TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Laura Degquima: Voglio essere orgoglioso dei miei genitori defunti

“Se mi avessi detto all’inizio dello scorso anno che ora sarei diventato un campione russo, non ti avrei davvero creduto. Ma sarebbe stato fantastico finire una stagione così difficile in modo molto bello”, ha detto Dejkima .

Perché è stata una stagione difficile. Sua nonna è morta a settembre. Non poteva venire dalla Russia per partecipare al suo funerale a causa di Corona perché sarebbe stata in quarantena per molto tempo al suo ritorno. Dijkema spiega: “Ho partecipato al suo funerale tramite Zoom. Ma è stato molto triste essere lontani da questo posto perché vuoi esserci anche per la tua famiglia”. “Mia nonna è sempre stata una delle mie più grandi fan. Se sapesse che sono sul giornale da qualche parte, sarebbe la prima ad andare al supermercato a Pelin per chiedere se il giornale esiste davvero”.

“Fortunatamente sono riuscito a vederlo.”

A peggiorare le cose, sua madre morì meno di quattro mesi dopo. Le è stato diagnosticato il morbo di Alzheimer nel 2015. “Giovedì ho sentito: Lau, potresti fare meglio a venire in Olanda, perché non sembra buono. Fortunatamente il club mi ha aiutato molto bene. Mi hanno prenotato subito un biglietto. e mi ha organizzato un test Corona. Venerdì mattina hai fatto “In realtà sono andato in Olanda, venerdì sera ero a casa e quella notte è morta immediatamente. Fortunatamente ero puntuale e ho potuto vederla”.

Da quando a sua madre è stata diagnosticata nel 2015, il regista Drenthey ha cercato di rimanere in contatto il più possibile. “Abbiamo sempre avuto molte connessioni FaceTime. Ma penso che sia un peccato, ad esempio, che non sia stata in grado di guardare in Italia negli ultimi anni. Non funziona più. Ma penso che le sarebbe piaciuto così tanto . “

READ  Nota: questi sono gli orari di inizio che cambiano oggi a Imola

Voglio rendere orgogliosi i miei genitori

I genitori giocano un ruolo importante nella loro carriera per molti grandi atleti. Ma all’età di quindici anni, Dejkima aveva già perso suo padre a causa del cancro. Tuttavia, può ricordare i bellissimi anni vissuti con bei ricordi. “I miei genitori erano molto solidali quando ero giovane. Mi hanno portato ovunque. Ma non mi hanno mai spinto. Sono stati sempre molto gentili al riguardo. Ora che sono un campione e posso dedicare loro il titolo. È la cosa migliore Ce la posso fare, tengo sempre a mente: “Voglio essere orgoglioso di loro”.

Avventura russa

A causa della malattia di sua madre, Dijkema ha rimandato per un po ‘la sua avventura nella pallavolo russa. Ma dopo aver rotto una corona per sei mesi, si è insinuata a Kaliningrad in agosto. La Lega russa richiede molto ai suoi giocatori.

“Sì, ho trovato molto difficile viaggiare. Dopo una partita fuori campo, torni sempre di notte. Ciò significa che salti almeno una o due notti a settimana. Ho dovuto abituarmi molto all’inizio. Perché Hai un jet lag. In subbuglio. Voli lunghi. Posso usare tutte le creme per idratare le cose “, ride Digichema.

“Ho avuto l’idea di giocare in Russia per diversi anni. In realtà avevo molte offerte che esprimevano anche fiducia. E sembra anche che andare in Russia sia molto eccitante. Volevo anche davvero diventare un campione una volta. Gioco in per questo motivo ho deciso di fare comunque questo passo “, spiega Dejkima. “Inoltre, i contratti sono molto migliori che in Europa. Penso di aver raggiunto un punto della mia carriera in cui posso fare un passo del genere”.

READ  La leggenda della corsa nel sogno olimpico Bekele assomiglia a | sport

Mi sono sentito davvero solo

Ma non è stato facile. Sicuramente non all’inizio. “Quindi non capivo davvero una parola russa. Avevo un compagno di squadra che parlava un po ‘di inglese. Mi ha aiutato molto. Ma all’inizio mi sono sentito davvero solo. Parlare sembra duro e spaventoso. La parola” bravo “in allenamento . Quindi ho pensato che fosse tutto un po ‘eccitante. Cosa. “

Corona

Tornando in Russia dopo il funerale di sua madre, il disastro è tutt’altro che finito. A gennaio ha contratto Corona ed è molto malata. Ha anche a che fare con un infortunio al ginocchio. Ma nel complesso, i russi sono riusciti a guadagnare la sua fiducia e sta seriamente considerando di prolungare la sua avventura lì per un altro anno.

(L’articolo continua dopo il video)

Revoca dati = “>

arancia

Oltre al titolo russo, Dejkima ha anche vinto due volte il titolo tedesco in passato ed è diventato campione olandese e italiano. Ha anche giocato 369 partite internazionali dal 2010. Ha vinto la sua medaglia d’argento ai Campionati Europei. Inoltre, è arrivata quarta con la squadra Orange ai Giochi di Rio e ai Mondiali in Giappone.

Undici anni fa, ha iniziato la sua carriera internazionale sotto la guida di Avital Selinger. Ora è di nuovo l’allenatore della nazionale delle Orange Ladies. La prossima settimana riprenderà gli allenamenti al Papendal. Ma Dijkema ha bisogno di un po ‘di tempo per se stessa e si consulterà con Selinger per scoprire quale programma è giusto per lei.

Linea di abbigliamento: Quattordicesima di Laura

Per cambiare idea, ha creato la sua linea di abbigliamento all’inizio dello scorso anno, con due amici di Drenthe. Il marchio si chiama XIV di Laura. XIV sta per quattordici; Il suo numero da giocatore. Vendono abiti casual come felpe, calzini, giacche e camicie. Sia per uomini che per donne.

READ  L'allenatore Fonseca crede che la Roma abbia pienamente controllato "l'Ajax forte" | proprio adesso

“Mi è stato chiesto molto: posso avere la tua maglia da allenatore? Ma non siamo solo calciatori. Potremmo avere dieci magliette che dobbiamo indossare per tutta la stagione. Quindi posso ancora dire qualcosa. Ce l’ho con le ragazze. in giro ed è quello che è successo davvero. “spiega Dijkema.

Drenthe Friends

Quando sei nei Paesi Bassi, vivi ad Amsterdam. Tuttavia, il gruppo di amici di Drenthe gioca ancora un ruolo importante nella sua vita. Le Seven Addition Sisters seguono da vicino la sua carriera e la aiutano quando necessario.

“Siamo andati al liceo insieme a Hoogeveen. E quel gruppo è sempre stato insieme e lo sarà, credo. Per sempre”, dice Dijkema, ridendo. “Ci si sente come una famiglia e questo è fantastico.”

Gioventù stimolante

Con una ricca carriera, quasi 80.000 follower su Instagram e 130.000 follower su Facebook, Dijkema è diventata un attore globale. Ma lei non ci pensa davvero.

“Spero di ispirare i giovani a fare esercizio e ad andare avanti nonostante le battute d’arresto. Questa è la cosa migliore della fama che ottengo attraverso lo sport”, dice Digichema.

Leggi anche: