Tour in diretta: il gruppo ha iniziato la tappa dei Pirenei a Saint-Gaudens | Tour de France

Segui il palco Qui a piedi.

Vincenzo Nibali non fa più parte del pacchetto e il vincitore del Tour italiano 2014 si concentrerà sulle Olimpiadi. Anche il danese Amund Grundal Janssen non è più tra loro.

Dopo una lunga discesa di circa 35 chilometri da Pas de la Casa, i ciclisti devono attraversare quattro montagne per arrivare al traguardo a Saint-Gaudens. Wout Poels farà senza dubbio un altro tentativo di raccogliere punti per classificare le montagne. Il 33enne Limberger indossa una maglia a pois. Il Galles ha otto punti di vantaggio su Michael Woods e dieci punti su Nairo Quintana e Wet Van Air.

Nella sedicesima tappa ci sono due montagne di Categoria II e una di Categoria I, Col de la Core. Dopo aver salito il Col de Portet-d’Aspet, c’è un’altra salita di categoria 4, con il più alto 7 km dall’arrivo a Saint-Gaudens.

Lo sloveno Tadej Pojacar indossa la maglia gialla stretta sulle spalle. Il britannico Mark Cavendish indossa la maglia verde, mentre il danese Jonas Weinggaard (Jumbo-Visma) indossa la maglia bianca.

Boogerd Anteprima

I nostri editorialisti Eric Brockenck e Michael Bogerdt seguono da vicino il Tour de France. Ogni giorno, un ex partecipante al più grande evento ciclistico del mondo attende con impazienza il giorno successivo. Oggi Brockink, terzo al Tour 1990, mette in evidenza la 14a tappa.

Eric Brockinck e Michael Bogerd guardano ogni giorno al palcoscenico della giornata.

Eric Brockinck e Michael Bogerd guardano ogni giorno al palcoscenico della giornata.

Prima che i corridori della classifica generale si scontrino in due tappe con un arrivo in salita nei Pirenei, il gruppo avrà una tappa di montagna leggermente più facile dopo il giorno di riposo con un arrivo relativamente piatto. Un altro volo perfetto per gli attaccanti.

READ  Anthony News dal Brasile: Ajax e Bayern in trattativa, il San Paolo può beneficiarne

Il viaggio da Pas de la Case a Saint-Gaudens si estende per oltre 169 chilometri. Dopo la partenza, erano 35 chilometri fuori pista, seguiti da una salita di due classi con una salita di classe I nel mezzo. Col de la Port è lungo 11 chilometri e Col de la Cour 13 chilometri. Il Col de Portet-d’Aspet è lungo solo 5 chilometri, ma è molto più ripido. È la montagna strettamente imparentata con l’italiano Fabio Casartelli, morto nel 1995 dopo essere caduto dal pendio di Portet-d’Aspet. Dopo la discesa, c’è un’altra salita di Classe 4, prima che i corridori raggiungano Saint-Gaudens.

Uno scorcio della sedicesima tappa del Tour de France.

Uno scorcio della sedicesima tappa del Tour de France.

Dopo il giorno di riposo alle 13.05, lo sloveno Tadej Pojacar partirà con oltre 5 minuti di vantaggio sul colombiano Rigoberto Uran in giallo. La maglia verde intorno alle spalle del britannico Mark Cavendish e di Wout Poels che difendono la maglia a pois. Il primo pilota è atteso intorno alle 17:30.

anteprima

“È una tappa molto dura, lasciatemelo dire, ma non così dura come sono passati i giorni. Mi aspetto che i ragazzi della classifica mantengano la loro polvere asciutta e che avremo una battaglia a squadre rivoluzionaria per la vittoria di tappa. I primi quaranta chilometri in discesa, è già qualcosa. Non ho mai sperimentato nulla di simile personalmente. I corridori attaccanti si attaccheranno a vicenda, ma sarà davvero difficile uscirne prima che la strada svanisca. Mi aspetto una lunga guerra prima che la bella corsa se ne vada”.

Boogerd ritiene che il carnefice di oggi sia il Col de Portet d’Aspet (5,4 chilometri del 7,1%). Conosciamo la montagna anche da Fabio Casertelli, che qui cadde e morì nel 1995. Nel 1997 siamo arrivati ​​qui dopo essere partiti. Poi ci siamo fermati tutti al memoriale. C’erano anche i suoi genitori. Tutto era ancora molto nuovo all’epoca. I cavalieri di oggi conoscono la storia. Alcuni attraverseranno”.

Boogerd si affida a due martedì olandesi: Bauke Mollema e Wout Poels. “Se Bauke vuole ancora qualcosa, anche in termini di corsa su strada olimpica a Tokyo, oggi è una grande opportunità per riapparire. Wout si unirà comunque. Deve, come un ragazzo con una maglietta a pois. Sfortunatamente, questi calci veloci per i punti in montagna ci vuole energia, rendendo difficili le vittorie di tappa, ma anche la maglia a pois è molto speciale.L’ultimo olandese a riuscirci fu Gert Jan Teunice nel 1989”.

Wout Poels e Wout van Aert ingaggiano una feroce battaglia per la maglia a pois.

Wout Poels e Wout van Aert ingaggiano una feroce battaglia per la maglia a pois.

Tuttavia, i Poels hanno una formidabile concorrenza, Boogerd lo sa. “Wout senza dubbio si è svegliato stamattina. Michael Woods, Nairo Quintana e sicuramente Wout van Aert sono avversari forti e le differenze sono piccole. Ho dato la mancia a Wout van Aert per la giornata, perché Jumbo-Visma è in buon flusso. Sono saliti dal morti dopo il primo giorno di riposo, dopo che il loro capo Primoz Roglic si è dimesso”.

Newsletter Telesport

Quotidianamente le più importanti notizie sportive, risultati, analisi e interviste.

Indirizzo email non valido. Si prega di compilare di nuovo.

Leggere Qui La nostra politica sulla privacy.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24