Uno sguardo al passato in quattro prospettive

Annemiek van Vleuten si prepara giovedì per la sua prova finale.Foto di Claes Jan van der Weij/De Volkskrant

Migliora ogni anno

Il ricordo porta immediatamente alle lacrime. Anche Annemiek van Vleuten è rimasta sorpresa, in una stanza d’albergo vicino a Leende, di fronte ai giornalisti, che insieme a lei hanno guardato l’affollato elenco dei riconoscimenti. La domanda era come erano andate le ultime settimane, sapendo che il ciclo finale stava arrivando.

Si scopre che la partenza da Livigno lo scorso luglio la sta ancora influenzando, la stazione sciistica situata a oltre 1.800 metri di altezza nelle Alpi italiane, con Gavia, Mortirolo e Stelvio nelle vicinanze; Passa dove la forcina piega insieme il filo. Sono rimasto lì molto. Dopo la vittoria assoluta al Giro d’Italia Dune, è stata lì brevemente per l’allenamento in quota in preparazione al Tour de France.

“L’intero anno è stato il mio ultimo anno, ma sono riuscito a rimandare quella sensazione per così tanto tempo. Il giorno in cui me ne sono andato e ho salutato le persone lì – oh, ora sto riempiendo di nuovo i miei serbatoi, non voglio questo affatto. Questo dice abbastanza. Non sono pieno perché non ho vinto il Tour de France. Sono pieno perché mi è piaciuto fare un piano per raggiungere un obiettivo. Attenermi davvero a esso. Quello era il mio ultimo obiettivo. Io sono andato in bicicletta quel giorno e non riuscivo a smettere di piangere.

Circa l’autore
Rob Golin scrive di sport dal 2016 De VolkskrantSoprattutto per quanto riguarda il ciclismo. In precedenza è stato corrispondente generale, corrispondente artistico e corrispondente dal Belgio.

Rappresenta la sua posizione. Del suo scintillante curriculum (due titoli mondiali su strada e due nella cronometro, un oro olimpico a Tokyo nella cronometro, quattro vittorie assolute al Giro, tre volte alla Vuelta e una al Tour), racconta poi , mi è piaciuto “zero davvero”. Bene, correzione qualche minuto dopo: “È una lista molto bella”. Ma ricorda soprattutto la tensione delle competizioni più grandi. Stai in piedi, non perdere tempo.

Era un’altra spinta a spingerla a esibirsi: la voglia di migliorare anno dopo anno. Il punto fermo: incontrarsi con il suo allenatore, Louis Delahaye, a novembre, per discutere della stagione passata e poi vedere dove si trovano le opportunità per un ulteriore perfezionamento. Ma i passi avanti sono sempre più piccoli. “Se dovessi valutare adesso non riuscirei a fare una lista per il prossimo anno con Lewis, la sfida si stava esaurendo.

Ha visto la concorrenza arrivare e passare a volte in primavera. Per la prima volta non era migliore dell’anno scorso. La conferma è arrivata lo scorso agosto sul Tourmalet. Schiacciò sui pedali e guardò la sua rivale Demi Wohlring scomparire nella nebbia davanti a lei, fuori dal suo controllo, con uno sguardo vuoto.

Treno, treno, treno

A Leende indica una domanda che ha ricevuto in precedenza: Elisa Longo Borghini, l’italiana originaria della Lidl-Trek, vincitrice della Parigi-Roubaix l’anno scorso e forte concorrente per anni, ha detto che aveva Van Vleuten in testa mentre si allenava. Poi l’ho alzato di un livello. Longo Borghini, che in precedenza aveva chiamato Van Vleuten The Alien, ha scritto di aver portato il ciclismo femminile a un livello superiore. “Ho pensato che fosse un bel complimento, ma alla fine ho motivato i piloti.

L’addestramento intenso ea lungo termine faceva parte dell’arsenale di Van Vleuten. È necessario stimolare il suo corpo. Poi ho sentito che era la soluzione migliore. Nelle squadre Mitchelton-Scott e Movistar, a volte correva con gli uomini. “Per superare i limiti, a volte devi uscire dalla tua zona di comfort.”

