L’ex leader ribelle lancia un movimento di resistenza in Niger e rivuole il presidente

L’ex leader ribelle Raisa Ag Bola si oppone al golpe in Niger, foto del 2011

NOVITÀUna media

Quasi due settimane dopo il colpo di stato in Niger, un influente politico ha lanciato un movimento di resistenza nel paese dell’Africa occidentale. L’ex leader tuareg ed ex ministro Raisa Ag Bola ha annunciato il Consiglio di Resistenza per la Repubblica (CRR), un movimento antigolpe che vuole il ritorno del presidente democraticamente eletto Bazoum alla guida del Paese.

“Il Niger è vittima di una tragedia orchestrata da persone incaricate di proteggere il paese”, ha detto Ag Bola in una dichiarazione diffusa oggi online. Bzoum è stato destituito il 26 luglio dal comandante della sua guardia presidenziale, con l’appoggio dell’esercito.

Ha scritto in un articolo di opinione sul Washington Post la scorsa settimana che da allora è stato tenuto in ostaggio nel palazzo presidenziale. Oggi, il suo partito, il PNDS-Tarayya Party, ha fornito un aggiornamento sulla sua situazione in un comunicato stampa. Bazoum e la sua famiglia saranno trattenuti nella sua casa in condizioni “crudeli” e “disumane”. Ad esempio, si dice che la famiglia sia senza acqua ed elettricità, non c’è accesso per i medici e il cibo sta finendo.

La Camera dei Rappresentanti di Risa Ag Bola vuole che Bazoum torni rapidamente al potere, usando “tutti i mezzi necessari per porre fine a questa falsa pratica di mettere in discussione le decisioni delle persone da parte di militari corrotti e irresponsabili”.

Fino ad ora, l’immagine è stata dominata da immagini di sostenitori della giunta. Domenica scorsa, alla vigilia della scadenza dell’ECOWAS, i militari hanno radunato quasi 30.000 persone nel più grande stadio del paese. Una delegazione del Consiglio militare è entrata nello stadio tra forti applausi e acclamazioni. Il generale Tomba ha tenuto un discorso in cui denunciava chiunque “si aggiri nell’ombra” e “cospiri contro l’avanzata del Niger”.

READ  Putin nomina un nuovo ministro della Difesa e Shoigu ottiene un altro incarico

Instabilità

Con il nuovo movimento Ag Bola, a cui avrebbero aderito molti politici, cresce il rischio di conflitti interni in Niger. È noto che Ag Bola gode di una grande influenza tra i Tuareg, che controllano gli affari e la vita politica nel nord del paese. Senza il loro appoggio, la giunta sarebbe in grado di controllare il difficile territorio fuori dalla capitale, Niamey.

In qualità di leader ribelle all’inizio del secolo, Ag Bola ha svolto un ruolo importante nelle rivolte del gruppo di popolazione nomade contro il governo del Niger. A quel tempo, i Tuareg chiedevano più fondi per lo sviluppo sociale ed economico nel nord del Niger.

Quasi 30.000 nigeriani si sono riuniti domenica scorsa nello stadio più grande del paese

Dal colpo di stato del 26 luglio, la pressione internazionale è stata esercitata sulla leadership militare del Niger per reintegrare il presidente deposto Bazoum. L’alleanza dell’Africa occidentale dell’ECOWAS aveva minacciato un’azione militare se il colpo di stato non fosse stato annullato entro martedì.

La giunta non ha risposto e ha chiuso lo spazio aereo sul Niger. Domani i paesi dell’Africa occidentale discuteranno nuovamente della situazione nella vicina Nigeria. L’Algeria si è già espressa con forza contro qualsiasi forma di intervento militare.

La giunta militare del Niger si rifiuta di parlare con i mediatori delle Nazioni Unite, dell’Unione Africana e dell’ECOWAS. Nella sua lettera, l’amministrazione militare ha rifiutato la visita “per motivi di sicurezza in questa atmosfera pericolosa”.

I diplomatici avevano voluto visitare il Niger ieri, in modo simile al vice segretario di Stato americano che ha visitato Niamey lunedì.

Visita dal Mali e dal Burkina Faso

La nomina di un nuovo Primo Ministro per il Niger è stata annunciata lunedì alla radio nazionale

C’è anche molto in gioco in Niger per l’Occidente. Per molto tempo il Paese dell’Africa occidentale è stato visto come relativamente democratico e quindi considerato un alleato affidabile nella lotta contro i ribelli islamisti nella regione del Sahel. Migliaia di militari americani e dell’Europa occidentale erano attivi in ​​Niger fino al colpo di stato. Quale sarà il loro futuro nel paese è incerto.

Riso e cibo in scatola

Il suo ministero ha annunciato oggi che il segretario di Stato americano Blinken ha parlato ieri al telefono con il deposto presidente Bazoum.

Blinken ha sottolineato che gli Stati Uniti sono impegnati a “ripristinare l’ordine democratico e costituzionale” in Niger. Il vice segretario Nuland non è stato autorizzato a vedere Bazoum lunedì quando gli è stato chiesto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24