TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Squadra russa VR46 con supporto saudita per la MotoGP nel 2022

Tanal Entertainment Sports and Media, una holding del principe Abdulaziz bin Abdullah Al-Saad, ha annunciato mercoledì di aver stipulato un accordo con VR46 Team. Legend Moto GP team Valentino Rossi La rete MotoGP entrerà a pieno titolo tra il 2022 e il 2026 e potrà contare sul supporto dello sponsor principale, Saudi Aramco. La VR46 rimane attiva anche sulla Moto2. Inoltre, Tanal Entertainment Sport & Media spera anche di costruire una strategia di comunicazione con VR46 per promuovere il progetto Saudi Vision 2030. Nonostante questo annuncio, la stessa squadra di corse deve ancora fare un annuncio ufficiale.

Negli ultimi anni, una squadra russa avrebbe dovuto fare un passo verso la MotoGP dal 2022. Queste voci hanno preso slancio quando Avintia ha annunciato lo scorso anno che il 2021 sarebbe stato l’ultimo anno del team in MotoGP. Quindi sembra che il VR46 stia davvero prendendo questo posto. Nuovo di zecca, la squadra non è nei motori più pesanti. In funzione dalla stagione 2021 Luca Marini Alimentato da VR46 su Ducati di Avintia.

La scelta del marchio rimane poco chiara

Non è chiaro quale materiale VR46 apparirà inizialmente in MotoGP nel 2022. Il braccio destro di Rossi, Ushio Saluchi, ha detto all’inizio di quest’anno: “Non sappiamo quale moto guideremo in MotoGP, ma sappiamo tutti che è la nostra cuore. Con Yamaha. ” Petronas SRT sta attualmente formando un satellite per il produttore giapponese, ma il contratto della scuderia malese scade alla fine di quest’anno. Lyn Jarvis, presidente Yamaha, in precedenza aveva indicato che Petronas SRT è un contendente per continuare la gara con Yamaha dal 2022, ma VR46 ha anche la possibilità di diventare un partner satellite del marchio.

READ  Potter e Van Riel hanno sostenuto i titoli SLT Arena Games a Rotterdam

Motorsport.com Tuttavia, ho appreso che la VR46 favorisce un accordo con la Suzuki, anche se il produttore giapponese non ha ancora annunciato ufficialmente l’intenzione di fornire al team satellite due GSX-RR dal 2022. Anche la Ducati non è del tutto fuori dai giochi. Il costruttore italiano vuole ricominciare con sei motori il prossimo anno e ha spazio per accogliere una nuova scuderia in partenza da Avintia. Tuttavia, si dice che la Ducati sia vicina al raggiungimento di un accordo con Gracini. Quella squadra è ancora la squadra ufficiale Aprilia, ma sarà nuovamente indipendente dal 2022.

Leggi anche: