Sposa dell’ISIS tedesca condannata a dieci anni di carcere per l’orribile omicidio di una bambina yazida di 5 anni

Jennifer Wenisch si copre il volto davanti alla stampa in un’aula di tribunale di Monaco.Scultura Sven Hoppe / D

Jennifer Winich, 30 anni, entrata a far parte dell’ISIS nel 2014, è stata condannata per complicità in omicidio, crimini di guerra, crimini contro l’umanità e appartenenza a un’organizzazione terroristica. L’accusa ha chiesto la vita.

Una sposa dell’ISIS, della Bassa Sassonia, ha usato la ragazza e sua madre come schiave domestiche quando viveva con il marito Taha al-Jumaili a Mosul, in Iraq nel 2015. Nel califfato che l’ISIS ha stabilito in alcune parti dell’Iraq e della Siria, si stima che 7.000 donne e bambini della comunità sono stati impiegati come yazidi come schiavi. Lo Stato Islamico ha anche ucciso migliaia di yazidi, un gruppo religioso che il movimento considera adoratori del diavolo.

Il giudice ha ritenuto che fosse accertato che e. Non ha interferito quando suo marito ha legato la ragazza e l’ha messa fuori sotto il sole splendente. Voleva punirla perché il bambino le aveva bagnato il letto. La madre della ragazza, che ha portato il caso, ha detto che la coppia l’ha costretta a guardarla morire. Anche il marito della donna tedesca, combattente dello Stato islamico, è stato accusato in Germania. La sentenza sul suo caso è stata emessa a novembre.

il termine

La madre della ragazza, Nora T. Lei e i suoi tre figli sono stati rapiti nel 2014 mentre fuggivano dall’ISIS. A Mosul, è stata “acquistata” con la figlia dal tedesco e dal marito per lavorare a casa. La madre ha detto in tribunale che ancora non sapeva cosa fosse successo ai suoi figli. “Era importante per lei che fosse chiaro chi fosse il responsabile”, ha detto il suo avvocato, Natalie von Westinghausen. Oggi ho avuto questo verdetto.

Durante il processo, ho sentito W. Non può essere ritenuto responsabile dei crimini commessi dallo Stato Islamico contro gli yazidi. I suoi avvocati hanno detto che la condanna a due anni di carcere riguardava la morte della ragazza. All’epoca, secondo OM, effettuava pattuglie armate nelle strade di Mosul e Fallujah per verificare se le donne rispettassero il severo codice di condotta dello Stato Islamico.

La tedesca è finita nelle mani della giustizia quando ha voluto rinnovare il suo passaporto presso l’ambasciata tedesca in Turchia nel 2016. È stata trasferita nel suo paese d’origine. Due anni dopo, è stata arrestata quando ha cercato di tornare in Siria dalla Germania.

READ  Trump definisce l'uscita degli Stati Uniti dall'Afghanistan un grande insulto | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24