Un ricercatore belga hackera lo Starlink Terminal di Space X

Questo ricercatore di sicurezza belga ha violato la rete satellitare Starlink. Ma perché in realtà?

In 5 anni, la società americana SpaceX ha lanciato più di 3.000 satelliti in orbita attorno alla Terra. Grazie a queste enormi dimensioni, la rete satellitare Starlink rende facile la connessione a Internet in luoghi remoti. Potrebbe essere finita, avverte un esperto di media belga. Ha hackerato la rete Starlink da solo.

Leggi anche:

amico e nemico

Lennert Wouters, ricercatore di sicurezza presso KU Leuven, ha rivelato durante Conferenza sulla sicurezza di Black Hat A Las Vegas, una falla di sicurezza sulle antenne paraboliche Starlink.

Wouters ha assemblato lui stesso uno strumento di hacking, che ha attaccato alla sua ciotola Starlink. Il chip personalizzato costa meno di 25 euro. Una volta connesso alla parabola, il chip lancia un attacco che cortocircuita temporaneamente il sistema. Voilà: grazie al difetto, Wouters può hackerare tutti i punti bloccati nel sistema Starlink.

Anche se suggerisce il contrario, Wouters non è pronto per la caduta di Starlink. Il ricercatore vuole avvisare SpaceX dei loro difetti, quindi i veri nemici non possono hackerare il sistema Starlink.

I nemici abbondano. Ad esempio, Starlink ha contribuito a migliorare la connettività in Ucraina nella sua lotta contro la Russia. Putin non ne era felice. Inoltre, la Russia ha già effettuato un attacco informatico alla società satellitare statunitense Viasat a febbraio. Inoltre, uno scienziato dell’informazione cinese ha recentemente annunciato la sua avversione per Starlink. A maggio ha pubblicato a Ricerca a “tattiche di uccisione morbide e dure” per portare i satelliti americani tra le stelle.

Fonti: GizmodoE il cablato

Foto: Pixabay

READ  Influenza e raffreddore: dovresti chiamare malato con il naso che cola?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24