Come sarebbe il 2050 se non facessimo nulla contro il riscaldamento globale

In tutto il mondo si stanno adottando misure per combattere il riscaldamento globale. Questo è più che necessario se vogliamo mantenere il nostro pianeta vivibile entro il 2050, secondo il libro “The Future We Choose: The Stubborn Optimist’s Guide to the Climate Crisis”. Il libro dipinge un quadro di come potrebbe essere il futuro se non facessimo nulla contro il riscaldamento globale.

Il libro, scritto da Christiana Figueres e Tom Revit-Carnac, tra gli altri, descrive un futuro cupo in cui dobbiamo prestare costantemente attenzione a ciò che sta accadendo fuori. Infatti, secondo gli autori, nella situazione più pessimistica sarebbe pericoloso aprire la finestra senza controllare la qualità dell’aria esterna. Inoltre, una maschera per la bocca sarebbe una necessità quando usciamo di casa. Nel peggiore dei casi, sarà necessaria una maschera ad alta tecnologia.

60 gradi

Secondo il libro, le temperature in alcune zone possono raggiungere i 60 gradi per un mese all’anno. Inoltre l’acqua libera non sarà più limpida. Gli autori non escludono che in futuro dovrai pagare l’acqua nei bagni pubblici.

Si aspettano anche che il riscaldamento globale influenzi la salute mentale delle persone. “Le persone si sentono nervose all’idea di vivere in un mondo in cui sentono di dover affrontare un ostacolo dopo l’altro”, affermano gli autori.

Fortunatamente, un simile mondo può essere evitato. La situazione sopra è una rappresentazione di come sarebbe il mondo se non facessimo nulla per combattere il riscaldamento globale.

In un’intervista con CNBC Peter Smith, professore di cambiamento del sistema del suolo e della terra presso l’Università di Aberdeen in Scozia, riconosce che l’azione è necessaria, ma rimane scettico sull’agonia che il libro descrive.

READ  Gli scienziati del clima avvertono: il Gulfstream è crollato

“L’inquinamento atmosferico e le emissioni che causano il cambiamento climatico vanno di pari passo, quindi agire meno contro il cambiamento climatico porterà a una cattiva qualità dell’aria”, spiega. “È dubbio che le persone dovranno indossare maschere entro il 2050”. Inoltre, secondo il professore, l’acqua potrà ancora essere fornita gratuitamente nel 2050.

Misure contro il riscaldamento globale

Secondo Michael E. Mann, professore di scienze atmosferiche in Pennsylvania, una situazione come quella descritta nel libro è inimmaginabile. “Almeno nello scenario peggiore in cui noi come civiltà ci rifiutiamo di intraprendere azioni significative sul cambiamento climatico”, ha detto Mann. “Penso che sia improbabile perché stiamo già lavorando duramente per affrontare il riscaldamento globale, ma c’è molto di più che deve essere fatto”. Ad esempio, molti accordi internazionali sono già stati conclusi, come l’accordo di Parigi.

Per evitare una situazione così letale, secondo gli autori del libro, dobbiamo ridurre le nostre emissioni di gas serra della metà ogni decennio. “Se riusciamo a decarbonizzare rapidamente la nostra economia (…) quasi a zero entro la metà del secolo, allora possiamo mantenere un pianeta vivibile e un’economia vivace”, ha detto Mann. Figueres e Revit Carnac scrivono che in futuro le strade cittadine vedranno più alberi e meno auto e gli americani potranno viaggiare sui binari della ferrovia elettrica ad alta velocità.

Gli autori osano persino affermare che in uno degli scenari positivi, mangiare carne sarebbe completamente fuori questione. Il libro dice: “In un simile futuro, i bambini potrebbero essere sorpresi dal fatto che una volta abbiamo mangiato carne”.

(A.m)

Leggi anche:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24