La Spagna ‘corona infetta’, l’Italia ha una rigida politica 2G: è così che gli altri paesi dell’UE affrontano la corona

A Pamplona, ​​nel nord della Spagna, i bambini devono indossare mascherine e lavarsi le mani quando vanno a scuola.Immagine di Alvaro Barrientos / AP

Spagna: qui ora è chiamata “l’influenza” del corona

Dopo due anni di agonia, la Spagna (vuole) annunciare quasi normalmente la fine della crisi del Corona. In primo luogo, venerdì scorso il primo ministro Pedro Sanchez ha detto a una riunione del PSOE socialdemocratico che il virus corona stava diventando una seccatura, “dobbiamo imparare a convivere con più virus”.

Mercoledì scorso, il ministro della Salute Carolina Darias è passato di lì. Secondo lui, parlare di un nuovo approccio alla crisi del Corona è “desiderabile e necessario”, cosa che la Spagna vuole provocare a Bruxelles. Naturalmente, l’attuale ondata di inquinamento avrebbe dovuto prima calmarsi, ha detto Dario nel complesso. Ma: ‘Tutto significa che nel tempo ci stiamo muovendo verso una situazione locale.’

La lingua riflette la politica. Nonostante un’ondata di corona abbia battuto i record giornalieri – con l’incredibile cifra di 180.000 infezioni segnalate mercoledì, circa 3.100 ogni 100.000 persone nelle ultime due settimane – il governo Sanchez non ha parlato delle nuove misure. Il tasso di vaccinazione (il 90% della popolazione vaccinata di età superiore ai 12 anni) può essere raramente sopravvalutato e si stanno accumulando prove che la variante Omigran ha meno probabilità di causare malattie.

Il fatto che il paese sia nel mezzo di un’alta ondata di corona può essere visto solo per strada se la bocca è chiusa con la forza. A parte questo, la vita è come al solito: ristoranti e bar sono aperti come musei, teatri e cinema. In alcune regioni, come fa Madrid, anche le discoteche si gonfiano fino alle prime ore del mattino. Non esiste un codice di accesso QR nella capitale.

Altre aree relativamente gravemente colpite, come la Catalogna, sono in allerta. Qui un membro dello staff ti chiederà un biglietto corona, puoi invitare un massimo di dieci ospiti a casa e l’orologio notturno sarà dall’1:00 alle 18:00, almeno fino alla prossima settimana. La politica Corona in Spagna non è altro. Il settore della ristorazione è aperto ovunque (ma a volte con un numero limitato di locali), il settore della cultura può respirare e il personale dei negozi dovrebbe affrettarsi ai tradizionali saldi dopo l’Epifania.

Andrà avanti bene? Negli ospedali è eccitante: un quarto di tutti i posti letto in terapia intensiva sono ora occupati da pazienti Govt. Le attività importanti, ma molto urgenti sono rinviate. Le posizioni del medico di famiglia non possono gestire l’arrivo di persone che si pensa siano infette. In Spagna, a differenza dei Paesi Bassi, le aziende lottano con la perdita di personale, anche se fa la differenza che non devi essere isolato dopo uno stretto contatto con la persona infetta se sei stato completamente vaccinato.

Secondo il ministro della Salute Darius, il picco dell’onda è in vista: le statistiche sui contagi mostrano un allarmante rallentamento della crescita. Crede che vaccinando i bambini di età compresa tra i 5 ei 12 anni (il 37% ha ricevuto il primo vaccino), si possa impedire al virus di riemergere in classe. Nel frattempo, il suo ministero sta finalizzando un piano per monitorare le infezioni di Kovid in modo meno accurato dopo l’ondata attuale. Non tutti gli ospedali e tutti i medici di base devono più segnalare tutte le infezioni. Secondo Darius, questo è in linea con quello che i media spagnoli chiamano il “peggioramento” della crisi del Corona.
Diana Mepius

Germania: un dazio sui vaccini non è più così chiaro

Pub e ristoranti sono aperti come di consueto in Germania, ma il numero di persone che vogliono gustarli dovrebbe aumentare. Oppure trafitto due volte e sottoposto a un test rapido negativo che non dura più di 24 ore. Due iniezioni da sole non sono sufficienti e, se non hai una o due iniezioni, puoi dimenticare completamente Firabend, anche con un test negativo.

