Marcel Levy non sarà presente alla première di Death by Debt?

Riepilogo dell'articolo

Marcel Levy purtroppo si è ritirato dalla partecipazione alla prima del documentario “Death by Debt?”. Il motivo della sua mancata partecipazione è un’estensione della mancanza di responsabilità degli esperti che da tempo respingono la diffusione del virus attraverso l’aria (con tutte le sue conseguenze).

Leggi l'articolo completo: Marcel Levy non sarà presente alla première di “Death by Debt?”

momento della lettura: 4 minuti

(Estratto foto dal documentario)

documentario

Da maggio 2020, il documentarista Frank De Roy mi ha seguito durante il periodo Corona. Ha seguito la mia lotta per far sì che RIVM e OMT si rendessero conto che il coronavirus si diffonde principalmente attraverso l’aria. Poiché questo è stato a lungo respinto, ad esempio, nelle strutture sanitarie sono state adottate le misure sbagliate (mascherine facciali e 1,5 metri) e non quelle giuste (più aria fresca possibile), con tutte le conseguenze che ne derivano.

Alla fine, nel novembre 2022, il responsabile scientifico dell’OMS ha dichiarato di rammaricarsi che la diffusione aerea del virus fosse stata ignorata per così tanto tempo.

Il documentario di un'ora dà una buona impressione di questa lotta e resistenza tra i membri del RIVM e dell'OMT contro l'importante ruolo degli aerosol nella diffusione del Corona. Compreso l’atteggiamento di alcuni media di mettermi in cattiva luce.

Di seguito troverete il trailer di questo affascinante documentario.

La premiere è prevista per il 16 aprile allo Zeist

Questo documentario sarà presentato in anteprima al Fiji Theatre di Zeist il 16 aprile. (Puoi ancora ordinare i biglietti per quella sera qui). Prima della proiezione del documentario si terrà una tavola rotonda sul contenuto del documentario e su domande sull'azione della scienza e dei media in quel momento. Avrò questa conversazione con Marianne Zugerman e due o tre ospiti del mondo della scienza, dei media e/o della politica.

READ  Un medico crede che la cura magica che previene la calvizie non sia magica

Marcel Lévy ha risposto positivamente al mio invito a quella conversazione. Il 7 dicembre 2020 ho realizzato un fantastico podcast con lui. Inoltre, ora abbiamo impegni da parte di Flor Agima, che si è impegnata fin da subito a riconoscere la diffusione tramite aerosol della malattia, e di Ton Verlinde (Ex Brandpont, troverai il suo blog informativo qui.)

Marcel Levy si ritira

Dopo la pubblicità della sua partecipazione, Marcel mi ha chiamato. A quanto pare era preoccupato per qualcosa e poi ha guardato il documentario. Su questa base ha deciso di non partecipare. Questa è la sua dichiarazione che mi ha permesso di pubblicare:

“Mi rendo conto che Maurice de Hond è stato uno dei primi a pensare e ad affermare ad alta voce che il coronavirus poteva diffondersi anche tramite aerosol. Solo più tardi se ne sono accorti autorevoli organismi scientifici come il CDC, l'OMS e la RIVM. È bene che pensare a questo in modo che possiamo imparare da esso nella prossima occasione.

Ma non penso che sia una buona idea discutere la posizione e l’integrità dei singoli scienziati (che presumo agissero in buona fede all’epoca), il che porta alla polarizzazione e potrebbe persino incidere sulla loro integrità. Per questo motivo mi astengo dal partecipare al lancio del documentario di Morris”.

Il documentario infatti mostra come, ad esempio, il Prof. Van Dissel e il professor Vos hanno espresso pareri negativi sulla diffusione del virus attraverso l'aria. Ma sì, questo è parte integrante della rappresentazione della negazione di qualcosa, che generalmente viene riconosciuta dopo un paio d'anni.

La grande domanda nella discussione del 16 era precisamente: come hanno continuato ad assumere questa posizione e perché non si sono mai ritirati pubblicamente da essa? È stato molto interessante scambiare riflessioni su questo argomento con Marcel Levy. Ciò potrebbe anche aver avuto un ruolo nel ridurre la polarizzazione che si è creata.

READ  Fischio continuo, crescente preoccupazione per l'acufene: "Non ho più momenti di quiete"

Questa è la mia risposta ufficiale alla cancellazione di Marcel Levy, come l'ho anche informato, in altre parole:

“Ovviamente rispetto la decisione di Marcel Levy. Il documentario evidenzia come, nonostante prove evidenti, le autorità hanno ignorato che il virus si trasmette principalmente attraverso l'aria. Ciò ha portato alla mancata adozione di misure di base e all'attuazione di misure inutili con conseguenze di vasta portata La resistenza espressa dagli scienziati nel riconoscere la trasmissione aerea è un punto chiave del documentario, che solleva essenzialmente la questione del perché le persone si aggrappano al loro punto di vista.

La mancata dichiarazione successiva delle persone coinvolte lascia spazio a speculazioni sulle loro motivazioni in quel momento. Sebbene non sia stato sospettato alcun intento malevolo, è un peccato che non sia stata fornita alcuna responsabilità, il che è fondamentale per imparare da questa situazione e prevenirne il ripetersi. È un peccato che Marcel Levy non abbia voluto essere presente all'incontro per condividere la sua opinione secondo cui tutto era stato fatto al meglio delle sue conoscenze in quel momento.

In mostra a partire dal 16 aprile

Puoi Stiamo ancora acquistando i biglietti per questo evento che si terrà a Zeist (19:30-22:00 nelle Fiji).

Il programma prevede il documentario e una tavola rotonda con Flor Agima e Ton Verlinde. Più un incontro con me e Marianne Zugerman.

Dalle 19 di sera Blckbox trasmetterà anche una conversazione che io e il documentarista Frank de Ros abbiamo avuto con Flavia Pasquino su questo documentario.

Il documentario sarà visionabile online dal 17 al prezzo di 3,99 euro. (Per coprire i costi del documentarista che ha lavorato al documentario per 3,5 anni).

READ  E se il nostro coraggio non fosse d'accordo con un viaggio su Marte?

È triste notare che nessuno degli esperti che hanno contribuito a liquidare gli aerosol come una delle principali vie di trasmissione era disposto a parlarne pubblicamente. Ciò rende ancora più spiacevole il fatto che Marcel Lévy abbia rifiutato di partecipare a questa discussione.

Trattore

Ecco il trailer del documentario.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24