Università degli Studi di Milano: Covit-19 era già nel nord Italia il 10 novembre 2019

Immagini delle cartucce da campo

La donna si è recata dal dermatologo nel novembre 2019 con una strana eruzione cutanea sul braccio. La riconsiderazione ora mostra che il suo effetto è il risultato dell’infezione da corona.

In circa il 5-10% dei casi, l’infezione da Covit-19 porta a problemi della pelle. Ciò ha spinto Raphael Zionotti, un dermatologo dell’Università degli Studi di Milano, a riconsiderare campioni di problemi cutanei inspiegabili dall’autunno del 2019.

Una delle pazienti, una donna di 25 anni, è stata trovata con tracce del virus corona nella ghiandola sudoripare.

Sono noti altri 6 casi

La donna, a cui erano stati diagnosticati gli anticorpi contro il virus corona in un esame del sangue nel giugno 2020, ha dichiarato di non avere altri sintomi. Secondo Gionotti, a Milano sono noti altri sei casi, dove l’eruzione cutanea è l’unico segno di infezione. Da ciò, l’Università degli Studi di Milano ha concluso il 10 novembre 2019 che il Covit-19 si stava già diffondendo nel nord Italia, quasi tre settimane prima della prima epidemia di corona registrata a Wuhan. Il 1° dicembre 2019, le autorità cinesi hanno diagnosticato la prima infezione del governo. Con le nuove informazioni, Milanese è diventato il primo malato di corona al mondo.

Il coronavirus è stato rilevato per la prima volta in un bambino di 4 anni di Milano. Il ragazzo è stato ricoverato in ospedale nel dicembre 2019 con il morbillo. Quando i campioni di sangue sono stati riesaminati, è stato rivelato che aveva anche un’infezione da Govt-19.

READ  Un uomo di Harlem è annegato in Italia. I suoi due figli stanno arrivando...

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24