Allo stesso tempo, sorgono dubbi sull’obbligo generale di vaccinare. Il presidente Olaf Scholes vuole presentarsi al parlamento a febbraio in modo che i membri dei partiti della coalizione possano votare sulla propria coscienza. La prima udienza è stata rinviata di due settimane al 24 gennaio. La continua incertezza sull’efficacia a lungo termine del vaccino e sulla sua efficacia contro la variante Omigran ha acceso il dibattito.

Inoltre, omikron riduce i ricoveri ospedalieri e IC e sempre più parlamentari sono scettici sulla necessità dell’obbligo di vaccinazione. Tuttavia, gli epidemiologi, nonostante il tasso di ricovero ospedaliero relativamente basso, insistono sul fatto che Omigron causa ancora un numero maggiore di combinazioni perché omikron colpisce più persone rispetto alle varianti precedenti.

Quindi è difficile realizzare un disegno di legge, per non parlare di quello. La ragione di ciò è che nessuno sembra volersi bruciare le dita politiche. Scholz è favorevole all’obbligo del vaccino, ma afferma che è compito del parlamento fare la legge. Nessuno ha ancora preso quel guanto. Tuttavia, sono in circolazione percorsi alternativi come il dazio per gli over 50 – sull’esempio italiano – o l’estensione a più gruppi professionali come le importantissime infrastrutture.
Remco Anderson

Polonia: il paese sta convivendo con il virus a caro prezzo

Quando la variante Omigran del virus corona è apparsa all’inizio di dicembre, il ministro della Salute polaccoQuello che cambia il gioco‘. Ma il governo polacco non ha intrapreso alcuna azione drastica, se non la chiusura delle scuole fino al 9 gennaio. Tuttavia, da marzo sono previste vaccinazioni obbligatorie per operatori sanitari, insegnanti e personale in divisa.

Un ospedale in Polonia.  Agenzia di immagini anatoliche tramite Getty Images

Un ospedale in Polonia.Agenzia anatolica sul campo tramite Getty Images

Così la Polonia era uno degli stranieri d’Europa. Sebbene molti paesi abbiano scelto negli ultimi mesi di controllare coloro che non sono stati vaccinati o testati, la Polonia non ha 2G o 3G. I ristoranti, ad esempio, hanno un limite di aggressività per le persone non vaccinate. Ma fa così tanti calcoli che non viene monitorato o implementato. Quasi tutto è aperto.

Ad esempio, la Polonia vive con il virus, ma attualmente è più costosa. Il basso tasso di vaccinazione (56%) è la sua vendetta. Dopo il picco di dicembre, il numero dei contagi è ancora alto e gli esperti temono gli effetti della quinta ondata. Centinaia di persone muoiono ogni giorno. Questa settimana, il bilancio delle vittime dell’epidemia ha superato i 100mila. Il numero delle vittime del corona potrebbe essere ancora più alto: la mortalità massima dall’inizio dell’epidemia è di 180mila. Oltre agli 80.000 morti, potrebbero esserci anche vittime del coronavirus.
Arnout le Clercq

Francia: l’idea qui è stata a lungo quella di “imparare a convivere con il virus”

Alla luce dell’avanzata della variante Omigran, la Francia sta facendo quello che sta facendo da mesi: ritirare la copertura del vaccino. Il presidente Macron, che dovrebbe candidarsi alla presidenza ad aprile, spera di evitare ulteriori restrizioni.

Macron parla di imparare a convivere con il virus dall’aprile dello scorso anno, forse attraverso la dose annuale del vaccino. La strategia non è quella di sradicare il virus, ma di evitare che gli ospedali crollino.

