Non aver paura di mostrare la tua paura: “Fingevo di essere una storia di successo”

Il professore di neuropsicologia clinica Eric Scherder temeva di volare, temeva il fallimento e temeva la morte. YouTube Dylan Haegens soffre di attacchi di panico e l’attrice e editorialista Joy Delima soffre di disturbo d’ansia sociale. Queste sono solo alcune delle celebrità che hanno aperto un libro sulle loro preoccupazioni nel contesto della campagna #openoverangst di Psychologie Magazine. Ancora non meno importante.

I numeri mostrano che è imperativo, tuttavia, iniziare a parlare delle nostre preoccupazioni. Un sondaggio online condotto da Psychology Magazine mostra che più della metà (54%) delle persone sperimenta paure nella propria vita quotidiana. Anche 1 su 5 li infastidisce così tanto da avere un disturbo d’ansia. In questa situazione, la paura o più paure e il panico controllano la tua vita. Allo stesso tempo, più del 75% ammette di non avere il coraggio di parlare delle proprie paure e il 70% a volte si sente “strano” a causa della paura.

Anche Mandy, Rosan e Amanda hanno delle paure, ma non vogliono più tenerle per sé.

“ Ho gridato così a lungo che qualcuno è venuto a prendermi. ”

Mandy, 28 anni, soffre di claustrofobia.

“Mia nonna vive a trenta minuti di macchina da me, e in quei 30 minuti sono impegnata con l’ascensore in cui devo entrare. Poi mi dico: ‘Va bene, prendi l’ascensore tra un minuto. Puoi farlo. ”Quando devo spiegare la mia fobia interna alle persone, dico: supponi di essere terrorizzato dai ragni, quindi immagina di entrare in una stanza piena di ragni.

Mi toglie il corpo dalla testa in quel momento. So che mi sto rilassando e respiro con calma, ma il mio corpo urla: “Esci. Adesso. No.” Non riesco a respirare, il mio cuore inizia a battere più forte e si riscalda.Posso provare questa sensazione anche quando qualcuno mi abbraccia molto.Anche se questo è un abbraccio da parte di mio marito o di mia madre, in questo momento voglio prendere il mio a braccia aperte e posso agire con rabbia. Sembra davvero una follia. Dopo, perché sono persone che amo, ma non posso aiutarlo “.

“Sono con mio marito da sette anni. Sono stato aperto sulla mia fobia indoor sin dall’inizio. Ne tiene conto molto bene. Qualche tempo fa abbiamo visitato un campo di concentramento nella Repubblica Ceca. Mi ha avvertito di il vicolo stretto che dovevamo passare. Ma lo volevo assolutamente. “Per attraversare quell’ingresso. Mio marito fece strada. Le cose andarono bene finché le persone non camminarono dietro di me finché non potei più vedere la luce dietro di me. Poi fui di nuovo preso dal panico sapendo : Devo andare ora.

Ci sono due esperienze che possono aver innescato o esacerbato la claustrofobia perché per quanto posso ricordare mi ha sempre infastidito. Quando avevo 7 anni giocando a nascondino a casa di mia nonna, mi sono nascosta nell’armadio che mio nipote ha chiuso a chiave in seguito. Ho urlato finché qualcuno è venuto a tirarmi fuori da quell’armadietto. E quando avevo 12 anni, ero intrappolato in un ascensore. Era come se non potessi respirare. E quando entro in un piccolo spazio, mi sento sempre così: non ricevo abbastanza ossigeno “.

READ  Ricerca: il cambiamento climatico porta a più inondazioni in Europa occidentale / Notizie

“Devo avere il controllo. Sfido me stesso entrando in un ascensore, ma poi voglio essere davanti ed essere in grado di premere il pulsante. Stranamente, non trovo spaventoso volare o andare a un concerto Sono allo Ziggo Dome e so esattamente dove sono le uscite, fintanto che lo so, in una mostra o mostra dove ci sono molte persone, non lo so, quindi posso andare nel panico.

Ora so anche come rispondere di nuovo alla calma e questo è questo: respira consapevolmente. Togliti velocemente una giacca o un cardigan per rinfrescarli e riempirmi i polmoni di aria. Quando sento “Ehi c’è di nuovo aria”, mi sento di nuovo calma.

“Voglio essere in grado di fare le cose di tutti i giorni”.

Rosan Van Der Zee (24 anni) temeva il fallimento, l’interesse (con foto) e la paura dei luoghi affollati (poco chiari).

“Può sembrare strano, ma non mi spaventa facilmente. Mettimi sulla piattaforma, lasciami scalare un’alta montagna, andare a cavallo, lo chiami. La gente spesso pensa che sia intelligente, mentre mi piacerebbe davvero ogni giorno, ma in questo sono stato frenato dalle mie paure “.

Cerco persone che vivono da sole sin dalla giovane età che facciano da sole il bucato, le pulizie, la cucina e la spesa. Vivo ancora con i miei genitori ed evito quelli impegnati. Luoghi poco chiari perché andrò nel panico. Di conseguenza, ad esempio, non posso fare buoni acquisti. L’intero processo di ricerca di qualcosa, girovagando per molte altre persone: voglio uscire il prima possibile. Soprattutto al tempo della corona. Ho una dichiarazione che non devo indossare una maschera per il viso, ma la indosso comunque perché non so come reagiranno le persone quando vedono che non indosso una maschera. Penso che questo sia peggio. “

“Tutte le mie preoccupazioni sono di non essere chiaro. Posso imparare bene. So di essere intelligente. Ma ho già provato cinque corsi e non ne ho finito nessuno perché ho trovato la pressione della scuola e gli ascolti così alti. Lo so in qualche modo Posso farlo, ma la pressione mi fa prendere dal panico e paura del fallimento al punto che non sto fallendo, oa causa dei miei punteggi più alti del passato e dei terribili perfezionisti, ho impostato il livello così in alto che mi sto arrendendo alla pressione. “

READ  "Corona si trasforma in virus con un lieve raffreddore, la sfida è vivere in armonia con il virus"

Le videochiamate diventano un gran casino

“Quando ricevo una chiamata da un numero sconosciuto, non rispondo. Nemmeno quando qualcuno che conosci chiama e non so di cosa potrebbe trattarsi la conversazione. In precedenza ho chiamato gli amici perché a loro piaceva chiamare in questo modo. Io pensavo fosse stressante, non sapevo cosa fosse. “Verrà, cosa dire, o hai detto qualcosa di pazzo, e ora lo sanno: a Roseanne non piace chiamare.

