Michael Mann ha visto “una grande storia” nella sceneggiatura scritta da Kennedy Martin su Enzo Ferrari negli anni '90

Il motivo per cui il grande regista americano Michael Mann sperimenta la sceneggiatura da quasi decenni Ferrari Il fatto che ne sia stato tratto un film non è dovuto al fatto che lui sia affascinato dalle auto e dalla velocità. È quello che racconta a un gruppo di giornalisti poco dopo la première mondiale del suo nuovo film alla Mostra del Cinema di Venezia. “Ma se ti piacciono le auto veloci, puoi semplicemente comprarne una e non farci un film.”

Il motivo è che ha visto una “grande storia” nella sceneggiatura scritta da Troy Kennedy Martin negli anni '90. Si concentra su un periodo breve, cruciale e turbolento nella vita del pilota e costruttore di auto sportive Enzo Ferrari. Nel 1957, Enzo (Adam Driver) e sua moglie Laura (Penelope Cruz) hanno perso il figlio Dino, 24 anni, un anno prima. Nel frattempo, l'ex pilota automobilistico non è in grado di scegliere tra la sua triste e amareggiata moglie e socia in affari Laura e la sua gentile e comprensiva amante Lena (Shailene Woodley), che ha anche lei un figlio. E la sua azienda è in pericolo. Per iniettare il capitale tanto necessario e rafforzare l'immagine, le sue auto devono vincere la gara di resistenza Mille Miglia, dove auto da corsa rosso vivo vengono inseguite attraverso città e villaggi italiani.

Ferrari È il dodicesimo film ad alto budget e di genere del regista ottantenne Mann. Per il suo stile ampio, l'attenzione ai dettagli e il senso del tempismo nei generi tradizionali come il thriller poliziesco, è amato sia dai multiplex che dagli altri spettatori. Sul servizio di streaming HBO, la regista Ava DuVernay canta le lodi di una rapina in banca nel classico Heist Man in One Perfect Shot. Calore (1995), considerata da molti la migliore scena di sparatoria nella storia del cinema. Mann è anche il produttore esecutivo della serie poliziesca Miami vice (1984-1989), la più grande televisione degli anni '80 con la Coca Cola, le flash car, le scintillanti auto sportive e la musica di Phil Collins. E un manager Di lato (2004), un thriller con Tom Cruise nei panni di un gelido assassino che esplora l'estetica delle riprese notturne digitali.

READ  Queste stelle hanno sparato le proprie bolle

Caravaggio

Anche l'ultimo film di Mann sembra molto stilizzato e visivamente ben pensato. A Venezia spiega che il suo riferimento in termini di illuminazione e soggetto questa volta era Caravaggio. Con contrasti estremi. A questo contrappone una tavolozza di colori a volte monocromatica e movimenti di macchina un po' pacati. Mann: “Nella camera da letto di Enzo tutto è quasi dello stesso colore e le scene contengono dialoghi completamente statici. Ma i conflitti che emergono in questi dialoghi vengono in parte risolti nei momenti di corsa. Volevo che il film si trasformasse nel suo opposto: l'eccessivo il lavoro della fotocamera a spalla e il colore rosso primario che… appare attraverso l'inquadratura.

Secondo Mann, tu come spettatore sei indotto in errore: pensi che Enzo abbia “vinto” ad un certo punto quando le due Maserati della Mille Miglia del suo avversario. Si scopre poi che i piloti Ferrari continuano l'inseguimento nel panorama italiano, anche quando il tecnico consiglia di prendersela comoda. La stessa Ferrari non è sorpresa, come sa un ex pilota: i corridori corrono. Mann: “Pensi che questo sia il gran finale, ma in realtà sei ancora a tre conclusioni dal finale. Questo tipo di preparazione drammatica mi fa venire voglia di filmare uno scenario come questo. “Non perché mi piacciono le macchine.”

Presumibilmente, anche il personaggio stesso di Ferrari è stato il motivo per cui Mann è stato attratto dalla sceneggiatura. I suoi film a volte sembrano meditazioni sulla mascolinità. Appaiono regolarmente uomini completamente immersi nel loro lavoro. Sono spesso solitari danneggiati che hanno imparato a spegnere le proprie emozioni per svolgere i “compiti” prefissati. Anche Ferrari nel film di Mann si è costruito un muro attorno, altrimenti non avrebbe potuto continuare il suo lavoro: un conoscente dopo l'altro corre verso la morte.

