Questo è stato anche il caso delle bugie sull’origine dell’HIV

Riepilogo dell'articolo

Non sapremo mai esattamente quando e come l’HIV sia passato dalle scimmie agli esseri umani. Ma uno scioccante documentario dell’IDFA del 2004 mostra che l’eminente medico che ha sviluppato il vaccino orale contro la poliomielite in Congo negli anni ’50 utilizzando sangue e reni di scimpanzé sta mentendo apertamente al riguardo. Offre confronti interessanti con ciò che è accaduto attorno alla discussione sull’insorgenza del Covid-19.

Leggi l'articolo completo: Così sono state raccontate anche le bugie sull'origine dell'HIV

momento della lettura: 5 minuti

Insorgenza dell'HIV

All’inizio degli anni ’80, il mondo fu sconvolto da un nuovo virus chiamato HIV (AIDS). Che poi fece numerose vittime. Non solo nei paesi occidentali, ma sicuramente anche in Africa. Poiché l’HIV ha molte somiglianze con il SIV, che è stato riscontrato da tempo nei primati (scimpanzé e gorilla), si presume che questo virus ad un certo punto sia passato da quei primati agli esseri umani nell’Africa centrale.

Nel 2020 è diventato Ha scritto un articolo sulle origini dell'AIDSCon l'autore Jaap van Dissel e altri. Analizzando campioni di sangue antico, le sue origini possono essere determinate nel Congo Belga negli anni '30, ma secondo l'articolo dipende la sua vera diffusione nel mondo. La dinamica delle caratteristiche genetiche del virus, dell'ospite (in questo caso: scimmie e uomo) e dell'integrazione sociale. Questo contesto determina l’impatto dell’infezione sulla società.

Interessante documentario del 2003 Riguarda la possibile ragione per cui il virus si diffonde rapidamente tra le persone. Con la conoscenza che abbiamo ora su ciò che è accaduto dal 2020 con la (alta) possibilità di creare il virus in un laboratorio, questo documentario è allo stesso tempo rivelatore e sorprendente. Il documentario è stato proiettato durante l'IDFA nel 2004. Prodotto in collaborazione con diversi importanti media: France 2, Channel 4, TV5, Canal+ e SBS-Australia. In questo documentario incontriamo anche il professore. Simon Wynn Hobson, anche lui presente Il documentario di Zembla “La pandemia degli interessi” È stato intervistato. Chi ha criticato la rapidità con cui si è detto che il virus proveniva dal mercato di Wuhan?

Ciò che è rivelatore e scioccante è che questo documentario mostra con certezza al 100% come medici e ricercatori hanno mentito per non essere collegati allo sviluppo dell'AIDS. È un processo che vediamo anche in ciò che è accaduto dentro e intorno al laboratorio del coronavirus a Wuhan dal 2020.

READ  Tuo figlio nelle arti marziali: cosa può imparare da esso? | famiglia

In questo articolo non mi interessa sapere come ha avuto origine l’HIV e quando e come il virus è passato dalle scimmie agli esseri umani. Il documentario afferma inoltre che ciò non può essere dimostrato in modo definitivo. Ma il punto è che medici e ricercatori erano attivi nel Congo Belga alla fine degli anni '50 e mentono molto al riguardo, perché avrebbero potuto essere la causa dello sviluppo dell'AIDS.

Vaccinazioni antipolio

Il vaccino antipolio è stato sviluppato negli anni ’50. Il vaccino fornisce un'eccellente protezione contro la poliomielite, che può avere gravi conseguenze per le persone infette. Jonas Salk ha sviluppato questo vaccino intorno al 1955. Ciò accade con il vaccino antipolio ucciso. Non ha richiesto un brevetto su di esso. E proprio perché sono nato nel 1947 e conosco persone paralizzate dalla poliomielite, mi rendo conto di quanto sia meraviglioso che sia stato sviluppato questo vaccino.

Ci furono anche altri medici che svilupparono il vaccino antipolio utilizzando un virus vivo. Questo è stato poi assunto per via orale. Uno dei pionieri di questa ricerca fu Hilary Koprowski, che aveva un laboratorio nell’allora Congo Belga, a Stanleyville, tra il 1956 e il 1960. Città di Kisangani nel Congo-Kinshasa. Tra il 1957 e il 1960, un milione di persone ricevettero il nuovo vaccino.

Anche questo vaccino si rivelò molto efficace e venne successivamente somministrato in massa in tutto il mondo.

Questa ricerca suscitò scalpore alla fine del secolo scorso. In Il libro “Il fiume” di Edward HopperLa vaccinazione nel Congo Belga alla fine degli anni '50 è stata collegata allo sviluppo dell'AIDS. Ha descritto che in quel laboratorio di Stanleyville, il virus vivo della poliomielite veniva coltivato sul sangue e sui reni degli scimpanzé. Pertanto, quando in quella regione furono vaccinate 1 milione di persone, il virus SID degli scimpanzé potrebbe essere stato introdotto anche negli esseri umani. Un virus che può trasformarsi in HIV.

