Sono già morte 30.000 pecore a causa della febbre catarrale degli ovini

Nuove pecore contraggono ancora la febbre catarrale degli ovini e, a causa della mitezza autunnale, la fine non è ancora in vista. Per il momento il vaccino dovrà aspettare.

“Ci sono ancora 15 gradi e i moscerini sono ancora attivi.” “La diffusione si indebolirà un po’ con la pioggia e il vento, ma mi aspetto comunque nuove infezioni nelle prossime settimane”, afferma Reynard Everts, veterinario e direttore dell’Organizzazione olandese degli allevatori di pecore e capre (NSFO).

Per sopprimere il virus occorre che faccia freddo per due settimane, massimo 10 gradi. Ma le previsioni del tempo non mostrano questo tipo di tempo. Everett ha osservato che le forti piogge e il vento limitano la diffusione della malattia. “Dopo cinque o sette giorni vediamo meno animali malati. Ma quando ritorna il clima mite autunnale, anche il numero di infezioni aumenterà nuovamente.

Siero

Nei Paesi Bassi non è ancora disponibile un vaccino adatto. Tutti gli occhi erano puntati su un vaccino proveniente dal Sud Africa, ma al momento questo processo si è interrotto perché non ci sono abbastanza informazioni per determinare se sia sufficientemente sicuro. Everts: “Quindi dipendiamo davvero dal vaccino che viene prodotto in Europa. Molte aziende farmaceutiche sono impegnate a lavorarci, ma non si sa se e quando verrà immesso sul mercato.

Finora, un allevamento di pecore olandese su otto ha dovuto fare i conti con la morte causata dalla febbre catarrale degli ovini. Finora, secondo i dati della NSFO, nei Paesi Bassi sono stati infettati tra 3.500 e 4.000 allevamenti di pecore.

Ogni giorno Everett tiene traccia del numero di pecore che muoiono di febbre catarrale. “Questo numero è in realtà pari a 30.000 e questa è una stima conservativa.” Il numero totale di pecore è di circa un milione di animali.

READ  Il team di Scuba Data Science cerca miglioramenti in ogni area di NS - IT Pro - .Plans

Con un valore medio di 150 euro per animale, il responsabile della NSFO stima il danno per il settore in 4,5 milioni di euro. Se si aggiungono i costi del Rendak (circa 25 euro per animale) e dei medicinali (circa 20 euro per animale), il danno si avvicinerà ai 10 milioni di euro entro la fine di quest’anno. Everts conferma: “Ciò si aggiunge al lavoro aggiuntivo che gli allevatori di pecore dedicano agli animali”.

Danni successivi

Quasi la metà (45%) delle aziende agricole colpite ha perso almeno un quinto delle proprie mandrie. Everts prevede che anche i danni che ne deriveranno saranno diffusi, poiché le pecore vengono accoppiate più tardi e il virus ha un impatto sulla dimensione della figliata. “Come andrà a finire, nessuno lo sa.”

Inoltre non è ancora chiaro come il virus sia finito nei Paesi Bassi. Il tipo non assomiglia ai virus provenienti da Italia, Israele e Sud Africa. Everts ritiene improbabile che la contaminazione sia avvenuta attraverso i rifiuti domestici provenienti da Roma, perché la diffusione del virus non è compatibile con l’inceneritore di rifiuti di Amsterdam. Inoltre, il virus non è geneticamente simile al virus di tipo 3 precedentemente riscontrato in Italia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24