Testimone al processo di R. Kelly: doveva travestirsi da Girl Scout | mostrare

Una delle presunte vittime del processo R. Kelly ha parlato ancora durante la seconda udienza. La 28enne dice che la cantante l’ha costretta a vestirsi da scout e sostiene che la relazione sessuale con R. Kelly è iniziata quando era ancora minorenne.




Gironda Pace, uno dei principali testimoni nel processoHa continuato la sua testimonianza al tribunale di New York. Ha detto che aveva solo 16 anni quando si è unita al fan club di Robert Kelly nel 2009. Il cantante, che all’epoca aveva 42 anni, l’aveva invitata a casa sua.

Nella villa dovevi seguire le regole di Rob. Doveva sempre chiamare il cantante “papà” e vestirsi da Girl Scout. Doveva anche chiedere il permesso se voleva mangiare, bere o chiamare qualcuno. Si dice che il cantante di I Believe I Can Fly abbia registrato regolarmente atti sessuali davanti alla telecamera.

Gloria

Kelly è accusata di aver creato una sorta di rete per commettere aggressioni sessuali, traffico di esseri umani e corruzione. Si dice che il cantante 54enne abbia riunito una “squadra di personale e parenti dedicati con l’obiettivo di glorificare la sua persona e soddisfare i suoi desideri e le sue richieste”. Kelly stava usando i suoi stretti contatti dal mondo della musica per “scopi criminali”.

Pace è stata una delle prime presunte vittime a parlare al processo. Ieri ha parlato anche lei, poi ha raccontato che inizialmente aveva mentito sulla sua età a Kelly. Ma dopo aver fatto sesso la prima volta, ha ammesso di avere solo 16 anni. Kelly l’avrebbe costretta a dire che aveva 19 anni.

READ  Il sindaco di Roma vuole organizzare un Eurovision Song Contest

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24