Un caloroso benvenuto alla Cina in Italia Economia

Il presidente cinese è arrivato ieri sera in Italia per una visita di Stato di tre giorni, anche se il termine visita di lavoro potrebbe essere più appropriato. Xi Jinping porta con sé una serie di contratti che legano l’Italia alle ambizioni commerciali e geopolitiche della Cina.

Il tappeto rosso è stato letteralmente steso dalla coalizione di governo populista italiana. Domani, al Senato di Roma, sarà firmato un accordo di cooperazione economica senza precedenti. La Cina darà impulso all’Italia economicamente instabile attraverso nuovi crediti governativi e investimenti massicci nei porti di Trieste e Genova.

Questi porti, situati in posizioni molto strategiche per l’Europa occidentale e orientale, così come Palermo in Sicilia, dove visiterà anche Xi, dovrebbero diventare collegamenti nella Nuova Via della Seta cinese, l’ambizioso progetto economico e politico attraverso il quale la Cina vuole diventare una potenza globale. N. 1.

autostrada

La Nuova Via della Seta è un sistema di ferrovie e vie navigabili che collegano rapidamente la Cina all’Europa. Le aree più remote d'Europa dovrebbero essere coperte in treno attraverso alcune città costiere strategiche. La China State Construction Engineering Corporation (CSCEC), la più grande impresa di costruzioni al mondo, sta aprendo la strada e avviando i lavori in aree remote da Trieste sulle linee ferroviarie attraverso la Slovenia fino all'Europa orientale.

La Cina ha già importanti progetti in corso in Croazia, Ungheria e soprattutto Romania. I miliardi cinesi sono spesso accolti a livello nazionale come alternativa agli aiuti dell’UE, perché l’UE richiede ogni sorta di condizioni di trasparenza. Pechino semplicemente non si preoccupa molto delle disposizioni sulla concorrenza o dei diritti umani.

READ  Sentimenti di lussuria e divorzio: Couperus era avanzato in un libro di 120 anni

L’approccio cinese preoccupa da tempo a Bruxelles, dove tra le preoccupazioni per la Brexit si discute anche dell’impatto della presa cinese sul porto del Pireo in Grecia. Nel 2016 i cinesi ne hanno acquisito il 51%. Tuttavia, le comunicazioni con le zone periferiche appaiono più complesse di quanto Pechino si aspettasse. Per questo motivo la Cina ora ha messo gli occhi su Trieste e Genova. Quest’ultimo porto, ad esempio, ha già una buona connettività ferroviaria con Rotterdam.

Senza accordo

Se fosse stato per l'ex ministro delle Finanze italiano Gianfranco Polello, Xi Jinping avrebbe lasciato l'Italia sabato sera senza raggiungere un accordo. Lui – insieme ad altri in Europa – teme che l’Italia diventi troppo dipendente dalle grandi ambizioni cinesi. Sul quotidiano francese Le Figaro, Polillo spiega che Grecia, Ungheria e Portogallo – che hanno già aderito alla Nuova Via della Seta – sono legati mani e piedi. “È difficile per questi paesi separare gli affari dalla politica, ad esempio quando si tratta di prendere posizione sui diritti umani”, ha affermato Polillo.

Tuttavia, non tutti all’interno della coalizione populista sono entusiasti della Cina. Il vicepremier Matteo Salvini non vuole che il suo Paese venga “colonizzato” dai cinesi. Salvini va molto d’accordo con il presidente americano Trump, che ora è di nuovo in contrasto con la Cina.

È importante che la Cina garantisca che i porti di Trieste e Genova siano in grado di gestire le sue ambizioni di esportazione. In questo caso le navi non dovranno più fare il giro di Gibilterra verso i porti di Rotterdam e Amburgo per raggiungere più rapidamente i mercati dell’Europa centrale.

READ  Helmut Marko esclude la vendita di AlphaTauri: "Nessuna necessità finanziaria"

Il consulente politico Roger Spuel di Evofenedex (il gruppo di interesse olandese per caricatori, esportatori e importatori) segue gli investimenti cinesi nelle infrastrutture marittime in Europa. Secondo lui paesi come l’Italia e la Grecia non hanno molta scelta. “Non possono fare questi investimenti nei loro porti marittimi da soli. L'UE non lo farà per loro, e la Cina vuole farlo. Importante per l'occupazione nei paesi in cui molte persone non hanno un lavoro.”

Ma ci sono rischi significativi, come ha già testimoniato Spoil. I baroni portuali cinesi possono anche imporre ai loro clienti le compagnie di navigazione cinesi. Ad esempio, la compagnia cinese di container COSCO è diventata un attore importante a Genova e Trieste, così come lo è già diventata nel porto di Zeebrugge. Di conseguenza, dal mese prossimo numerose compagnie di navigazione olandesi che desiderano fare affari dovranno rivolgersi a Zeebrugge invece che ad Anversa e Rotterdam. Ciò significa comunicazioni migliori.

Sugli occhi

Il rischio che i Paesi Bassi corrono a causa degli investimenti cinesi in Italia potrebbe essere che alcuni flussi di merci vengano eventualmente dirottati verso il porto di Genova. D'altro canto ci sono molte compagnie di navigazione che continuano a navigare verso Rotterdam e Anversa e che non hanno rapporti con la Cina, ritiene Spoel. “Ci si potrebbe chiedere se qui esiste ancora una concorrenza leale. Il porto di Rotterdam opera senza alcun contributo governativo e i soldi del governo cinese vengono investiti a Genova. La concorrenza sleale danneggia il clima economico nei Paesi Bassi quando le aziende trasferiscono la loro produzione e distribuzione nel nord Italia perché lì c’è un porto a buon mercato, se questo porto è sponsorizzato dai cinesi le cose si complicano.

READ  Notizie sull'acquisizione Telecom Italia spinge il settore delle telecomunicazioni in borsa

La Cina ha messo gli occhi sull’Italia già da tempo. Secondo l’American Enterprise Institute, negli ultimi anni nel Paese sono stati investiti 23 miliardi di euro, il cui premio principale è stato l’acquisto di Pirelli da parte di ChemChina nel 2015, per quasi 8 miliardi di euro. La compagnia petrolifera Eni, la compagnia elettrica Enel e la banca Intesa sono ormai in parte cinesi. Gli osservatori vedono anche gli investimenti cinesi come attacchi strategici per creare un cuneo tra i paesi europei e nelle relazioni dell’Europa con gli Stati Uniti. È più facile gestire un’Europa divisa.

©M

annuncio
©M

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24