Nel 2000 si è svolta una discussione presso la Royal Society of Science di Londra e questa possibile causa dell'origine dell'HIV è stata respinta. Koprowski e uno dei suoi dipendenti belgi dichiararono all'epoca di non aver lavorato con gli scimpanzé durante la creazione del virus. Ma con le scimmie di ordine inferiore (non i primati). Quindi era impossibile che il virus SID finisse nel vaccino antipolio. Poco dopo sono apparsi anche numerosi articoli sull’argomento, tra cui quello del ricercatore Edward Holmes, che nel 2020, insieme ad altri quattro autori, ha relegato la fuga di dati dal laboratorio di Wuhan al regno del mito. Tali articoli affermavano inoltre che l’HIV non poteva provenire da un laboratorio congolese.

READ  "I termini di rimborso per i farmaci per l'emicrania sono molto severi".

Questa è un'ottima panoramica Da questo tumulto e dal rifiuto totale della possibilità che il lavoro di Koprowski in Congo fosse la base per la diffusione dell'AIDS nel mondo.

La mia preoccupazione non è se sia così o meno, ma piuttosto riguarda un altro aspetto della questione. Il che sembra avere molte somiglianze con le discussioni sulle origini della SARS-CoV-2.

Questo risulta chiaramente dal documentario.

Mentire

Film documentario “Le origini dell'AIDS” Dal 2004 descrive l'hype e intervista varie figure chiave. Solo questo è fantastico. Koprowski poi dice davanti alla telecamera che non hanno usato gli scimpanzé per produrre il vaccino antipolio in Congo.

L'ultima parte è francamente sorprendente. I realizzatori del documentario si recarono a Kisangani nel 2003 e parlarono con i dipendenti locali che lavoravano nel laboratorio. Dal materiale fotografico dell'epoca e dalle dichiarazioni del personale possiamo concludere che gli scimpanzé furono sicuramente utilizzati. Furono catturati 600 scimpanzé e ogni giorno 2 o 3 di loro venivano scuoiati. I reni furono macinati e fu raccolto il sangue. Il virus della poliomielite è stato utilizzato per coltivare il virus della poliomielite per produrre il vaccino antipolio orale.

Hanno parlato anche con un ricercatore belga che lavorava in quel laboratorio che ha confermato anche l'utilizzo degli scimpanzé.

(Puoi guardare l'intero documentario o parti specifiche. Di seguito sono riportati i collegamenti alle posizioni di quelle parti specifiche.)

Quindi la mia preoccupazione ora non è se questo lavoro del team di Koprowski abbia portato o meno all'AIDS. Il documentario afferma inoltre che ciò non può essere dimostrato (in parte perché non è stato conservato alcun vaccino di quel periodo). Quindi non spetta sicuramente a me dire il contrario. Ma ciò che conta è il modo palese in cui Koprowski e i suoi colleghi mentono sull’utilizzo degli scimpanzé. Devono anche essersi resi conto che esisteva la possibilità che fossero loro la causa dell'AIDS, che ha causato la morte di così tante vittime.

READ  58 nuovi risultati positivi al test a Drenthe

Con la conoscenza che ora abbiamo sulle azioni dei personaggi principali riguardo alla possibilità di una fuga di dati dal laboratorio a Wuhan e il modo in cui Marion Koopmans, tra gli altri, si esprime su questo argomento, il documentario è molto istruttivo. Gli scienziati sono anche disposti a mentire apertamente se è nel loro interesse farlo.

Per fortuna ci sono persone che cercano di andare a fondo del virus SARS-CoV-2 e non si lasciano ingannare, semplicemente perché lo dicono professori famosi e i giornalisti lo accettano acriticamente.

Parti del documentario

I medici hanno mentito anche sull'insorgenza dell'infezione da HIV - 77516

Qui troverete l'intero documentario.

E Questa è la parte in cui si trova Koprowski Si afferma che nessuno scimpanzé è mai stato utilizzato nella creazione del vaccino antipolio. “Mai nella mia vita” è la sua risposta.

E Questa è la parte finale del documentario Dove i produttori vanno in Congo e parlano con i dipendenti in quel momento.

È molto chiaro che gli scimpanzé sono stati utilizzati per produrre il vaccino. Sono stati catturati e utilizzati un totale di 600 scimpanzé. Ciò dimostra che Koprowski mente.

Questo è uno degli impiegati che hanno scuoiato gli scimpanzé e raccolto sangue e reni, che sono stati poi utilizzati per coltivare il virus.

Nel documentario Contiene anche registrazioni di film amatoriali Da un campo di scimpanzé dove agli scimpanzé veniva iniettato e poi ucciso scuoiandoli.

In aggiunta anche a quello È stato intervistato un ricercatore belga chi lavorava lì.

L'intero documentario è fantastico.

Alla luce delle discussioni sulla possibilità di una fuga di dati dal laboratorio, ciò dimostra fondamentalmente fino a che punto gli scienziati sono disposti a spingersi per nascondere il fatto di aver svolto un lavoro che potrebbe aver portato a significative morti umane.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24