Recensie-telex: Ballad of a White Cow, Aline: The Voice of Love & Tre piano

canzone della mucca bianca

Se cerchi giustizia in Iran come donna, non andrai da nessuna parte. Questa è la conclusione dei due registi, Sanihah e Maryam Moghadam, a conclusione di questo racconto morale.

Dopotutto, il personaggio principale Mina (direttore principale Maryam Moghadam) non riceve scuse dai giudici quando il marito giustiziato sembra innocente. Tutto ciò che le viene offerto è denaro insanguinato, ma anche i suoi suoceri ne vogliono un po’. Quando poi appare il Buon Samaritano, Mina crede un po’ ingenuamente nell’altruismo di alcuni uomini iraniani.

canzone della mucca bianca È un dramma strettamente controllato – con un sottile cambiamento nella prospettiva narrativa – su come denaro, reputazione e potere patriarcale spingano una donna single nell’isolamento della società iraniana. La consegna è encomiabile. Al livello dei migliori film di Asghar Farhadi.

Direttore Bahtish Sanaa e Maryam Moghadam
sputo Maryam Moqadam, Alireza Sani Far, Pouria Rahimi
tempo di gioco 1u45
a partire dal 10 novembre al cinema

Aline: la voce dell’amore

Il film di finzione sulla vita della star canadese Celine Dion non sembra inizialmente prescrittivo, ma la regista francese Valérie Lemercier è sorpresa nel trasformare un’autobiografia cliché in una commedia spensierata.

Era ridicolo fin dall’inizio in Quebec negli anni ’60, quando i genitori di Céline – nel film si chiama Aline – decisero dopo il loro sesto figlio che era abbastanza… poi arrivò il numero quattordici. Allen risulta essere il cantante più talentuoso della famiglia musicale. Con il supporto del suo regista, si trasforma da brutto anatroccolo in una dea teatrale e nel tempo diventa una star.

READ  La sua compagna, Anne Mott, gli invia una lettera di offerta (immagine)

Lemercier dimostra che un film biografico non deve essere un dramma pesante pieno di dipendenze e altre situazioni tragiche. Sa anche come catturare l’umorismo franco-canadese molto specifico. Ma la cosa più sorprendente è la sua interpretazione, perché a 57 anni ritrae Aline/Céline dai 12 ai 50 anni con grande credibilità.

Direttore Valerie Lemercier
sputo Valerie Lemercier, Sylvain Marcel, Danielle Fishud
tempo di gioco 2u03
a partire dal 10 novembre al cinema

tre piani

Il regista italiano Nani Moretti sta traducendo il bestseller israeliano Eshkol Nevo sul grande schermo come se fosse una tipica soap italiana, ma è facile da guardare.

Tutto inizia con un incidente e un’auto si schianta contro il piano terra di un condominio. Il colpevole è il figlio ferito (Alessandro Sperdotti) del giudice (lo stesso Moretti), che abita in un appartamento. Mentre seguiamo il loro rapporto deteriorato, nello stesso edificio assistiamo a una giovane donna che seduce il suo vicino molto più anziano e una donna che vive con un marito per lo più assente.

Le storie sono ambientate in un lungo arco di tempo, ma Moretti le ha compresse in due ore. Forse avrebbe dovuto fare una serie corta, perché i salti temporali a volte sono un po’ sorprendenti. Inoltre, il “cinema” di Moretti non è mai stato visivamente parlando. Per essere visto come un sapone divertente senza di più.

Direttore Nani Moretti
sputo Margherita Bay, Riccardo Scamarcio, Alba Rohrwacher
tempo di gioco 1u59
a partire dal 10 novembre al cinema

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24