Le critiche allo stato di diritto in Polonia e Ungheria arrivano in un momento caldo

Le “preoccupazioni serie” non sono nuove, ma sono solo aumentate nell’ultimo anno. La Commissione europea, nella sua relazione annuale sullo “stato di diritto”, ha concluso martedì che lo stato di diritto è stato oggetto di ulteriori concessioni sia in Polonia che in Ungheria. I risultati non hanno conseguenze dirette, ma contribuiscono ad aumentare la tensione sul fascicolo che porterà a una nuova escalation questo autunno.

Per quanto riguarda l’Ungheria, il Comitato rileva che “rimangono elevati i rischi di nepotismo, nepotismo e nepotismo nella pubblica amministrazione di alto livello, nonché i rischi derivanti dal legame tra imprese e attori politici”. In Polonia, “sistema Pesi e contrappesiContinua ad essere “sotto pressione” e la riforma del sistema giudiziario rimane una “grave preoccupazione”.

La critica arriva in un momento caldo, poiché entrambi i paesi attendono l’approvazione da parte della Commissione europea di un “piano di risanamento” con il quale vogliono chiamare l’European Recovery Fund. Il termine per la valutazione dei piani è scaduto, ma le trattative tra Bruxelles, Budapest e Varsavia, rispettivamente, restano molto difficili. Secondo i funzionari dell’UE, entrambi i paesi devono chiarire come vogliono affrontare i rischi di corruzione e frode. Le parti interessate prevedono che la discussione potrebbe riprendere a settembre.

Leggi anche: Questo professore afferma che l’accusa dell’Ungheria delle sue violazioni dello stato di diritto sta avvenendo molto rapidamente

Martedì, la commissione ha anche compiuto il passo successivo nel procedimento penale contro la Polonia per la camera disciplinare istituita lì per i giudici critici. La scorsa settimana, la Corte europea del Lussemburgo ha confermato una sentenza che impedisce alla Polonia di punire i giudici indipendentiقضاة dovresti colpire. Visto che alla Polonia questo non interessa molto, ora la palla torna a Bruxelles. La Commissione concederà alla Polonia quattro settimane per spiegare come intende attuare la sentenza. Se la Polonia non lo fa o lo fa in modo insufficiente, la commissione chiederà successivamente un’ammenda al tribunale. Questo può essere elevato, ma potrebbero passare mesi prima che la sanzione pecuniaria entri in vigore. Questa sarà la prima volta: sebbene negli ultimi anni la Commissione abbia intentato diverse cause contro la Polonia per violazione dello stato di diritto, non ha mai fatto ricorso a sanzioni pecuniarie.

READ  Il nuovo presidente iraniano vuole "interagire con il mondo", non con gli Stati Uniti fuori dal paese

I Rapporti sullo Stato di diritto sono un nuovo modo per Bruxelles di monitorare la situazione in tutti i suoi diversi Stati membri. L’anno scorso, l’annuale “ispezione” Per la prima volta, tutti i 27 Stati membri dell’Ue sono stati esaminati su quattro aspetti: la regolamentazione della magistratura, la lotta alla corruzione, la libertà e il pluralismo dei media e la presenza di adeguati “pezzi e contrappesi”. I rapporti non affrontano la protezione delle minoranze, il che significa che Legislazione controversa che limita i diritti di gay, lesbiche, bisessuali e transgender Non menzionato in Polonia e Ungheria.

Lo scopo della revisione annuale è monitorare gli sviluppi in tutti gli Stati membri, per poter fare confronti migliori e rendere così la discussione più “oggettiva”. Gli scettici vedono soprattutto un altro pacco di carte aggiunto alla già grande pila di analisi sugli sviluppi dello stato di diritto

Questa critica è ingiustificata, secondo il commissario europeo Didier Reynders, perché le relazioni faranno davvero avanzare il dibattito europeo sullo stato di diritto. Martedì, in una conferenza stampa, il belga ha confermato che i primi rapporti dell’anno scorso hanno avuto un chiaro impatto. Ad esempio, il dibattito nazionale sulle riforme costituzionali a Malta ha guadagnato slancio dopo le critiche della commissione.

Leggi anche: Il denaro dei contribuenti europei deve essere protetto dalla criminalità

Ma ora che i rapporti sono stati pubblicati per la seconda volta, è anche chiaro che la situazione in alcuni Stati membri si sta ulteriormente deteriorando. Ad esempio, la commissione osserva che dal 2020 il clima giornalistico in Polonia si è deteriorato e “l’accesso alle informazioni in Ungheria è stato reso più stretto attraverso misure di emergenza durante la pandemia”. Permangono preoccupazioni anche per la Romania, ad esempio, dove la Corte costituzionale ha recentemente messo in discussione una sentenza della Corte di giustizia europea. o sulla BulgariaLa politica continua a interferire con il sistema giudiziario e le indagini sulla corruzione raramente portano a condanne.

READ  L'organizzazione Trump è oggetto di un'indagine penale

Nel rapporto dei Paesi Bassi, Bruxelles segnala per il secondo anno consecutivo preoccupazioni sul finanziamento dell’assistenza legale. Anche nei Paesi Bassi mancano regole chiare in materia di lobbying e trasparenza nel finanziamento dei partiti politici. Secondo Bruxelles, il recente omicidio di Peter R. de Vries si inserisce in uno schema allarmante in cui la stampa ei singoli giornalisti in vari paesi dell’UE sono maggiormente sotto pressione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24