Un gruppo di olandesi lascia l’hotel in quarantena dopo un mese: “È ora di bere qualcosa!” | l’interno

È stato un messaggio inaspettato giovedì per i restanti 21 olandesi del gruppo di tournée, che sono andati in vacanza in autobus per l’isola italiana il mese scorso e hanno dovuto essere messi in quarantena in massa a casa di Oresto dopo aver contratto Corona.

test negativo

Ora, poco più di un mese dopo, anche l’ultimo dei turisti può partire, dopo che un’altra parte del gruppo è stata recentemente autorizzata a tornare a casa. “È stato molto sorprendente”, afferma Rene van der Pluijm, uno dei viaggiatori. “Siamo stati testati la mattina e all’improvviso alle tre e mezza abbiamo ricevuto un messaggio che eravamo tutti negativi. Ci è stato permesso di partire, infatti abbiamo dovuto. Preparare le valigie in fretta, perché l’autobus è pronto dopo mezz’ora. .”

La festa, con diversi vacanzieri più anziani, molti dei quali sulla ottantina, si è spostata direttamente in un altro hotel a Oresto, dove tutti potevano finalmente sedersi di nuovo insieme e parlare anche fisicamente di tutto ciò che era successo. “Abbiamo mangiato insieme, e ovviamente abbiamo pensato tutti: è ora di un buon drink!” ha detto soddisfatto il 69enne Reeseeker.

Viaggio di ritorno

L’autobus partirà venerdì per poter viaggiare in Francia in barca attraverso il Mediterraneo. Quindi il gruppo viaggia ulteriormente attraverso l’Europa verso nord, fino alla città di Zeeland nel Brabante, dove tutti sono partiti. “Ci arriveremo domenica pomeriggio.”

Il gruppo del tour ha suscitato molto interesse con il loro soggiorno nell’hotel, che sembrava un edificio per uffici abbandonato nell’Europa orientale. “È peggio qui che in prigione, almeno sei ancora in onda lì, puoi fare sport e hai altre strutture”, ha detto all’epoca van der Pluijm.

READ  140 casi di corona in Copa America ora | sport

quarantena

Avevano preso l’autobus per l’Italia a metà ottobre, per godersi una meritata vacanza in Corsica e in Sardegna. Fino a quando improvvisamente una persona si è rivelata affetta da Covid e tutti hanno dovuto essere messi in quarantena. L’inizio di una lunga permanenza forzata nelle stanze del Santuario Grigio, che ora è finalmente terminata. “L’atmosfera è vivace”, conclude van der Pluijm.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24