Parlando di Romeo e Giulietta

Con la scintillante serie We Are Who, il regista italiano Luca Guadagnino aggiunge un nuovo gioiello alla sua corona. L’idea per la serie è venuta dall’autore superstar italiano Paolo Giordano.

La pubertà è un periodo turbolento. Tutto sembra complicato, soprattutto perché non hai ancora capito chi sei e quali sono le tue convinzioni. La serie in otto parti della HBO “Who We Are” esplora questo sforzo nei suoi molteplici aspetti. Tutto inizia con il quattordicenne Fraser. Va a vivere nella base dell’esercito americano in Italia, dove sua madre è colonnello. Fraser odiava che avessero lasciato New York fino a quando non si è infatuato di Caitlin, la figlia di un altro soldato. A poco a poco, cresce un’amicizia unica.

Los en Lyric

La serie ha preso slancio quando il regista Luca Guadagnino (Chiamami col tuo nome, ‘Suspiria’) ha messo le spalle al volante. Ha suggerito di collocare la storia su una base militare. Dopotutto, proprio come la religione, i militari si aspettano che tu presenti la tua identità a un potere superiore.

Noi siamo chi siamo

Una serie HBO in otto parti diretta da Luca Guadagnino (“Call Me By Your Name”). Seguiamo la vita quotidiana di due amici adolescenti che vivono con le loro famiglie di militari in una base dell’esercito americano vicino a Venezia.

Guadagnino, insieme ai colleghi scrittori e al suo meraviglioso gruppo di attori con un grande senso del dettaglio e dell’atmosfera, penetra profondamente nello spirito dell’adolescente e del periodo della vita umana in cui cerchiamo la nostra identità. La serie a più livelli mostra che questa missione non finisce mai.

Chi siamo Sarà disponibile su mylum.tv a partire dal 7 maggio.

Lo stile ampio, lirico e sensuale che Guadagnino ha brevettato, si adatta a “chi siamo” come un guanto. Di solito non accade molto durante gli episodi, ma il carattere casuale e l’allegria pura ritraggono i personaggi molto meglio di quanto accadrebbe nella sceneggiatura.

In primo piano a questo proposito è l’episodio in cui i personaggi principali ei loro amici fanno irruzione in una villa vuota per celebrare ampiamente il fidanzamento di qualcuno (prima che partano per una missione in Afghanistan). Inoltre, Guadagnino permette regolarmente ai suoi illustri giovani attori di ottenere ciò che vogliono. La spontaneità con cui si muovono sullo schermo è irresistibile.

Genitori liberi

I giovani protagonisti di “We Are Who” esplorano tutte le possibilità per definire esattamente chi sono, culturalmente (musica, abbigliamento, film, letteratura), la mia anima (religiosa), le mie relazioni e la sessualità. “La mia intenzione era ritrarre le complesse dinamiche dell’identità e del genere negli adolescenti di oggi”, dice Paulo Giordano.

Lo scrittore italiano, meglio conosciuto per “La solitudine dei numeri primi”, ha fornito l’impulso originale per la serie. Ha creato una sorta di Romeo e Giulietta moderni, la storia di due giovani uomini che esplorano i loro desideri con l’aiuto l’uno dell’altro. Quello che fanno è di per sé innocente, ma la loro ricerca costringe le persone nel loro ambiente a mettere in discussione la loro identità.


C’è un’ampia varietà di identità tra cui possiamo scegliere. Questo dovrebbe semplificarti la vita, ma è vero il contrario, soprattutto quando hai 15 anni.

Questo accade, ad esempio, con la madre di Caitlin, che vede come i genitori di Fraser (una coppia gay) camminano liberi nella vita e sono meno capaci di accettare le rigide idee tradizionali del marito.

Giordano dice che l’argomento è più attuale che mai. Anche la libertà di trovare la nostra strada crea ostacoli. “C’è un così ampio spettro di identità tra cui scegliere”, dice. Questo dovrebbe semplificarti la vita, ma è vero il contrario, soprattutto quando hai 15 anni. Capire quello che vuoi veramente rimane una faccenda complicata. I tuoi desideri evitano qualsiasi etichetta predefinita in termini di identità e orientamento sessuale. Ma essere costretti a scegliere una classe chiara può avere un impatto enorme.

organico

“Who We Are” è una TV meravigliosa che non lascia che le sue ambizioni ostacolino l’umanità dei suoi personaggi. La serie affronta molti argomenti delicati e impegnativi, ma non diventa mai goffa o pesante in mano. “Ci abbiamo lavorato fino a quando non abbiamo sentito che tutto scorreva insieme in modo organico”, spiega Giordano. Abbiamo cercato di guardare il più onestamente possibile al modo in cui gli adolescenti vivono la vita oggi. Senza puntare il dito contro nessuno.

Giordano, Guadagnino e la co-autrice Francesca Mannieri hanno anche usato covid lock per fare il brainstorming della loro seconda stagione. HBO non è stata ancora benedetta, ma la Bibbia (il libro contenente le istruzioni per la storia e lo stile della serie) è pronta.

READ  La seconda semifinale dell'Eurovision Song Contest: cosa aspettarsi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24