Le grotte sono le radici del paradiso

È il fantastico film in 3D di Werner Herzog sulle grotte di Chauvet Al Grotta dei sogni dimenticati Perché era il titolo perfetto per il nuovo film del regista italiano Michelangelo Framartino. Il suo terzo lungometraggio ora si chiama semplicemente Il Poco – Apertura.

Perché è quello che trovò quando circa dieci anni fa portò il sindaco di Alessandria del Carreto in Calabria, che è anche speleologo, nella vicina Abiso del Beforto, una grotta verticale di 700 metri sui Monti del Polino. Un brutto buco nel terreno. Almeno se lo guardi dall’esterno. La splendida inquadratura all’inizio del film ci permette di guardare il cielo dall’interno della grotta. È il canale del parto del film. Come spettatore, pensi per un momento che stai fluttuando. Forse sono questi i sogni dimenticati di cui Framartino fa i suoi film.

scena leggendaria

Frammartino (1968) stava esplorando le location in quel momento, dice in una videochiamata, per quello che potrebbe essere il suo miglior film, il suo film d’Art House preferito.Le Quattro Volt (2010). In quasi tutti i suoi film, il regista milanese torna nel paese d’origine dei suoi genitori, girando storie mediocri in un’ambientazione sbalorditiva, a volte quasi mitica. Sono sempre film sul grande e sul piccolo allo stesso tempo. Le quattro volte è incentrato sulla vita di un pastore di capre, ma si ispira alla teoria del mistico matematico Pitagora che diceva che ogni essere umano ha quattro anime dentro: un animale, un essere umano, un vegetale e un metallo. Era il cinema lento al suo meglio. Se guardi alla vita di tutti i giorni abbastanza a lungo, si mostrerà in tutta la sua poesia, tragedie e assurdità. Framartino ha un occhio speciale per quest’ultimo. È lo stesso tipo di umorismo secco che vediamo anche in Il buco, quando una palla vola avanti e indietro su quel buco nel terreno durante una partita di calcio.

READ  Ritardare il team di implementazione deve affrontare la sfida più grande di tutte: nessuna possibilità

Quella Grotta del Peforto che non ha mai lasciato. Pochi anni prima della sua nascita, un gruppo di avventurosi esploratori di caverne scese fino in fondo per mapparlo per la prima volta. Può in qualche modo tradurre quella campagna in cinematografia? È diventato il suo primo fashion film: ricostruisce il mondo degli anni ’60 e collega una spedizione di giovani speleologi alla vita di pastori e contadini calabresi, mentre parti del film offrono scorci nel mondo oltre. Parallelamente, il film racconta anche la storia di un vecchio pastore che scivola negli ultimi giorni della sua vita: “Forse tutto il suo sogno, o la sua visione della morte, lo lascerò a te. Il film naviga tra il visibile e l’invisibile, tra il conosciuto e l’ignoto, tra montagne e grotte. Nelle grotte sotterranee gli speleologi chiamano il nome “radici del cielo”, proprio come gli alberi le cui radici si estendono sottoterra fino ai loro rami nell’aria. E ci sono altre somiglianze: le anche i sistemi di grotte con i loro rami assomigliano al sistema nervoso dell’uomo.

era nero

In preparazione alle sfide mentali e fisiche delle riprese sotterranee, ha trascorso tre giorni e due notti in una grotta in Sicilia. Framartino: „un chilometro sotto le montagne e un labirinto completo. In una tale grotta è sempre notte. Sempre e ovunque al buio. Quando sono andato a dormire la prima notte, c’erano luci dei fari ovunque e rumori di altri esploratori di caverne. Mi sono svegliato nel cuore della notte. Ho aperto gli occhi, ma non c’era niente. Era nera. Più e più volte ho aperto e chiuso gli occhi, ma non ha fatto differenza. Ho avuto quello che sembrava un attacco di panico. Era completamente sconcertante. Non c’è più alcuna differenza tra il mio corpo e lo spazio che lo circonda”.

Statue di Abiso del Beforto

Da allora, Frammartino è stato un irriducibile appassionato di caverne, anche se quella prima esperienza esistenziale non lo ha mai abbandonato. Ho scoperto per caso il libro che è stato pubblicato alla fine degli anni ’40 segreto della memoria È stato scritto dal geologo francese François Ellenberger durante i suoi cinque anni come prigioniero di guerra in un campo di concentramento tedesco. Ellenberger vede la sua vita interiore e i suoi ricordi nello stesso modo in cui ha studiato la Terra come scienziato. Cerco sempre quel tipo di connessione metaforica tra apparenti opposti”.

E così il film inizia con vecchie scene di cronaca del Grattacielo Pirelli costruito a Milano nel 1961: “Durante la costruzione del grattacielo più alto da una parte d’Italia fino ad allora, altre persone sono scese nelle profondità più profonde della terra”. Gli anni ’60 non furono solo un periodo di grande crescita economica e prosperità in Italia, dice Framartino: “Tutti guardavano. Questo pensiero verticale era espressione dell’ottimismo che regnava in quei giorni. Il 1961 fu un anno cruciale. Insieme alla costruzione della Pirelli, è stato anche l’anno in cui tentò di raggiungere la vetta più alta del Monte Bianco con l’alpinista Walter Bonati e il cosmonauta sovietico Yuri Gagarin andò nello spazio e fece il giro della Terra. Si può dire che è per questo che il mio film sta andando dall’altra parte”.

Il cinema è ovviamente l’arte della luce, ma Il Poco (Che non accade solo per caso sottoterra, e quindi sembra sempre spaziale) è anche un film che prende una direzione visiva diversa. “L’oscurità, il vero nero, è stata la sfida più grande. Per i fotografi, il nero è la loro più grande paura, perché non puoi farlo bene. Se l’immagine di un film è nera, specialmente ai tempi del cinema analogico, è un errore. Come si fa rendi visibile qualcosa? In nero?Abbiamo sperimentato all’infinito, e finalmente siamo stati fotografati solo dalla luce dei fari degli speleologi.Così come gli speleologi andavano alla ricerca dell’ignoto, e dovevano scoprire che avevano sempre qualcosa di familiare contro ciò che era noto, perché diventava visibile quando ci illuminavano con la loro luce, quindi siamo andati anche alla ricerca di ciò che non puoi vedere, invisibile. Volevamo rendere visibile l’impossibile. Il nero è l’ultima frontiera del cinema”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24