‘Nuova Lampedusa’: aumento significativo di immigrati nella regione italiana della Calabria

“Negli anni precedenti abbiamo visto pochissime navi qui. Solo da ottanta a cento persone sono sbarcate per nave. Quest’anno a volte ci sono fino a 500 persone al giorno”, ha detto Concetta Geoffrey, responsabile della Croce Rossa nel la zona. Non sapeva esattamente cosa avesse causato questo aumento improvviso. “All’inizio abbiamo guardato principalmente alla Siria, all’Iraq e all’Iran. A settembre e ottobre è diventata la maggioranza degli afgani. Alla fine sono stati gli egiziani. Non capiamo cosa stanno giocando le forze geopolitiche qui”.

La Procura della Calabria sta indagando sull’aumento della migrazione attraverso la regione. “Le navi private devono andare oltre l’intercettazione e l’arresto di dirottatori”, ha detto all’agenzia di stampa AP l’avvocato Giovanni Bombardieri. Si indaga anche su un possibile collegamento con la ‘ndrangheta’ mafiosa calabrese. Lavora con i contrabbandieri per fare soldi con gli immigrati nella loro regione.

Forfora e corona

Qualunque sia la ragione, resta il fatto che il sistema di accoglienza di Rosella Ionica non è abbastanza grande per le grandi folle che sono arrivate lì di recente. Poiché la struttura di accoglienza nel centro è diventata troppo piccola, da ottobre è stata in porto una grande tenda con 180 brandine.

“Volevamo renderlo un po’ più confortevole, anche all’interno”, afferma Concetta Geoffrey. “Ma questi numeri non lo consentono”. Dei 250 immigrati che attualmente vivono lì, 140 ora devono condividere un letto. Non si considerano un problema, e alcuni giovani dicono: “È meglio qui che in Libia”. Ma Geoffrey è preoccupato. “Attualmente stanno tutti insieme. Stiamo cercando di isolare chi soffre di scabbia o chi risulta positivo al corona”.

READ  30 miglior affare materassi prime day : Amazon Prime Day

Non ci sono abbastanza volontari

Gli immigrati non dovrebbero rimanere nella tenda troppo a lungo. Secondo le regole italiane, il comune fornirà alloggio, cure mediche e cibo fino all’arrivo delle persone e al loro trasporto su una nave registrata e isolata. Ci vorranno al massimo qualche giorno.

“Il problema più grande per noi è che ci sono state una serie di operazioni di salvataggio dal 29 luglio”, ha affermato Vitorio Jitto, sindaco di Rosella Ionica. Il suo villaggio ha una popolazione di sole 6000 persone. “È chiaro che la nostra organizzazione di volontariato non è adatta a questo. Quelle persone di certo non possono aiutare 24 ore al giorno, tutti i giorni”.

Le spese per gabinetti chimici e cibo saranno rimborsate dal governo, ma solo entro un anno. “Nel 2019 sono circa 28.000 euro, è una cosa. Ora siamo oltre mezzo milione di euro. Non abbiamo quella capacità nel nostro budget”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24