È riuscita anche a sorprendere il suo allenatore, Delahaye, che la allena da più di dieci anni. Si pensava regolarmente che la vetta fosse ormai stata raggiunta, ma poi i confini sono cambiati di nuovo. Attribuisco il fatto che potesse gestire molte taglie ed era molto flessibile all’età relativamente tarda in cui ho iniziato a pedalare: 25 anni. La scelta del ciclismo è arrivata dopo che si è infortunata mentre giocava a calcio. Ha rinunciato a un lavoro d’ufficio presso un istituto professionale secondario. Un ulteriore fattore importante secondo Delahaye: “La sua testa è rimasta fresca per molto tempo”. Mi è piaciuto.

Insieme al suo vicino di Wageningen, il pilota di pista e su strada Jan Willem van Schip, ha scelto destinazioni dai nomi strani: Ovinge, Hill, Appel. Una volta raggiunti i 400 km. Van Schip ha ammesso che alla fine è riuscito a malapena a tenere il volante.

Chiunque le chiedesse se non si comportava da pazza poteva contare sull’incomprensione scuotendo la testa. Stava cercando di ottenere il meglio da se stessa. Non si è mai trattato del “più è, meglio è”. Erano più le tre, non le quattro. Allo stesso tempo, sosteneva con passione le gare più dure. “Che tipo di messaggio stai dando alle ragazze a casa? Vedono donne pedalare 90 km e uomini percorrere tappe di oltre 200 km. Ora sono stati fatti progressi. “Questa settimana percorreremo anche due tappe da 150 km. Con l’aumento della professionalità, le distanze sono diventate necessarie per fare la differenza.

Ma ora che ha frenato può anche tirare un sospiro di sollievo. “Non più tenerti in forma, quello che puoi e non puoi mangiare, non più issarti sulla bici quando piove, o portare con te la bici quando vai da tua madre per due giorni, perché devi sempre allenarti .” Non vedo l’ora.

Van Vleuten scende dalla bicicletta dopo la cronometro del Tour femminile Simac.  Foto di Claes Jan van der Weij/De Volkskrant

Van Vleuten scende dalla bicicletta dopo la cronometro del Tour femminile Simac.Foto di Claes Jan van der Weij/De Volkskrant

Resilienza

C’è qualcosa di simbolico in questo: quando domenica van Vleuten ha preso parte alla tappa finale del Semak Women’s Tour, è passata cinque volte davanti all’ospedale Rehnstedt di Arnhem durante un tour locale, a dimostrazione che gli intoppi non mancano mai.

Le fratture del sistema sono state trattate tre volte in quell’ospedale e ogni volta sono guarite. Quaranta ore dopo la sua violenta caduta alla Parigi-Roubaix nell’ottobre 2021, che le ha rotto la spalla e il bacino in due punti, ha camminato lungo la navata con le stampelle. Il 2022 è stato il suo anno migliore, con le vittorie assolute ai tre Grandi Giri, all’Omloop Het Nieuwsblad, alla Liegi-Bastogne-Liegi e alla Coppa del Mondo in Australia.

Ha regolarmente parlato di pensare in modo diverso: puoi trarre forza dalla delusione. A metà ottobre 2020 cade al Giro con la maglia rosa e si rompe il polso. Meno di dieci giorni dopo, ha lottato per conquistare la medaglia d’argento ai Mondiali di Imola, indossando un tutore attorno all’avambraccio. Tre giorni dopo il suo fallimento in trasferta alle Olimpiadi di Tokyo, dove pensava erroneamente di aver vinto l’oro, è diventata la campionessa olimpica della cronometro. Ai Campionati del mondo di Wollongong, è caduta all’inizio della prova a squadre miste e più tardi quella settimana ha vinto il titolo individuale in trasferta a causa di una frattura al gomito. Questa partita è considerata una delle sue vittorie più belle. “Tutta la mia carriera si è concentrata in questo: disillusione, trasformazione, trasformazione.”

