Oltre a tutto il simbolismo, Jeangu Macrooy ha quella canzone infallibile

Sorprendentemente, è così che il cantante Gango Macroe (27 anni) ha vissuto la prima volta che si è esibito nel palco esteso dell’Eurovision Song Contest ad Ahoy Rotterdam. Come se lui e i suoi cantanti, suo fratello gemello Chelan e il cantante A. Milly, e la ballerina Jill the Grid stessero “nuotando in mare aperto”. Ma dopo la seconda prova di sabato mattina, durante la quale per entrare in Olanda all’Eurovision Song Festival può eseguire di nuovo tre volte il brano “The Birth of a New Age”, è chiaro che il quartetto è diventato più familiare. La recitazione scenica, che cambia da modesta pesante a leggera e vivace in tre minuti, sembra elegante. “L’energia sul palco era buona”, osserva il cantante.

L’Eurovision Song Contest inizia martedì a Rotterdam con i primi semifinalisti. Prove di esibizioni dal vivo Questa è la 65esima edizione interessata da Corona Senti come un’uscita per i partecipanti provenienti da 38 paesi (quelli australiani non sono autorizzati a viaggiare e prendere parte a uno spettacolo video) a Rotterdam. Esci dalla bolla – Tutti i delegati sono invitati a rimanere dentro e intorno all’hotel il più possibile dal loro arrivo. L’organizzazione spera di mantenere il rischio di inquinamento il più basso possibile.

Le vite dei neri sono importanti come ispirazione

Come vincitori del 2019, i Paesi Bassi si sono qualificati direttamente alla finale. Con sei giorni rimasti, il cantante surinamese Django Macroe aspettava da molto tempo. Ma trasmette il suo messaggio il più possibile.

Nella sua canzone vivace e potente, sottolinea il ruolo dell’origine e la tua autostima, ispirato in parte dal Black Lives Matter. “La nascita di una nuova era” è “di tutti gli eroi”, ha detto McCroy durante la conferenza stampa europea in mattinata. Per i pionieri che hanno alzato la testa dal livello del suolo. E il suo coro in Sranantongo – „Non sono il mio broko ‘ (You Can’t Break Me) – parla di “il coraggio di assumere ciò che sei”. Mobilita i cittadini del Suriname Canta in questa lingua, Lui dice.

READ  Gli olandesi non sono ai Grammy: Zelensky si rivolge al pubblico | intrattenimento

La performance di Macrooy è piena di simbolismo, sia nel testo, nella danza, nell’abbigliamento che nelle immagini. Se queste numerose lettere e riferimenti arriveranno è la domanda, i bookmaker non valutano le sue possibilità molto alte. Ma indipendentemente dal contenuto, si distingue sempre per le sue canzoni impeccabili.

Durante i primi otto battiti della sua canzone Eurovision, un tono palesemente dissonante, Macrooy è tornato con il fratello gemello Xillan e il cantante A Mili. Sullo schermo LED dietro appaiono delle crepe. Come quarto interprete, il ballerino espressivo ritrae la generazione del duro dolore della Grid e lotta con movimenti di danza tesi e chiusi.

È l’inizio di una piccola canzone oscura che alla fine diventerà una celebrazione. Perché quando la canzone si apre e forma proiezioni di olio liquido sugli schermi colorati retroilluminati a LED, danzano frasi positive “Yu no man broko mi” (Non mi spezzerai) e “Non puoi spezzarmi” Su tutti gli schermi.

Leggi anche: Jango McCroy: In Suriname, non c’era un modello di comportamento gay per me

Modelli tribali del Maroon

Ciò che colpisce è il suo vestito, un moderno completo blu cobalto con una giacca corta, in cui vari elementi indicano le sue radici surinamesi. Come i nastri e le corde con perline rosse sulla parte superiore dei pantaloni. Assomiglia alle corde per il kamisa (perizoma) degli indiani del Suriname. I motivi tribali sulle sue cosce sono ispirati ai motivi marrone del Suriname. Anche per quanto riguarda l’aspetto della sua cantante e ballerina, la stilista Sylvie Ten Brock e la costumista Lisa Brandon sono state influenzate dai gruppi di residenti del Suriname (cinesi, maroon e creoli). Come totem, il baule Macrooy presenta un pendente da mezzo centesimo in argento del Suriname.

READ  Argentina Argentina viaggio a Roma nel tempo

Il fatto che Macrooy guardi sempre candidamente la telecamera mostra chiaramente la mano del regista belga Hans Pannekoek. Ha anche portato il lavoro di Duncan Laurence e The Common Linnets al livello successivo. Macroe, che è molto attiva sui social media, questa settimana ha messo i passi di danza in un delizioso ballo ravvicinato online. Ma in questo momento, la cantante francese Barbara Bravi è quella Con una debole “voilà” chanson ma forte esecutore È considerato uno dei miei preferiti, seguito da vicino da Meraviglioso rock italiano Van Manskin.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24