Le università europee uniscono le forze per un motore di ricerca alternativo

Un’alternativa a Google, senza pubblicità fastidiose e con privacy, è qualcosa che tutti noi vogliamo, ma non pensiamo sia possibile. O forse può? I centri di ricerca europei faranno sforzi congiunti.

Non sarebbe davvero un sostituto di Google, almeno non direttamente. Si tratta invece di un’infrastruttura di ricerca aperta in cui gli utenti scaricano un indice sui propri computer per cercare informazioni in modo sicuro mantenendo la privacy. OpenWebSearch.EU, come viene chiamato il progetto, ha ricevuto una sovvenzione di 8,5 milioni di euro dalla Commissione Europea per indagare se è possibile intraprendere una ricerca alternativa che tenga conto degli standard, dei valori, dei principi e della legislazione europei. Per raggiungere questo obiettivo, la Radboud University di Nijmegen collabora con altri tredici centri di ricerca europei, tra cui diverse università tedesche.

“Accesso libero, aperto e imparziale alle informazioni: abbiamo perso questi principi di base della ricerca su Internet e abbiamo urgente bisogno di ripristinarli. Ecco perché stiamo sviluppando un’infrastruttura europea aperta per la ricerca su Internet, basata sui valori europei e sulla giustizia”, afferma il coordinatore del progetto Michael Granitzer dell’Università di Passau e della Open Research Foundation.

Cerca più etico
Entro tre anni dovrebbe esserci un progetto per l’European Open Web Index. Alla Radboud University, Arjen de Vries e Djoerd Hiemstra sono coinvolti nel progetto, tra gli altri. “Djord e io abbiamo collaborato per riportare le persone al controllo del loro accesso alle informazioni”, ha affermato de Vries, professore di informatica e direttore della ricerca presso l’Institute for Informatics and Information Science Research della Radboud University. “Vogliamo aiutare le persone a capire come vengono generati i loro risultati di ricerca, ridurre l’impatto della pubblicità sulle ricerche e, in generale, rendere la ricerca più etica”.

Il progetto ha le sue origini nelle preoccupazioni per gli squilibri nel mercato dei motori di ricerca. Sebbene la ricerca sul Web sia la spina dorsale della nostra economia digitale, è controllata e limitata da alcuni guardiani come Google, Microsoft, Baidu e Yandex. Pertanto, l’informazione come bene pubblico, con accesso libero, imparziale e trasparente, non è più sotto il controllo pubblico.

Niente di nuovo Google
La grande domanda è come apparirà questo indice di ricerca. “Non sarà un nuovo motore di ricerca. Germania e Francia vi hanno già investito diversi milioni, ma hanno fallito. Dimostra quanto sia difficile creare un motore di ricerca competitivo”, ha iniziato una conversazione con il professor Arjen de Vries Scienziati. nl. “Vogliamo fare qualcosa per il monopolio di Google e Bing e dimostrare che come Europa possiamo fare di più che distribuire multe. Loro sanno: se continuiamo così, presto ci sarà un’alternativa migliore”.

READ  Ti sei rotto il braccio spontaneamente? "Chiedi al medico sull'osteoporosi" | Salute

Questa alternativa è un indice web aperto rivolto principalmente all’Europa. Il progetto di ricerca sviluppa gli strumenti, il software e l’indice, ma è sicuramente decentralizzato come Google e completamente decentralizzato. “La cosa speciale è che più partiti possono creare l’indice, di solito un partito. Ma puoi ottenere molto se puoi condividere il lavoro. I partiti olandesi, ad esempio, strisciano nei media olandesi, come De Volkskrant. L’indice dei giornali segue l’olandese di questo. I partner tedeschi fanno lo stesso per le fonti tedesche. “

Fonti a 5 stelle
In questo modo dovrebbe essere creato un indice di ricerca, che è incompleto, ma fornisce una buona risposta alla maggior parte delle domande, classificate in diverse sotto-aree. Ad esempio, ci sarà un indice per lo sport, un altro per le notizie e un altro per la scienza o in particolare il calcio. Puoi scaricare un tale indice sul tuo computer. “Suona come un sacco di dati, ma in passato un computer occupava un’intera stanza e oggi ha le dimensioni di uno smartphone. Sempre più dati si adattano a un PC o laptop”. hai la risposta, puoi sempre usare Google So.

Openwebsearch.eu / Immagini della NASA e Unsplash

De Vries: “Alla Radboud University ci occupiamo principalmente di pulire e organizzare i documenti. Vuoi condividere non solo il libro, ma anche il sommario. Quindi ripuliremo i metadati, creeremo un indice e annoteremo i documenti: questo è un buon linguaggio ma non lo è. Questa è un’informazione corretta e meno. Ad esempio, diamo alla fonte 5 stelle o solo 3. La persona che usa l’indice può decidere da solo cosa fare con le fonti a una stella”.

disinformazione
I ricercatori non vogliono andare oltre per fermare la disinformazione. “Analizziamo l’autorità della fonte: quanto è facile da leggere? Quindi annotiamo l’indice con quelle informazioni, ma non vogliamo esprimere un giudizio. In caso contrario, gli utenti non saranno d’accordo: chi siamo noi per decidere cosa dovrebbe e non dovrebbe essere letto? “

Uno dei principali vantaggi dell’Indice Europeo è la garanzia della privacy. “Memorizzare tutto localmente sul tuo computer è molto meglio per la tua privacy. Metti le informazioni e il software sul tuo computer per te stesso. Puoi anche aggiungere la tua e-mail e altri documenti privati ​​ad esso. ” Questo elimina una pecca importante per Google: le ricerche che fai e quindi le tue preferenze e interessi personali non sono più per strada, ma rimangono al loro posto: sul tuo computer.

