza del film all'estero, in Svezia. Abbiamo vinto anche il premio del pubblico al festival di Göteborg! Ha sorpreso Per quanto mi riguarda, in Italia pensiamo che la Svezia sia molto più avanti nella liberazione delle donne. Ma il pubblico svedese Poiché l'immagine è così riconoscibile, potrebbe non essere del tutto vera. I diritti delle donne non sono mai stati conquistati così saldamente in nessun paese.

READ  I combattimenti attirano la formazione italiana: 'Crisi di governo prima che inizi il dominio'

Perché hai trasformato in una commedia un argomento così delicato?

“Mi sono occupata in precedenza di discriminazione contro le donne come attrice e sceneggiatrice. Mi piace recitare e scrivere cose divertenti perché un tocco di umorismo aggiunge profondità a una storia. Divertente non è superficiale. Del resto un film non può educare il pubblico ma tutt'al più lo motiva. Questo è l'unico modo per raccontare questa storia. Ho visto questo tono leggermente umoristico.

È lo stesso per Valerio Masandria, che interpreta tuo marito?

“Ha davvero faticato a trovare il tono giusto. Volevo che fosse credibile quando usava la violenza contro Delia, e che fosse ridicolo da un momento all'altro. Soprattutto non gli è mai permesso di complottare o di diventare affascinante. Quando è solo con i suoi papà, lui Un ragazzo triste. Ero sempre alla ricerca di un attore che potesse rappresentare in modo credibile entrambi i lati nella giusta dose.

Delia (Paola Cortellesi) fa lavoretti per poter sbarcare il lunario.

Non mostri davvero violenza. Vuoi nascondere i piedi?

“Quando Ivano alza la mano per colpire Delia, mostro una coppia che balla pochi istanti dopo. Non c'è molto per nascondere la violenza, ma la danza brutale è un segno che è ormai diventato un rituale nella vita di Delia, e sottolinea ulteriormente il continuo “La natura della violenza. Cosa succede se manda i bambini in camera da letto? Lo sanno tutti. Non deve essere voyeuristico.

Che tipo di ragazza è Delia?

“La donna che pensa di non contare. Rappresenta milioni di donne che credevano di non valere nulla e quindi si sentivano inutili. Anche nelle famiglie senza violenza da parte del partner, la donna è rimasta in una relazione di coppia durante quegli anni. Ho circa cinquant'anni e ho genitori nati in questo periodo e nonni allora adulti. Anche se questo film non è una biografia, ho potuto disegnare molte storie di famiglia”, ha detto.

READ  Una serata calcio speciale Ajax Avversario Veloce e Italia

Anche le storie di colleghi e amici hanno trovato posto nella sceneggiatura. Come i bei ricordi degli affascinanti soldati americani in Italia dopo la guerra. “Una parente della mia coautrice mi ha detto che da donna era stata ricoverata in un ospedale americano in Toscana”, racconta divertita la Cordellesi. “Là vide per la prima volta non solo soldati afroamericani belli e muscolosi, ma anche ragazzi alti, biondi con gli occhi azzurri. Pensò che fossero tutti ugualmente belli e si innamorò subito.

Gli americani mangiavano carne e burro di arachidi ed erano ben nutriti. A differenza dei cittadini italiani, che hanno sviluppato malattie della pelle a causa di carenza vitaminica. Naturalmente non tutti hanno ancora i denti pieni. Nel film, Delia si meraviglia davanti a un bel soldato il cui sorriso spera diventi ancora più bello, soprattutto perché ha così tanti denti.

Com’è essere donna in Italia oggi?

“L’Italia non è un Paese arretrato. Sono stati fatti passi importanti riguardo alla liberazione. Sia il Primo Ministro che il leader dell'opposizione sono ora donne, insieme a Georgia Maloney ed Ellie Schlein. Spero sinceramente che insieme trovino una soluzione al problema della violenza contro le donne.

“Per comprendere le dinamiche delle relazioni tossiche, abbiamo consultato i centri contro la violenza domestica. Ancora e ancora senti l'uomo sminuire la vittima e minare la sua autostima. In Italia esiste ancora Più di un terzo sono donne Nessun conto bancario proprio. Se nella relazione si verifica violenza, questa dipendenza finanziaria rende ancora più alta la soglia per uscire di casa.

“Spero che il mio film vi faccia riflettere. Dopo lo spettacolo davanti a un pubblico gremito, una donna si è alzata e ha detto che una volta era stata Delia. “Ma non più”, disse con orgoglio. E poi ho provato gioia pura.

https://www.youtube.com/watch?v=keMARxKABk0



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24