Tagliare alberi e trasportare lavoratori su un'isola tropicale: i paesi si mobilitano contro la febbre da fieno | Notizie RTL

Il sole inizia a splendere, l'auto inizia a fischiare e tu…starnutisci. Questa settimana la primavera è davvero arrivata dal punto di vista meteorologico e questo è evidente anche per chi soffre di raffreddore da fieno. Chi prende un volo all'estero durante le vacanze di maggio e spera di sfuggire subito alla febbre da fieno, spesso rimane deluso. La febbre da fieno non è un fenomeno esclusivamente olandese, ma ci sono paesi che attirano per le misure talvolta sorprendenti che adottano contro la febbre da fieno.

In breve: le erbe e gli alberi sono i maggiori disperditori di polline e lo si può trovare quasi ovunque. Nei paesi con un clima marittimo come il nostro o con un clima continentale come molti altri posti in Europa, potresti starnutire quando arrivi lì. Si stima che il polline di erba e alberi causi disturbi al 20% degli olandesi. La possibilità che questa percentuale aumenti è molto alta.

Spagna: gli alberi sulla Rambla di Barcellona devono essere rimossi

Lo stesso vale per la Spagna, dice il nostro corrispondente Richard Hoogenkamp. “Nel 2020, circa il 15-20% della popolazione soffriva di allergia ai pollini. Gli ultimi rapporti indicano già dal 20 al 25%. Si prevede che la metà degli spagnoli avrà la febbre da fieno entro il 2050.”

Ciò è in gran parte dovuto al cambiamento climatico, un processo che sta vivendo anche i Paesi Bassi. A causa dell’aumento delle temperature, gli alberi e l’erba non entrano più in modalità invernale, ma prosperano piuttosto per un periodo molto più lungo. A causa del lungo periodo di fioritura, il polline rimane nell'aria più a lungo e le allergie possono svilupparsi più facilmente.

READ  L'assassino di bambini Marc Dutroux vuole uscire dalla solitudine in cui vive da 26 anni

“In Spagna, ci sono persone che soffrono di raffreddore da fieno da novembre ad aprile”, dice Hoogenkamp. “La maggior parte delle persone soffre per un periodo di tempo più breve, a seconda esattamente del tipo di allergia che si ha. Il picco per la maggior parte delle specie arboree è a marzo e aprile, ma gli ulivi raggiungono il picco a maggio e giugno.”

“Quegli ulivi sono specificamente uno dei maggiori colpevoli in Spagna insieme al cipresso e al platano.” Ed è proprio di questo che Barcellona è piena. Si trovano anche lungo la strada più famosa della città, La Rambla, provocando ai passanti prurito agli occhi, naso che cola e attacchi di starnuti. Ecco perché il Barcellona sta adottando le misure necessarie. Entro il 2027 verranno rimossi un totale di 45.000 platani. Verranno sostituiti con alberi che provocano meno reazioni allergiche.

Immagine © Rob Engelaar
La Rambla, la strada più famosa di Barcellona, ​​è fiancheggiata da platani.

Anche i medici spagnoli danno qualche consiglio: restate in casa nelle ore peggiori della giornata. È dalle 5:00 alle 10:00 e dalle 7:00 alle 22:00. “Se hai lamentele a maggio e giugno, è finita, quando gli spagnoli restano in casa nel pomeriggio durante le ore più calde della giornata. Allora rimani dentro tutto il giorno”, dice Hoogenkamp.

Sud Africa: gli europei portano con sé gli alberi del raffreddore da fieno

La febbre da fieno è un fenomeno spiacevole anche al di fuori dell'Europa. Come in Sud Africa, anche le persone soffrono di cipressi e platani. In realtà ciò è dovuto agli europei.

“La quercia è stata portata in Sud Africa dalla VOC, gli inglesi hanno portato anche i platani e i cipressi crescono dall'Europa meridionale”, dice la corrispondente Sophie van Leeuwen. “I coloni europei avevano bisogno di legname per sviluppare il Capo, costruire case, botti di vino di quercia, praticamente tutto il resto dell’epoca.

