L’Italia si ritira dal nuovo progetto infrastrutturale cinese della Via della Seta

Appartamenti a Forest City, un progetto di sviluppo nell'ambito della Belt and Road Initiative cinese in Malesia

Novità del NOS

L’Italia ha detto alla Cina che si ritirerà dal progetto infrastrutturale della Nuova Via della Seta. Roma nega che ciò possa peggiorare i rapporti con la Cina o danneggiare l’economia italiana.

con Belt and Road Initiative (BRI), Come viene ufficialmente chiamata la Nuova Via della Seta, nel 2013 la Cina ha lanciato il più grande progetto infrastrutturale della storia moderna. Nel 2019, l’Italia è diventata il primo e finora unico grande paese occidentale ad aderire al Programma di commercio e investimenti.

In tal modo, ha ignorato gli avvertimenti degli Stati Uniti secondo cui avrebbe dato alla Cina il controllo sulla tecnologia sensibile e sulle infrastrutture critiche. Il primo ministro italiano Meloni ha dichiarato, dopo la sua elezione lo scorso anno, di voler ritirarsi dall’accordo, che non avrebbe portato vantaggi significativi per l’Italia. L’accordo del 2019 scade a marzo 2024 e quindi non è prorogato per quanto riguarda Roma.

Il deficit commerciale è raddoppiato

L’Italia si aspettava più scambi commerciali e un migliore accesso al mercato, ma è rimasta delusa. “Se si guardano le statistiche, è completamente il contrario”, aveva detto in precedenza Alessia Amigini dell'Istituto italiano per gli studi politici internazionali al corrispondente cinese Sjord den Das.

Una fonte del governo italiano ha detto a Reuters che Roma ha inviato una lettera a Pechino questa settimana informando la Cina che la partecipazione dell'Italia non sarebbe stata estesa. Il governo cinese deve ancora rispondere alla decisione.

relazioni strette

“Anche se non facciamo più parte della Belt and Road Initiative, vogliamo mantenere buone relazioni con la Cina”, ha detto a Reuters una seconda fonte governativa. “Altri paesi del G7 hanno legami più stretti con la Cina rispetto ai nostri, ma non hanno mai partecipato al progetto”, ha aggiunto.

Sin dal suo inizio, circa 150 paesi, principalmente paesi in via di sviluppo, hanno firmato la BRI con la Cina. Il motivo per molti di questi paesi era monetario: la Cina non riceveva finanziamenti dal FMI o dalla Banca Mondiale per progetti infrastrutturali in cui era disposta a investire.

Ci sono dei rischi, perché i prestiti alla Cina dovranno essere rimborsati e i progetti infrastrutturali intrapresi dalla Cina andranno male. Un esempio è una centrale idroelettrica in Ecuador. ora delle notizie In precedenza era stato ripreso un video dei danni nell'area in cui è stato costruito l'impianto.

Gli abitanti del villaggio di San Luis in Ecuador vedono sempre più terra scomparire nel fiume:

Un villaggio viene lentamente distrutto da questa centrale idroelettrica cinese

Sjoerd den Daas ha affermato in precedenza che questo tipo di storie possono causare danni alla reputazione della Cina ora delle notizie Non crede che la Cina fermerà del tutto la BRI. “Questo è il seme che Xi ha piantato, e se Xi pianta un seme, deve essere annaffiato. Puoi vedere che l'investimento è inferiore e i progetti in cui stanno investendo ora sono più redditizi.”

READ  Sospettato di aver accoltellato il padre e il medico di famiglia di Harderwij, Sacha C. (21) Arrestato in Italia. Drammaturgia in Italia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24