TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

L’influenza aviaria estremamente pericolosa è fiorente nel nord del paese e sono stati trovati centinaia di uccelli selvatici morti

Ispezione di un allevamento di pollame nell’Oldekerk a Groningen.Foto ANP

Si tratta della formula H5N8, che è molto pericolosa per gli uccelli. Il virus colpisce principalmente oche facciabianca e gabbiani dalla testa nera, ma anche rari rapaci possono essere a rischio. In una precedente epidemia di virus H5N8 tra gli uccelli selvatici nel 2016, si stima che dal 10 al 40% dei falchi pellegrini perenni siano morti nei Paesi Bassi. La probabilità che il virus infetti l’uomo è estremamente bassa.

In precedenza, il virus era presente principalmente tra il pollame, ma dal 2014 gli uccelli selvatici nei Paesi Bassi sono stati sempre più colpiti. C’è una tendenza generale che questo sia altamente patogeno (patogeno, rosso.Thijs Kuiken, virologo dell’Erasmus MC, afferma che il virus dell’influenza aviaria si sta adattando sempre più agli uccelli selvatici. Attualmente anche gli uccelli selvatici stanno morendo in Germania, Danimarca e Svezia.

Il virus aviario H5N8 è stato osservato l’ultima volta questo autunno negli allevamenti di uccelli acquatici e pollame selvatici. Quindi anatre, pulcini, polli e tacchini sono stati infettati in 12 allevamenti. In totale sono stati abbattuti 700.000 uccelli. Il virus di solito arriva da noi in autunno con gli uccelli acquatici migratori che vanno in letargo nell’Europa occidentale. Spesso il ministero dell’Agricoltura impone agli allevamenti di pollame un requisito di stabulazione per impedire la diffusione del virus.

Aquila del Mar Morto

Soprattutto se il virus viene trasferito dagli uccelli acquatici selvatici a rapaci come falchi, falchi pellegrini e aquile di mare, ciò potrebbe avere un impatto significativo sulla popolazione. Lo scorso fine settimana, una cucciolata con una giovane aquila calva è stata trovata morta per due settimane nella parte di Groningen di Hunzedal. L’aquila calva è una specie di uccelli protetta. Il giovane era probabilmente infettato dall’oca facciabianca infiammata, poiché ne erano rimasti dei resti nel nido.

Gli uccelli possono essere infettati attraverso il contatto con un uccello infetto, attraverso particelle di virus disperse nell’aria o attraverso escrementi di altri uccelli. Quando il virus raggiunge il cervello dopo l’infezione, gli uccelli non possono camminare o nuotare davanti a sé e quindi iniziano a girare in tondo quando nuotano. Possono anche cadere dal cielo in volo.

Esiste la possibilità che il virus continui a provocare infezioni nel settore del pollame. “A lungo termine, devi adattare il tuo allevamento di pollame a questo, ad esempio non tenendo gli animali troppo vicini gli uni agli altri o facendoti vaccinare contro il virus dell’influenza aviaria altamente contagioso”, afferma Kuiken. È vero che il virus sarà meno in grado di diffondersi presto perché le temperature estive si avvicinano e perché le oche facciabianca stanno già partendo verso nord e est per riprodursi.

READ  La paura della malaria resistente è in aumento in Africa | Scienza