READ  Il presidente italiano respinge le dimissioni del premier Draghi | All'estero
Un sentiero di cipressi in Italia. Immagine © Daniel Kisslinger
Un sentiero di cipressi in Italia.

Ma ora i malati di raffreddore da fieno in Sud Africa hanno il polline di tutti quegli alberi. “Il numero di pazienti affetti da raffreddore da fieno è in aumento”, afferma van Leeuwen. Lo stesso vale per la quantità di polline che fluttua nell'aria. Il Paese sta investendo molto in apparecchiature di misurazione per monitorare dove e quando appare il polline.

Chiunque si trovi attualmente in Sud Africa probabilmente ha pochi o nessun problema con i pollini. La primavera sudafricana cade a settembre, ottobre e novembre.

Giappone: dipendenti che lavorano su un'isola tropicale

Infine il Giappone, dove si stanno adottando le misure più sorprendenti contro il raffreddore da fieno. Ciò è necessario perché molti giapponesi sono allergici al polline. Ciò riguarda il 40% della popolazione, il doppio rispetto ai Paesi Bassi. L’anno scorso, le concentrazioni di polline più alte mai misurate si sono verificate a Tokyo. Perché il Primo Ministro ha definito la febbre da fieno una “malattia nazionale”.

Il cipresso è popolare anche in Giappone. Il paese asiatico lo piantò in massa dopo la seconda guerra mondiale. Ma ora stanno tornando da quello. Nei prossimi 10 anni il numero dei cipressi dovrà essere ridotto del 20% e sostituito con alberi “resistenti al raffreddore da fieno”.

Anche alcune aziende si stanno attivando. Ad esempio, mandano i loro dipendenti nell'isola tropicale di Okinawa. Questo è un vero paradiso con spiagge bianche e lunghe ore di sole. È un luogo dove quasi nessun polline fluttua nell'aria. Vanno lì finché la maggior parte del polline non è scomparsa dal loro luogo di residenza originale e il loro datore di lavoro paga il viaggio.

READ  Missili e armi anticarro dal complesso di munizioni Veenhuizen vengono caricati per il trasporto in Ucraina. 150 soldati della brigata di trasporto aereo di Assen in Romania su richiesta della NATO
È un buon posto in cui soggiornare a Okinawa.Immagine © Editoriale
È un buon posto in cui soggiornare a Okinawa.

Secondo il Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria, i dipendenti di un’azienda su cinque possono lavorare da remoto durante il picco dei pollini. Le aziende lo fanno perché molti dipendenti si ammalano. Il danno all’economia è stimato in 1,4 miliardi di euro al giorno.

Dove devi andare?

“Se vuoi trasferirti in una zona con meno pollini, una piccola isola asciutta è davvero una buona idea”, afferma Martin Durstein di Buienradar. “Lungo la costa comunque è sempre meglio. Il vento gioca un ruolo in questo. Quando viene dal mare, l'aria pulita viene soffiata sulla terra, dopo tutto, non ci sono alberi né erba che crescono che in Olanda e con “i venti occidentali in genere vedono basse le concentrazioni di pollini nelle contee costiere”.

“Un’altra soluzione, ma meno divertente, è cercare un’area dove piove. Le foreste pluviali sono un’opzione. È anche possibile avere aree molto secche, come il deserto, a condizione che tu possa sopportare il caldo E negli altipiani”, dice Dorrestein. In montagna, al di sopra del limite degli alberi, penso che si soffra anche meno della febbre da fieno.”

La stagione della tosse, degli occhi rossi, degli starnuti e del raffreddore da fieno non è piacevole per molti olandesi. I comuni potrebbero essere in grado di fare di più per prevenire le lamentele dei pazienti esaminando più da vicino dove piantano alberi e piante.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24