Mann riconosce qualcosa di sé in Enzo Ferrari? “Probabilmente ci sono somiglianze tra tutte le persone che sono altamente motivate a perseguire la propria passione o desiderio. Che tu sia Einstein che vuole dimostrare un'idea o Michael Jordan come giocatore di basket che vuole fare qualcosa che non è mai stato fatto prima. Penso che la motivazione è simile: il mio impegno profondo è “Per il cinema”. È risaputo che la passione di Mann nacque quando, riluttante studente di lettere, seguì un corso di storia del cinema e di Kubrick. medico. strano amore (1964): un film personale e artistico che è riuscito ad attirare un vasto pubblico. Da allora Mann ha voluto anche fare un cinema che lasciasse il segno su molte persone, ma con una propria voce.

READ  Strain Smallbrough non tornerà sul palco per il momento: 'Ho imparato la lezione' | mostrare

Tendere al realismo

Oltre ad essere uno stilista, Mann è noto anche per la sua passione per il realismo. In Calore Durante la famigerata scena della ripresa, non ha utilizzato il “paesaggio sonoro” creato dagli editori, ma il suono reale delle registrazioni. Lì puoi sentire meglio come le esplosioni sono rimbalzate sugli edifici residenziali. Anche con Ferrari Mann si è battuto per il realismo, come si è visto a Venezia. Ha detto che non trovava spaventoso, come americano, girare un film su una leggenda italiana in Italia, ma è stato arricchente. “L'ambizione finale era quella di girare il film esattamente nel luogo in cui viveva Ferrari. La scena in cui va dal barbiere è stata girata in realtà nel negozio di barbiere dove Enzo andava ogni mattina. Quello che lo rade è il figlio di colui che lo ha rasato. E se cammini per venti metri, trovi una casa” di Enzo e l'albergo dove andava a bere qualcosa tutte le sere. Tutti quei posti veri fanno qualcosa per te e per gli attori. Vedere quello che ha visto Enzo quando si è svegliato la mattina rende tutto prendere vita. Per non parlare del fatto che puoi parlare con persone che lo conoscono e che conoscono Laura. “

Mann ha lavorato con grandi della recitazione, da Al Pacino a Daniel Day-Lewis. È il tipo di persona che dà libertà ai suoi rappresentanti o li invia con istruzioni precise per l'obiettivo che ha in mente? Non risponde: “Il mio compito è soprattutto sapere come si comporta una persona. Robert De Niro si comporta diversamente da Al Pacino, o Daniel Day-Lewis, o Adam Driver”.

READ  Gli spettatori scherzano su una donna che non ha riconosciuto immediatamente Johan Flemex in Long Live Love

Mann spiega che il suo compito è quello di “coordinare” questa rappresentazione. Ma la maggior parte del lavoro è in cantiere. “Mi interessa solo lavorare con attori che siano impegnati quanto me ad entrare nel personaggio. Non posso fare niente con qualcuno che pensa che farò le prove per qualche settimana e penserò al resto mentre sto girando.” Guarda uno come Adam: tutto quello che fa nel film, dal modo in cui respira al modo in cui cammina “Goffo in ufficio quando ha fretta, è solo preparazione. Adam non si muove goffamente, è un atleta. E poi proviamo le cose consultandoci sul momento.”

https://www.youtube.com/watch?v=eUZ766ch51g

Leggi anche
Recensione Ferrari

Che gli sia piaciuto lavorare con Driver è evidente anche dalle voci persistenti secondo cui l'attore collaborerà al prossimo progetto di Mann: Calore 2. Il film fungerà da prequel e sequel del classico del 1995. Driver interpreterà una versione più giovane del personaggio di Robert De Niro nell'originale. Ma anche senza Driver, è probabile che il film diventi un successo nelle sale. Uomo :”Calore È un marchio di fabbrica e il film è tra i primi venti film del catalogo della Warner Brothers da quasi vent'anni. Quando il romanzo di Mann sui personaggi è stato pubblicato nel 2022, lei lo è diventata in pochi giorni Il New York Times-Best seller. Ora resta da vedere se ci saranno calci di rigore creativi come nella versione originale.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24