Quarto aggiornamento | Un giudice italiano respinge l'offerta di transazione avanzata da un camionista tedesco nel caso Rebelin

(18 giugno 2023) L'autista del camion sospettato di aver ucciso David Rebellin è stato arrestato più di sette mesi dopo l'incidente mortale. Secondo, tra l'altro, numero Un tedesco di 62 anni si è consegnato alla polizia a Steinfurt, una città oltre il confine con Enschede.

Ci tuffiamo nella “storia”: Rebelin, 51 anni il giorno dell'evento nero e ancora professionista a tempo pieno nel ciclismo, è stato investito da un camion mentre si allenava nel comune di Montebello Vicentino il 30 novembre 2022 ed è morto immediatamente. “Il camion, che aveva targa tedesca, voleva svoltare in una strada secondaria alla rotonda che porta all’hotel ristorante La Padana, molto frequentato dai camionisti per il pranzo. Dopo mezza rotonda, Rebelin è arrivato in sella alla sua bici da gravel proseguire sulla strada.” Regionale 11 E in un batter d'occhio tutto è finito: una strana manovra o l'angolo cieco del camion hanno fatto sì che il campione di ciclismo non avesse alcuna possibilità di descrivere l'incidente in quel momento.

Poco dopo l'incidente, diverse immagini di sorveglianza hanno mostrato che il camionista è sceso dal veicolo solo per pochi secondi per valutare la gravità dei danni. L'autista ha poi proseguito il suo viaggio, sperando di evitare le grinfie delle autorità. Tuttavia, il giorno dopo è stato ritrovato in Germania, dove non è stato arrestato. La legge tedesca non lo consente. Non puoi essere denunciato per una collisione del genere lì.

Nel corso dei mesi sono stati pubblicati vari dettagli sul principale sospettato. L'uomo non sarà sconosciuto alla polizia, perché in passato ha dovuto consegnare la patente dopo aver guidato sotto l'influenza di alcol a Chieti nel 2014. Nel 2001, il tribunale ha annullato la sentenza dopo che l'uomo ha acceso un semaforo che era ignorato dopo un incidente con altre persone.

READ  L’Italia torna in recessione dopo quattro anni

Dopo un lungo periodo di silenzio e incertezza, l'uomo ha finalmente denunciato il fatto alla polizia giovedì 15 giugno. Attualmente si trova in carcere a Münster, ma esiste la possibilità che venga estradato in Italia, dove potrebbe affrontare un processo con l'accusa di omicidio colposo e mancata assistenza a una persona bisognosa.

Aggiornamento – 20 giugno 2023 (17:30): il conducente arrestato è stato rilasciato con riserva (temporaneamente)

Dopo essere stato detenuto per quattro giorni nella prigione di Münster, Wolfgang R. fu rilasciato totobusyweb. Nel pomeriggio di martedì 20 giugno gli è stato permesso di lasciare il carcere (temporaneamente). Il suo avvocato ha confermato che “il giudice ha sospeso il mandato d'arresto europeo fino alla pronuncia definitiva del caso”. L'autista del camion è stato rilasciato e costretto a presentarsi alla polizia ogni venerdì. Inoltre, R. avrebbe dichiarato che non avrebbe tentato di sfuggire al giudizio della giustizia italiana, intendendo che non poteva immaginarsi un cittadino libero. Ora tutto è nelle mani del giudice tedesco, che dovrà pronunciarsi sul caso. Resta da vedere se il sospettato verrà effettivamente estradato in Italia.

Aggiornamento 2 – 25 agosto 2023 (18:17): la polizia italiana arresta un camionista tedesco

Quasi nove mesi dopo l'incidente mortale, la polizia italiana ha arrestato un camionista tedesco. L'uomo è stato trasferito nel carcere di Vincenza. È sospettato di aver picchiato l'italiano e si dice che non gli abbia dato alcun aiuto in seguito. Lo rende noto l'Anp. Il presunto conducente è stato arrestato dopo essere entrato in Italia attraverso il Brennero.

Aggiornamento 3 – 1 novembre 2023 (11:47): l'avvocato del camionista tedesco chiede la dimezzamento della pena, la famiglia Rebelin rifiuta l'accordo

Quasi un anno dopo l'incidente mortale di David Rebelin, l'avvocato del camionista tedesco Wolfgang Recke ha chiesto che la sua pena fosse dimezzata, si legge nel rapporto solitamente informato. Notizie sul ciclismo. In cambio, Ricky ammetterà la colpa e pagherà un risarcimento alla famiglia di Rebelin. La famiglia della leggenda del ciclismo italiano si è completamente opposta alla difesa, in quanto il camionista non è pronto per il test (vedi sopra).

READ  La carenza di competenze minaccia di ostacolare la rinascita del sud Italia

Aggiornamento 3 – 20 febbraio 2024: la famiglia Rebellin riceve un risarcimento, l'autista raggiunge un accordo

Sembra che il caso relativo alla morte di David Rebelin sia quasi giunto al termine. Secondo quanto riferito, il conducente del camion che ha investito l'italiano ha raggiunto un accordo Notizie sul ciclismo. Anche Wolfgang Reeke ha espresso il suo rammarico per ciò che ha fatto: “È una grande tragedia, accetterò la mia punizione”. Con questa apertura per la prima volta, Ricky dovrà scontare una pena detentiva di tre anni e undici mesi, una pena superiore a quella precedentemente proposta dal ribelle tedesco che ora avrebbe ricevuto un risarcimento di 825mila euro. La decisione finale verrà effettuata l'11 marzo

Aggiornamento 4 – 11 marzo 2024: il giudice rifiuta l'offerta di transazione del camionista

Secondo diversi rapporti, tre settimane fa un giudice del tribunale di Vicenza ha respinto la proposta di transazione di Wolfgang Recke media italiani Lunedì pomeriggio. Ecco perché il caso verrà discusso il 27 maggio. Fino ad allora il tedesco dovrà restare agli arresti domiciliari in un appartamento di Treviso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24