L’incidente in cui un venditore ambulante nigeriano è stato derubato e picchiato a morte ha sconvolto l’Italia

Ha suscitato indignazione la morte di Alika Okorchukwu, picchiata a morte da un italiano di 32 anni venerdì pomeriggio.Immagine Shutterstock, Twitter

La vittima, Alika Ogorchukwu, come molti migranti nel sud Europa, vendeva merci per strada. Venerdì pomeriggio è stato improvvisamente inseguito, gettato a terra e picchiato più volte. L’aggressore ha anche rubato un cellulare.

“L’aggressore lo ha prima colpito con le stampelle, poi gettato a terra, poi colpito più volte a mani nude”, ha detto sabato in conferenza stampa Matteo Lugoni della polizia locale.

Secondo Daniel Amansa dell’ACSIM, un’organizzazione di migranti, Ogorchukwu ha usato le stampelle dopo essere stato investito da un’auto, dopo di che ha perso il lavoro a causa delle ferite riportate. Quindi, avrebbe fatto ricorso alla vendita ambulante.

Elogio mortale

Utilizzando telecamere stradali, la polizia è riuscita a rintracciare e arrestare l’aggressore, il 32enne Giuseppe Ferlazzo. Secondo Lugoni, Ferlazzo si è arrabbiato dopo che Ogorchukwu ha chiesto “ripetutamente” alcune modifiche. La polizia sta ora intervistando i testimoni utilizzando i video che circolano sui siti di notizie e sui social media italiani.

Secondo Amanza, c’era un altro motivo per la lotta e Ferlazzo si è arrabbiato dopo che Okorchukwu ha detto che la donna con cui era era bellissima. “L’elogio lo ha ucciso”, ha detto Amanza all’Associated Press.

L’attacco è avvenuto in pieno giorno nel mezzo di una trafficata via dello shopping nel cuore della cittadina balneare. Il filmato dell’attacco è circolato online, comprese le voci in sottofondo che chiedevano la fine delle violenze. Ma il mancato intervento sconvolge molti italiani. “La triste verità è che c’erano molte persone in giro. Stavano sparando e gridando ‘stop’, ma nessuno ha fatto nulla per separarle”, ha detto Amanza.

Motivi razziali

Ferlazzo non ha rilasciato dichiarazioni. Secondo il suo avvocato Roberta Bizzari, soffre di una malattia mentale. “Era bipolare e borderline. È da un po’ che riceve aiuto”, ha detto al quotidiano italiano Repubblica di La.

Sabato pomeriggio circa 300 nigeriani che vivono a Civitanova March hanno marciato verso il centro della città per esprimere la loro rabbia con i parenti di Okochukwu, che è sposato e padre di due figli. Alla protesta hanno partecipato anche sua moglie Charkunam e il figlio Emmanuel.

Secondo molti oppositori, l’azione di Ferlazo è stata motivata da motivazioni razziste. “Vogliamo giustizia, basta con il razzismo contro i neri”, cantavano. La polizia ha detto che non c’erano indicazioni che si trattasse di un attacco razzista.

READ  Ville Palladiane di Vicenza e Venito

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24