L’Italia sembra avere un primo ministro di estrema destra per la prima volta da Mussolini | Attualmente

Il trio di estrema destra e conservatore sta in guardia dietro le quinte della politica italiana. Georgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi puntano a una solida vittoria elettorale. Meloni dell’estrema destra Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia) apre la strada alla vittoria delle elezioni. Cosa significa per l’Italia e l’Europa?

Quando l’attuale primo ministro Mario Draghi è entrato in carica nel febbraio 2021, gli italiani credevano che per il momento il Paese fosse entrato in acque calme. La politica italiana è stata particolarmente turbolenta negli ultimi dieci anni. Le alleanze esistenti cadevano regolarmente e nuove alleanze si formavano con difficoltà.

Il celebre “Super Mario” italiano Draghi è riuscito a restringere temporaneamente le divergenze politiche e a forgiare una coalizione a cui partecipavano tutti i partiti, ad eccezione di Fratelli d’Italia. Ma Draghi si è anche dimostrato incapace di far fronte alle enormi divisioni nella politica italiana. Alla fine, la sua alleanza è caduta a causa di disaccordi su un pacchetto di sostegno contro l’inflazione e l’aumento dei prezzi del gas.

Le dimissioni di Draghi hanno segnato la fine di un fattore stabile in tempi turbolenti. Le numerose crisi politiche dell’Italia sono arrivate molto a disagio anche a Bruxelles. Lì hanno visto l’affidabile e orientato all’UE Draghi scomparire come leader della terza economia dell’UE.

In realtà c’era solo una parte che ha beneficiato della caduta di Draghi. Questa è la Fratelli d’Italia di estrema destra guidata da Meloni. Questo partito è stato l’unico partito che non ha partecipato all’ampia coalizione di Draghi. Il partito ne trasse grande beneficio perché era l’unico partito che non poteva essere ritenuto responsabile degli errori del governo precedente.

READ  Lammers: "Con Verstappen diventi il ​​più perfetto possibile"

Meloni, 45 anni, è un astro nascente della politica italiana. Nelle ultime elezioni del 2018, ha ricevuto il 4% dei voti. Ora è almeno il 25% nei sondaggi d’opinione ed è la principale contendente per diventare il successore di Draghi e la prima donna primo ministro del paese.

Contesto politico postfascista

La carriera politica di Meloni iniziò con il Movimento Sociale Italiano (Movimento Sociale Italiano) postfascista. Dopo aver servito come ministro nel quarto governo Berlusconi tra il 2008 e il 2011, ha fondato il suo partito nel 2012.

Questo partito è anche regolarmente associato al fascismo. Così il motto di Fratelli d’Italia è diventato – “Dio, Patria, famiglia(Dio, Patria e Famiglia) – usato spesso in epoca fascista Inoltre, la fiamma tricolore dello stemma del partito compare nel motto del Movimento Sociale Italiano, l’ex partito dei Meloni.

Differenze tra fascismo, neofascismo e postfascismo

  • Il fascismo è un’ideologia nazionalista estrema che crede che una persona o un partito abbia tutti i poteri politici e militari.
  • Il neofascismo definisce le caratteristiche principali del fascismo. Inoltre, i regimi neofascisti sono spesso anti-immigrazione, populisti e razzisti.
  • Il postfascismo si riferisce a politici e partiti che non sono necessariamente fascisti, ma sono legati a regimi fascisti (il passato antico).

Il fascismo non è stato completamente perso in Italia dai tempi di Mussolini (il dittatore fascista e alleato di Adolf Hitler durante la seconda guerra mondiale). Dopo la guerra, non c’era spazio per le idee naziste nella politica tedesca. In Italia, invece, il fascismo non è del tutto scomparso nella politica e nella società.

Lo stesso Meloni ha sempre negato che il Partito d’Italia sia un partito postfascista. Paragona il suo partito ai conservatori nel Regno Unito e ai repubblicani negli Stati Uniti.

Alleanza Conservatrice

Meloni trasformò i Fratelli d’Italia in un partito populista, anti-islam, anti-europeo. Il partito dovrebbe formare un governo conservatore di destra con Lega Salvini e Forza Italia guidate da Berlusconi. I sondaggi mostrano che tutti e tre hanno buone possibilità di ottenere una maggioranza di due terzi alle elezioni. Questo basta per poter modificare la costituzione italiana senza referendum.

Salvini, ex ministro dell’Interno, è noto soprattutto per la sua rigida politica sull’immigrazione. Berlusconi, 85 anni, è un uomo d’affari che è apparso più volte nella politica italiana. È già stato primo ministro tre volte. Gli è stato inoltre vietato di entrare in Parlamento fino al 2018 dopo essere stato ritenuto colpevole di frode fiscale e incitamento alla prostituzione minorile. Berlusconi è visto come l’ala meno destra dei tre e un potenziale freno alla politica di estrema destra.

E così la (ultra) destra sembra essersi mossa per trovare risposte alle paure degli italiani. Meloni promette tagli alle tasse (anche se non è ancora chiaro quanto pagherai per questo) e una politica sull’immigrazione molto rigorosa.

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini durante un incontro a Roma.


Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini durante un incontro a Roma.

Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini durante un incontro a Roma.

immagine: Reuters

Il nuovo file di mal di testa di Meloni per Bruxelles

Da euroscettico, Meloni è più moderato di prima. Dalla caduta di Draghi, dal momento in cui Meloni è entrata seriamente in scena come contendente per la premiership, ha cercato un riavvicinamento con l’Unione Europea. L’Italia beneficia molto dei miliardi del Corona Recovery Fund dell’Unione Europea, quindi il conflitto con Bruxelles non giova a Meloni.

READ  Il colosso energetico tedesco Uniper è nei guai; Garanzia di fornitura del gas in inverno

Inoltre, Meloni è un sostenitore della NATO e sostiene l’Ucraina nella guerra contro la Russia. I suoi partner Salvini e Berlusconi criticano sempre di più le conseguenze della guerra per gli italiani comuni, come l’aumento dei prezzi dell’energia e l’inflazione.

Quindi Meloni dovrà stare in bilico su una corda sottile. Da un lato, dovrà essere amichevole con i suoi elettori e partner della coalizione. Ma questo vale almeno per l’Unione Europea.

A Bruxelles, la vittoria di Meloni sarà vista soprattutto come un’altra vittoria dell’euroscetticismo in Europa. La scorsa settimana, i democratici svedesi nazionalisti ed euroscettici hanno svolto un buon lavoro durante le elezioni del loro paese. Le conquiste territoriali dei partiti antieuropei possono portare alla fine all’instabilità, soprattutto in un momento in cui chiedono l’unità.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24