Non pensa di aver bisogno delle avversità per tornare più forte, ha imparato ad affrontarle. “Mentre gli altri potrebbero essere sorpresi, dopo 48 ore di autocommiserazione e pianto, avevo un altro piano in atto e l’ho eseguito di nuovo. È fondamentalmente nei miei geni, sono positivo. Mi concentro su ciò che posso controllare.”

La sua caduta alle Olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016, quando si schiantò sulla pista Vista Chineza con l’oro in mano e rimase rotta sul marciapiede, non fu per lei un’amara delusione. In effetti, ha segnato una svolta nella sua carriera. Prima di allora era una pilota classica. Nelle foto scattate nei suoi primi giorni, puoi vedere che il suo dito era convesso. A Rio è fiorita come alpinista addestrata. “Ero il migliore quel giorno. Ho iniziato a credere in me stesso. Da allora ho iniziato a scattare. Ho anche avuto un volto verso il mondo esterno. Ho ispirato le persone: che non devi arrenderti, che puoi mettere la tua di nuovo le spalle sul volante. È bello che tu riceva qualcosa del genere in cambio.

Glasgow, agosto 2023: l'ultima gara su strada di Van Vleuten in Coppa del Mondo.  Foto di Claes Jan van der Weij / De Volkskrant

Glasgow, agosto 2023: l’ultima gara su strada di Van Vleuten in Coppa del Mondo.Foto di Claes Jan van der Weij/De Volkskrant

Strada privata

Van Vleuten amava la diversità e i nuovi orizzonti. È stata una delle prime persone del gruppo ad allenarsi in quota. Ma non è la decima volta che vado da Ted’s a Tenerife o in Sierra Nevada: stesso club, stesso hotel, stesso tour. È volata in Colombia. Ad esempio, da Manizales, a 2.150 metri di altitudine, può girare a destra dall’hotel per salire a 4.057 metri, e poi girare a sinistra per scendere a 800 metri. Ho viaggiato su sentieri non battuti. Ha ispirato colleghi come Tom Dumoulin, Koen Bowman, Taco van der Hoorn e Jan Willem van Schip a visitare anche le Ande. La pattinatrice Erin Schouten si è allenata sui pattini.

Non cercare di dipingerla come l’unica in cima alla montagna. “Così mi sono trovato. Ma non mi alleno mai da solo. Trovavo piacevole lavorare con altre nazionalità e persone esterne alla mia squadra. Mi dà energia. A Livigno ho chiesto ai ciclisti italiani, quest’anno sono venuti anche gli olandesi. E in Colombia ho pedalato con i colombiani.

Fino al 2015 ho corso per sei anni per le squadre olandesi: Vrienden van het Platteland, Nederland Bloeit e Rabobank. Ha poi scelto una squadra australiana: Eureka, poi Mitchelton-Scott. Nel 2021 è seguito il passaggio alla spagnola Movistar.

Non mi piace copiare e incollare, mi piace vivere un’avventura. Dopo cinque anni di servizio australiano, gli incentivi mancavano. Quando ho firmato con la Movistar, non era una grande squadra. Per me è stata una sfida contribuire allo sviluppo e ottenere grandi risultati. Due anni dopo vincemmo il Tour de France. Il fatto che nella selezione includesse anche un corridore cubano, Arlenes Sierra, è stato un vantaggio. “Mi piacerebbe sapere da lei come stanno andando le cose lì. Questo arricchisce la mia vita ciclistica sotto un certo aspetto.

Il follow-up dopo domenica è ancora aperto. Per prima cosa va in “mini vacanza” con il suo ragazzo. Poi parti per un anno e magari “fai qualche lavoretto”. Al NOCNSF seguirai un programma per ex atleti che mirano ad esistere oltre l’arena della competizione. Qualunque cosa faccia, è sicura di voler diventare di nuovo brava. Ma questa volta, dice, non deve essere necessariamente la migliore.

READ  BBC: il team Red Bull di Formula 1 nega i disturbi dopo le critiche di Jos Verstappen

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24