Le discoteche sono attualmente chiuse, ma altrimenti possibile: il settore della ristorazione è aperto, anche se il consumo di posti a sedere è obbligatorio e i grandi eventi hanno un limite di 2.000 visitatori all’interno e 5.000 visitatori all’esterno. I dipendenti che possono lavorare da casa devono lavorare da casa almeno tre giorni alla settimana.

La campagna promozionale sta andando bene. Una riunione è possibile tre mesi dopo l’ultima iniezione. Inoltre, il governo vuole convertire l’Health Pass, obbligatorio nel settore della ristorazione dall’estate, in viaggi a lunga percorrenza con i mezzi pubblici (a booster). Il certificato di test negativo non consentirà l’accesso in un secondo momento. Il lancio del vaccino era previsto per il 15 gennaio, ma è stato ritardato perché Macron ha affermato di voler rendere la vita più difficile a coloro che non erano stati vaccinati. Questo lo fece precipitare in una tempesta di critiche.
Elaine Whoisman

Svezia: Nuove restrizioni, vanno più del solito

La Svezia ha goduto di un autunno coronale, ma la mappa qui è in aumento da dicembre. Ogni giorno vengono segnalate oltre 22.000 nuove infezioni. A novembre erano ancora 1.000 al giorno. A causa dell’aumento “elevato”, questa settimana entreranno in vigore nuove misure. Il pass per il vaccino (la Svezia non utilizza il pass corona) si applica alle riunioni di più di cinquanta persone. I caffè dovrebbero essere chiusi alle 23:00 e non sono ammessi gruppi di più di otto persone. Inoltre, ai cittadini è chiesto di lavorare il più possibile da casa e di evitare feste e feste. In precedenza era stato deciso che i negozi avrebbero potuto avere meno clienti contemporaneamente.

Anche se le maschere non sono obbligatorie sui trasporti pubblici in Svezia.  Immagine Getty Images

Anche se le maschere non sono obbligatorie sui trasporti pubblici in Svezia.Immagini delle cartucce da campo

Le restrizioni non sono troppo gravi, ma si spingono relativamente lontano in Svezia, che preferisce incorrere nella responsabilità civile piuttosto che nei doveri. Ad esempio, le mascherine non sono obbligatorie sui mezzi pubblici.

L’ondata di Omigron ha aumentato lo stress negli ospedali, ma non è grave. 100 pazienti sono in terapia intensiva. L’epidemiologo statale Anders Technell ha affermato questa settimana che era troppo presto per considerare la corona come una malattia normale. Può essere, ma dovremo aspettare e vedere. Finora ci sono state continue sorprese.’
Jeroen Wieser

Italia: la politica 2G dà tono, chi non ha tiro può fare poco nella vita pubblica

Dal 1 febbraio in Italia è richiesta la prova 3G per entrare negli uffici governativi e nei negozi. Tuttavia, ci saranno eccezioni per farmacie, supermercati e segnalazione alla polizia, che ribadisce quanto siano rigide le regole.

Chi non è stato vaccinato ha meno probabilità di rifugiarsi nella vita pubblica italiana. Il presidente del Consiglio Mario Draghi è pienamente impegnato nella politica 2G, ad eccezione del 3G sul posto di lavoro e solo in alcuni servizi essenziali. Un obbligo di immunizzazione generale si applica agli over 50, compresi quelli al lavoro.

Quindi, per il momento, l’Italia non sta pensando di considerare il corona una malattia locale “normale”, soprattutto ora che la pressione sugli ospedali è aumentata notevolmente dopo le vacanze. Draghi è però determinato a evitare nuove chiusure che l’Italia non vedeva su larga scala dalla fine dello scorso inverno.

Lunedì ha affermato che questi non possono essere giustificati ora poiché i problemi del virus si verificano principalmente nella popolazione non vaccinata. Intanto la variante Omigron suona dapprima cautamente ottimista dalla Lombardia: compaiono i primi segnali di picco.
Rosa Van Cool

READ  La siccità porta a un piccolo raccolto di peperoni in Italia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24