READ  Nove affascinanti fatti scientifici sulla cena di Natale

aggiornare
Secondo il professore, il quadro architettonico è ben organizzato. “Tecnicamente, dovrebbe funzionare. La domanda è più: possiamo costruirlo a un costo ragionevole”.

Ad esempio, c’è ancora un problema con l’aggiornamento delle informazioni. Dopotutto, nuove informazioni vengono costantemente aggiunte e devono essere sempre scaricate. “Questo è particolarmente difficile con le notizie. Potrebbe essere necessario un motore di ricerca aggiuntivo per verificare la presenza di aggiornamenti che rispondano alla tua domanda”.

Non una risposta diretta
Potrebbe anche essere necessario essere pazienti, dice de Vries. “Puoi pensare a una forma ricerca lenta. Dovremmo abituarci a un nuovo mondo in cui formuli bene la query di ricerca e ottieni anche una buona risposta, ma non in 5 ms. Se ti abitui al fatto che ottieni una buona risposta abbastanza rapidamente, ma non immediatamente, ti va bene e puoi anche migliorare perché ottieni una risposta migliore di quella di Google”.

modello di ricavi
E un altro problema è il modello di entrate, perché ovviamente non è gratuito. “Puoi immaginare qualcosa con un modello in cui puoi acquistare hardware o addirittura un intero catalogo su disco, ma puoi anche pagare offrendo annunci. Ad esempio, le organizzazioni in cui è importante che le ricerche rimangano riservate possono scegliere di aderire senza annunci ”, suggerisce il professore.

“Se si volesse che l’indice fosse disponibile per tutti gli olandesi, potrebbe diventare uno strumento, ad esempio, anche se le persone potrebbero dubitare della sua affidabilità: il governo non trascurerebbe le fonti o solo alcuni risultati di ricerca riterrebbero appropriati?”

lavoro umano
Ma queste sono tutte ancora prospettive. Il progetto è ancora lontano da questo, anche perché c’è una notevole differenza di risorse tra Google e il progetto europeo. “In Google, centinaia di ingegneri lavorano costantemente per aggiornare il motore di ricerca. Migliaia di persone, soprattutto nei paesi a basso salario, sono impegnate a rimuovere lo spam ogni giorno. Le persone spesso pensano che tutto avvenga automaticamente, ma c’è ancora molto lavoro umano. E non abbiamo questo tipo di risorse”.

È vero, il benchmark europeo è già diventato da solo “più pulito”. “C’è già una sorta di controllo. Il webmaster può indicare in anticipo: quando visiti il ​​nostro sito, scansiona questo e quello no. Questo in realtà ripulisce l’indice. “

READ  Cattura del Cardellino Cosmico: “La cosa strana è che non è in una galassia, ma piuttosto accanto ad essa”.

open source
La ricerca è un progetto open source a cui molte persone stanno lavorando contemporaneamente. C’è più interesse in Germania che nei Paesi Bassi. “Sono più consapevoli della loro privacy online lì. Ad esempio, per un altro progetto abbiamo provato a sostituire Google Analytics con un altro strumento di analisi web. Nei Paesi Bassi c’era un’università che non utilizzava Google Analytics. In Germania, già il 90 percento utilizzato un altro strumento per motivi di privacy.”.

Anche i nostri vicini orientali potrebbero essere più aperti al nuovo indice web. Perché questo è un punto importante alla fine: quante persone sono disposte a cambiare? “La gente lo vuole? Puoi già vedere quanto sia difficile per una società Internet monopolizzare. ” Ecco perché De Vries spera che la sostituzione sia migliore dell’originale. “Una combinazione di ricerca sul Web e archiviazione di documenti e dati personali può renderlo migliore di Google. Ad esempio, con un file In abbonamento webindex Puoi trovare subito l’hotel che preferisci in termini di prezzo, gusto e posizione. Non devi più inserirlo. Ciò rende la ricerca più facile di quanto non lo sia ora”. Tra le altre cose, la collaborazione tra organizzazioni offre anche vantaggi. “Pensa agli istituti finanziari che raccolgono informazioni per se stessi e possono condividerle chiaramente tra loro durante il programma”.

Emozionante
Le possibilità sono infinite e vanno ben oltre un semplice motore di ricerca. “Un sacco di PNL funziona tecnicamente meglio con apprendimento approfondito Ma questo richiede molti dati ed è in mani commerciali. Con il nostro indice puoi trovare anche quelli modelli di apprendimento profondo Accesso gratuito e formazione dei modelli. Non è di questo che tratta il progetto, ma è una grande cattura accessoria”, afferma de Vries.

La cosa più eccitante è se tutto questo può essere raggiunto. “Tra tre anni non ci sarà davvero una soluzione pronta per il consumatore. Ma deve essercene una verifica teorica Più un’indicazione se questa è una strada fattibile o meno. Vogliamo avere una sorta di prototipo pronto per come apparirà un motore di ricerca e come puoi iscriverti ai sottoindici. Speriamo di poter creare qualcosa che ti faccia pensare: che bel progetto, dovremmo portarlo avanti”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24