Sfortunatamente, questo non si applica alle videochiamate durante la mia formazione. Devo farlo ma consuma molta energia. Questo perché non riesco a concentrarmi adeguatamente sulla lezione. Succedono molte cose sullo schermo, ma allo stesso tempo anche nel mio spazio. Sarebbe un gran casino, far sembrare che non sia reale e che a volte non ricordo. ‘

“A causa di queste paure, non esco davvero – anche se mi piace molto la musica – non vado ai concerti. Quindi mi interessa solo quello che faranno le altre persone intorno a me, quello che devo fare, o non disturbare uno di loro, agirà contro di me e insomma non verrò derubato: non otterrò niente dalla musica.

Tendo a fare molto per sfuggire alla realtà. Salirò, scriverò testo e musica per un film d’animazione, ottimizzerò, davvero qualsiasi cosa. Non ho limiti, perché so: una volta che mi fermo e sento i limiti, le cose possono andare storte e posso andare nel panico “.

Non è più una storia di successo

“Sono convinto che tu debba affrontare le tue preoccupazioni. Ecco perché hai anche accettato di chiamarmi per questo colloquio. Inoltre, conosco lo scopo di questo colloquio. Inizierò anche un corso di infermieristica il prossimo anno e lo farò . Ho ricevuto un anno fa la “consulenza sul ciclo di vita” per aiutarmi nel fare le cose di tutti i giorni. Sono anche aperta sulle mie paure, perché sono solo una parte di ciò che sono. Stavo nascondendo tutto. Volevo avere successo storia che ha un punteggio molto alto. Ho finito “.

“Mi sembra di avere un elefante sul petto.”

Amanda, 37 anni, ha paura di dire “no”, deludendo così le persone e perdendole.

“Soffro di una malattia del tessuto connettivo che mi causa meno energia e dolore perché le mie articolazioni sono così sciolte. Ciò significa che posso fare meno di molte altre persone. Significa anche che devo dire ‘no’ molto. Ma anche anche se devo Questa malattia è una condizione congenita, mi è stata diagnosticata molto tardi, e anche allora ho dovuto affrontare molti malintesi: “Perché non partecipi?”, “Non hai niente, giusto?” E “Non è psicologico ? ”Quando ero bambino ero vittima di bullismo A causa di ciò e non avevo amici.

READ  Sii intelligente nei test del QI

Penso che ogni malinteso del mio passato abbia lasciato cicatrici e questa paura. Il problema sono sempre stato io: non potevo partecipare. Ora, quando devo dire “no”, temo ancora una volta che le persone si arrabbieranno, si deluderanno alla fine e alla fine mi deluderanno. Non voglio essere un peso per nessuno, essere amato da tutti e avere molta auto-riflessione. Di per sé buona qualità, ma le persone possono assaporare questo relativismo soggettivo ed è per questo che così tante persone ballano su di me “.

“Al momento sono in subbuglio da due settimane. Questo perché recentemente sono giunto alla conclusione che la posizione di volontario per la quale ho fatto domanda non mi si addice bene. Ho deciso: non lo farò. Mentisco letteralmente sveglio dal dover abbassare questa situazione tramite e-mail. Mi sento sotto pressione nel mio petto è come un elefante seduto su di esso, ho una sensazione di ansia ovunque e un fastidioso solletico in gola. rilassati per sbarazzarti di questo ma trovo difficile.

A causa della mia paura, spesso oltrepasso i miei limiti fisici. Esempio: ho amici che camminano. La situazione è emersa di recente perché entrambe le donne volevano camminare con me lo stesso giorno. E siccome non voglio deludere entrambi, sono andato a fare una passeggiata due volte mentre la mia malattia significava che non avevo energie e così ho superato i miei limiti. Piuttosto, è dolore fisico piuttosto che dover sopprimere questa sensazione di disagio e disagio “.

Meno tabù, più comprensione

Per affrontare meglio la mia paura, ho parlato con un allenatore che mi ha detto: “Così sia e non prestargli attenzione. Rimani fiducioso che scomparirà. “Ma voglio anche essere sincero sulla mia paura. È proprio parlandone che diventa meno tabù e si spera che porti a una maggiore comprensione. Inoltre, ho già visto molte volte che le persone mi capiscono quando “Non fare” qualcosa. Questo è un sollievo letterale. Purtroppo non potrò contare su quello la prossima volta. “

Le preoccupazioni più comuni

  • Ansia da prestazione – Per aver commesso errori o non aver fatto qualcosa di giusto (71%)
  • Ansia sociale – a come gli altri reagiscono o li criticano (70%).
  • Paura di parlare in pubblico (64%).
  • Paura della morte: che una persona cara si ammali o abbia un incidente (62%).
  • Paura dell’altezza (55 percento).
  • Il 30% delle persone sperimenta la paura della solitudine, dei piccoli spazi (claustrofobia), della malattia, della guida, dell’uso del telefono e / o della paura di volare.

Fonte: Journal of Psychology

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24