Un appello internazionale alla calma in Israele e nei territori palestinesi

Ci sono appelli da vari paesi per mantenere la calma in Israele e nei territori palestinesi. La Casa Bianca invierà un diplomatico di alto livello per cercare di allentare la situazione.

Il presidente degli Stati Uniti Biden ha chiamato il primo ministro israeliano Netanyahu. Dopo quella conversazione, ha detto ai giornalisti che si aspettava e sperava che la violenza finisse presto. Ha anche espresso sostegno per Israele. “Israele ha il diritto di proteggere se stesso e il suo popolo”.

All’inizio della giornata, il Segretario di Stato americano Blinken ha sottolineato che gli Stati Uniti “sostengono pienamente Israele nel suo diritto di difendersi”. “Condanniamo fermamente gli attacchi missilistici e crediamo che anche i palestinesi e gli israeliani abbiano il diritto di vivere in sicurezza”, ha aggiunto.

Consulenza in caso di emergenza

Il ministro degli Esteri russo Lavrov vuole tenere una riunione di emergenza del cosiddetto Quartetto del Medio Oriente. Gli Stati Uniti, le Nazioni Unite, l’Unione Europea e la Russia.

Anche un rabbino di alto rango ha chiesto calma. “Non dobbiamo lasciarci trascinare in provocazioni e causare danni a persone o cose”, ha detto in una nota il rabbino capo sefardita Yitzhak Yousef.

Netanyahu: Questo è solo l’inizio

Ma la pace e la sicurezza non sembrano ancora essere così. Il primo ministro israeliano Netanyahu afferma che non smetterà ancora di attaccare la Striscia di Gaza. “Questo è solo l’inizio. Li colpiremo in un modo che non pensavano fosse possibile”. Nemmeno il leader di Hamas si muove. “Il confronto con il nemico è aperto”, ha detto Haniyeh.

READ  Usa e Regno Unito attaccano la Russia per Navalny: 'pervertito e kafkiano'

Il giornalista Ties Brock non si aspetta che le cose rallenteranno nelle prossime ore. “Nella città di Lod, gruppi di giovani ebrei e arabi palestinesi sono scesi in piazza armati di fucili. Sempre nei pressi di Tel Aviv, un gruppo di ebrei di destra ha tirato fuori un uomo da un’auto.

Non solo in Israele, Brooke si aspetta che le violenze continuino. I bombardamenti continuano nella Striscia di Gaza “.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24