Riciclaggio batterie a buccia d’arancia – Kart sa come si fa

sui furgoni

  • Fondatori: Raffaele Nachiro, Leonardo Reyna, Leonardo Benetti, Giovanni Miccolis, Vincenzo Scarano.
  • Fondata nel: 2022
  • Personale: 5
  • Raccolta fondi: 60mila euro
  • L’obiettivo finale: cambiare il mondo con le arance.

Succoso, dolce e ricco di vitamina C. Riciclare le batterie usate. L’idea viene dalla Puglia, una regione del sud Italia che ogni anno produce tonnellate di agrumi.

Carrelli È una startup che utilizza i rifiuti organici e degli agrumi per riciclare le batterie usate. Il loro processo utilizza acidi organici di scarto per avviare una reazione per estrarre i metalli dalle batterie. La tecnologia dell’azienda può recuperare quasi tutti i metalli critici nelle batterie, come nichel, cobalto e carbonato di litio, la materia prima per le batterie agli ioni di litio. Raffaele Nacchiero è l’amministratore delegato dell’azienda e ha parlato con Innovation Origins in questa puntata di Start-up del giorno.

Come hai scoperto che puoi riciclare le batterie con le arance?

“Ho conosciuto i miei cofondatori mentre studiavo, perché facciamo tutti parte della stessa associazione culturale che si occupa di sostenibilità ed economia circolare. A quel tempo lessi su una rivista di uno studio a Singapore dove si riutilizzava la biomassa per riciclare batterie scariche.

Dato che lì la ricerca scientifica era già in corso, ho pensato: “Perché non proviamo ad aggiungere valore a questo processo sperimentando i nostri flussi residui qui?” La Puglia – la nostra regione – ha un flusso costante di rifiuti di agrumi. Ho presentato la mia idea agli altri co-fondatori ed è così che la palla ha iniziato a girare”.

cosa è successo dopo?

“Durante la nostra indagine iniziale, abbiamo notato un enorme divario nel riciclaggio delle batterie in Italia. Finora non ci sono impianti di riciclaggio delle batterie usate. Alcune agenzie le raccolgono. Tuttavia, inviano le batterie in altri paesi europei per il trattamento in un modo che è spesso inquinante ed energivoro, abbiamo avuto l’opportunità di testare il nostro metodo nei laboratori della nostra università locale e, dopo averlo perfezionato, abbiamo deciso di avviare l’azienda”.

Come funziona questo processo?

Le batterie esauste entrano in fabbrica e dopo essere state scaricate, una macchina le tritura in una massa nera, una miscela polverosa che contiene tutte le materie prime. Quindi il processo di filtrazione verde è terminato. Questa procedura consiste nell’introdurre nel reattore la massa nera, l’acido organico e il sottoprodotto biologico, come le bucce d’arancia o una miscela di rifiuti organici. Prima che questa miscela organica entri nel reattore, l’umidità viene rimossa, dopodiché la maciniamo in una polvere fine. Quando tutti i componenti sono pronti, il reattore viene acceso e inizia il processo, che avviene a 90 gradi Celsius.

La sedimentazione selettiva è la terza fase del nostro processo. Il filtrato verde viene quindi filtrato. Questo passaggio facilita la separazione dei materiali regolando l’acidità. Si recuperano prima il nichel e il manganese, poi il cobalto e poi il carbonato di litio. Attualmente stiamo anche lavorando al recupero della grafite”.

In che fase sei adesso?

“Nell’ultimo anno, abbiamo convalidato e migliorato la nostra tecnologia. Come con qualsiasi startup, abbiamo partecipato a molte competizioni nell’ultimo anno. Abbiamo vinto in Eni Award 2022 e ha ricevuto il riconoscimento dallo stesso Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella. Arabat ha vinto anche il Premio Nazionale Italiano per l’Innovazione nel 2022.

READ  L'Italia rimuove i nomi delle madri LGBTIQ+ non biologiche dai certificati di nascita | al di fuori

Inoltre, abbiamo anche avviato i primi colloqui con investitori e partner del settore che hanno mostrato interesse per la nostra idea. Ora è il momento di costruire il nostro impianto pilota, dove possiamo sfruttare – e perfezionare – il processo su scala più ampia”.

Qual è il prossimo obiettivo sulla tua tabella di marcia?

“Vogliamo chiudere un accordo finanziario per poter costruire il primo impianto pilota nel sud Italia entro la prima metà del 2024. Poi costruiamo una rete di fornitori e clienti e poi entriamo nel mercato. Quindi puntiamo alla produzione completa entro il fine del 2025 e inizio del 2026”.

Lei ha detto che si sta costruendo la prima fabbrica nel sud Italia. Perché questo è così importante?

Quando abbiamo iniziato a parlare della nostra idea, c’erano molti dubbi. Guadagnando credibilità vincendo premi per l’innovazione, abbiamo guadagnato l’attenzione dei partner industriali locali. Per noi è importante iniziare la nostra attività dal sud Italia, per i valori in cui crediamo e per l’abbondanza di sottoprodotti biologici. Inoltre, la Puglia ha una posizione strategica sul Mar Mediterraneo, che ci permetterà di aprire anche l’Est Europa.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24