Leader dell’opposizione bielorussa: “Gli immigrati possono rivoltarsi contro il regime di Lukashenko”

Due telefonate di Angela Merkel e un’intervista alla BBC. Questo è ciò che il governatore bielorusso Alexander Lukashenko ha ottenuto finora portando migliaia di migranti al confine polacco, vessando così l’Unione europea. È chiaro che ha raggiunto il suo obiettivo, afferma Svetlana Tikanovskaya, capo dell’opposizione bielorussa. Ha creato questa crisi per costringere l’Europa a parlargli. È un ricatto, nient’altro”.

Ma non esiste una cosa come una vittoria. “Nessuno riconosce davvero Lukashenko. Le sanzioni sono ancora in vigore, si sta preparando un nuovo pacchetto. Sta diventando sempre più isolato. Spero, penso di no. Sono sicuro che l’Europa non abbandonerà i suoi principi”.

Per più di un anno, Tikanovskaya ha viaggiato nelle capitali europee per ottenere sostegno per la Bielorussia democratica. È un incarico inaspettato e forzato, dopo che suo marito, il candidato presidenziale Sergei Tikhanovsky, è stato arrestato nel maggio dello scorso anno e ha accettato la sua candidatura. Ad agosto, poco dopo le elezioni truccate, è fuggita in Lituania. Come oppositrice di Lukashenko, che è al potere dal 1994, ha probabilmente vinto più voti. A Vilnius, Tikhanovskaya e il suo team lavorano come governo in esilio.

Notevolmente calmo e riflessivo, Tikhanovskaya si muove attraverso un programma frenetico. È in Olanda per un giorno. Tra i colloqui all’Aia, il discorso alla conferenza Nexus e l’incontro con la Bielorussia nei Paesi Bassi, c’è tempo per un’intervista. Mentre ti siedi e guardi Amstel dall’Hotel De L’Europe: “Dobbiamo trovare il tempo ogni giorno per vedere quanto è bello tutto”.

Leggi anche Questa domanda riguarda i migranti al confine tra Polonia e Bielorussia

Lukashenko presenta il suo contatto con la Merkel come una vittoria sull’Europa “debole”. La incolpi per averlo chiamato?

Capisco perché l’hai fatto per motivi umanitari. Gli immigrati erano in una situazione impossibile. Ma per i bielorussi, questo è incomprensibile. Lo stesso vale per l’intervista alla BBC. La BBC la chiama libertà di parola, ma non dovremmo dare a questo tizio una piattaforma. Attenzione e apprezzamento, questo è ciò che vuole, e tu non dovresti darglielo. Dobbiamo tirarlo fuori dai media. E certamente non dovremmo chiamarlo “il capo”, perché non lo è”.

READ  Stato di emergenza ad Haiti dopo l'assassinio del presidente e 'aggressori venuti dall'estero'

L’acuta crisi umanitaria è stata ora scongiurata, ma i migranti sono bloccati in Bielorussia. Sarà un problema per Lukashenko?

“Sarebbe sicuramente un grosso problema. Lavoriamo sodo per riportare indietro le persone, ma secondo le nostre informazioni, ora ci sono circa 10.000 immigrati in Bielorussia. Possono rivoltarsi contro il sistema perché sono stati truffati. Non è ancora chiaro come andrà a finire, ma il suo piano probabilmente si rivelerà come un ritorno al passato contro Lukashenko”.

Deplora che la crisi dei confini distragga l’Occidente dalla repressione nella stessa Bielorussia?

Mi dispiace per la condizione degli immigrati. Ma sì, questo distrae. Cerchiamo più e più volte di attirare l’attenzione sulla sorte di 876 prigionieri politici. Questo è difficile, perché non li vedi. L’immagine è importante e Lukashenko ne approfitta. La televisione di stato bielorussa ha mostrato molti figli di immigrati e ha permesso ai media occidentali di entrare nell’area di confine. La BBC dovrebbe anche rilasciare interviste ai prigionieri politici, ma ovviamente questo non è possibile”.

Leggi anche Questo rapporto proviene dall’area di confine polacca

Qual è il ruolo di Putin nella crisi?

Non ci sono prove del suo coinvolgimento diretto, ma il presidente della Russia tace. Potrebbe approfittare della debolezza di Lukashenko e aumentare la sua influenza sulla Bielorussia. Per l’Occidente, ora è relativamente democratico. Quanto a noi bielorussi, non vogliamo distruggere il nostro rapporto con il Cremlino. Siamo vicini e lo rimarremo. Continuiamo la relazione. Non lasciare che qualcuno rovini tutto”.

Putin ha invitato Lukashenko a parlare con l’opposizione. Sei pronto a farlo?

“Per noi, il rilascio di tutti i prigionieri politici è un prerequisito assoluto per il dialogo. Non puoi parlare con ostaggi e prigionieri. Una conversazione diretta tra me e Lukashenko è fuori discussione. Non devi, ci sono molti altri opzioni. Può anche essere a livello di ministri o parlamentari. Forse attraverso un intermediario. Forse attraverso Angela Merkel o qualcun altro”.

READ  La Commissione europea chiede sanzioni contro la Polonia per la controversa camera disciplinare

Cerchi di cambiare il potere attraverso nuove elezioni. Come si può ottenere questo?

“Nel migliore dei casi, le persone coraggiose dei dintorni di Lukashenko si allontanano da lui. Con queste persone possiamo parlare del futuro della Bielorussia. Lukashenko ha paura del tradimento e teme che le persone intorno a lui si uniscano contro di lui. Questo è per questo continua a cambiare ministri. Le nostre speranze risiedono anche negli uomini d’affari che vogliono proteggere le loro aziende da sanzioni sempre crescenti. Hanno molto da perdere”.

Leggi anche Questa intervista è con la scrittrice bielorussa Sasya Filipenko

Le sanzioni sono efficaci?

Le sanzioni europee possono essere aggirate molto facilmente. Potassa bielorussa, un importante prodotto di esportazione [nodig voor kunstmest, red.], l’80% è ancora fornito in Europa. Secondo il sistema, il commercio tra Bielorussia e Paesi Bassi è quintuplicato dopo le sanzioni. Questa è propaganda, dovremmo verificare se questo è vero. Ma i Paesi Bassi sono ora il terzo partner commerciale della Bielorussia, dopo Russia e Ucraina”.

Ottieni molto supporto con le parole, meno con le azioni. È frustrante?

“Sapendo che i miei figli non vedono il padre da più di un anno e che le persone vengono torturate nelle carceri in questo momento, penso di poter fare di più. Cerco di capire gli interessi economici e geopolitici. Ma quando i paesi parlano apertamente di umani diritti e valori umani, poi non agiscono». Secondo lei è molto difficile da capire».

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24