Sei mesi dopo la sconfitta di Trump, il conteggio ricomincia

L’ex presidente Trump ritiene che l’offerta di voto dimostrerà che è il vincitore de facto nello stato del deserto. E ad altri paesi è richiesto di esaminare nuovamente i risultati. “Qui troveranno migliaia di voti”, dice. “E poi daremo uno sguardo alla Pennsylvania e alla Georgia. Questa elezione è stata un pugno”.

Cospirazione

Commissionato dal Senato dell’Arizona, il riconteggio è in corso, con i repubblicani che offrono $ 150.000 in dollari di tasse a una società Internet senza esperienza di ricerca di voto.

Il giornalista Eric Mutan afferma che il fondatore di CyberNinjas è impegnato nelle teorie del complotto. “Quest’uomo crede che ci sia un servitore segreto in Germania che sta elencando i veri risultati delle elezioni presidenziali americane e che la CIA e l’esercito siano entrati in uno scontro a fuoco l’uno con l’altro per mantenere segreto il risultato. molto vago, come se la legge fosse ormai legata alle elezioni “.

L’azienda ha ottenuto le schede elettorali originali e ha impiegato centinaia di volontari. Tuttavia, sembra che non stiano rispettando le regole stabilite nella legge elettorale.

Ad esempio, le persone che controllano le schede elettorali possono usare solo una penna rossa, perché gli elettori possono usare inchiostro nero e blu sulla scheda elettorale e se un ispettore ha riempito una casella aggiuntiva con inchiostro blu, può quindi affermare che la scheda elettorale è stato compilato illegalmente dall’elettore.

La differenza di 11mila voti tra Biden e Trump

Due: “La differenza tra Biden e Trump in Arizona era di 11.000 voti. Dopo il conteggio originale, ci sono stati due riconteggi e ogni volta Biden ha mantenuto il suo vantaggio. La possibilità di trovare improvvisamente 11.000 voti non validi nel millesimo numero appare … piccola. “

READ  Un gruppo di afgani olandesi evacuati dall'Afghanistan

I metodi utilizzati da esperti elettorali a sorpresa. Ad esempio, le immagini mostrano che le schede elettorali sono poste sotto la luce UV. Secondo il capo delle elezioni, non c’è filigrana sulla scheda elettorale, quindi nulla può essere visto tramite i raggi UV. Ma gli organizzatori del riconteggio dicono che qualcosa può essere letto dalle pieghe degli appunti o dall’impressione di una penna sulla carta.

Tracce di bambù

Uno dei partecipanti ha detto a un giornalista locale che si stavano osservando “tracce di bambù”. “Si dice che 40.000 schede elettorali del sud-est asiatico siano state pagate alle urne in Arizona. In Asia si usa il bambù per fare la carta”.

Il ministro delle elezioni dell’Arizona parla di una campagna illogica piena di sospetti.

Il ministero della Giustizia mette anche in dubbio il fatto che le schede elettorali siano conservate incustodite, ad esempio. “Non è stato adeguatamente fissato dall’appaltatore in una struttura scarsamente sorvegliata. Le banconote rischiano di essere perse o distrutte”. L’azienda che organizza il censimento respinge le critiche.

Effetto Trump

Il giornalista, Mathan, dice: “È straordinario che dopo sei mesi stiamo ancora lavorando ai risultati del 2020”. L’ex presidente Trump continua a sostenere la frode, e sembra che i regolatori dell’Arizona stiano cercando prove di ciò, o gettando dubbi che consentirebbero a Trump di mantenere i suoi sostenitori sconvolti per quanto accaduto. La “grande bugia” qui, la grande bugia.

Un recente sondaggio Reuters / Ipsos ha mostrato che il 60% dei repubblicani crede che Joe Biden non sia il presidente legittimo e che sia coinvolta una frode, sebbene i governatori degli stati repubblicani che sono stati interessanti affermano che il risultato è corretto. “Il mito della frode è alla base dell’offerta di Trump di candidarsi per il 2024”, ha detto il giornalista americano.

READ  L'eruzione del vulcano La Palma minaccia l'oro giallo: "Le nostre piantagioni di banane vengono inghiottite"

Liz Cheney: Un vantaggio altrove

La leadership del partito a Washington è ora pienamente impegnata con Trump. Liz Cheney, numero tre del gruppo alla Camera dei rappresentanti, dovrebbe essere rimossa dal suo incarico la prossima settimana.

Donald Trump è arrabbiato perché Liz Cheney, figlia dell’ex vicepresidente Dick Cheney, crede che il partito debba prendere le distanze da Trump. Cheney Ha scritto un pezzo di opinione: “Il Partito Repubblicano è a un punto di svolta. Noi repubblicani dobbiamo difendere posizioni veramente conservatrici e allontanarci dal pericoloso e antidemocratico culto della personalità che circonda Trump”.

La sua opposizione sconvolge il leader del gruppo, che sta cercando di rafforzare i legami con Trump. Sa che gli elettori repubblicani adorano ancora Trump e scommette che senza l’entusiasmo del suo collegio elettorale, i repubblicani perderanno le elezioni parlamentari del 2022.

Nessun social media

Eric Mutan osserva che Facebook questa settimana ha deciso di non consentire a Trump di essere sul palco per il momento. “Trump non ha più un altoparlante sui social media. Esce a malapena dalla sua casa di Mar-a-Lago. Eppure ferma il movimento repubblicano. Ancora il suo partito”.

Il censimento dell’Arizona potrebbe richiedere settimane. Anche i dirigenti del partito locale nel New Hampshire hanno chiesto un riconteggio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24