Antichissimo governo italiano

Il cinquantuno per cento dei dipendenti pubblici italiani ha più di 50 anni, la percentuale più alta nell’Unione Europea. Lo rivela uno studio condotto dalla Commissione Europea. Una nuova mossa prende di mira i comuni rurali italiani che invecchiano.

In Belgio, Germania, Irlanda, Italia, Lituania, Austria e Portogallo
L’età media dei dipendenti pubblici è molto alta ed è ulteriormente aumentata negli ultimi anni. Dal 2011 al 2017 la quota di dipendenti pubblici di età superiore ai 50 anni è aumentata in 25 dei 28 paesi dell’UE (allora). L’età dei dipendenti pubblici era forte in Italia.

Chiuso

L’Italia ha meno dipendenti pubblici rispetto ad altri paesi europei in termini di occupazione totale. Secondo uno specifico rapporto dell’UE sulla pubblica amministrazione italiana dal 2020, non sono solo anziani, ma hanno anche “fondi professionali obsoleti”. Secondo il rapporto del Paese, la pubblica amministrazione italiana “dimezza sotto l’Ue-27” sia per professionalità che per imparzialità. “In termini di assunzioni, la pubblica amministrazione italiana è considerata molto chiusa. Inoltre, il trasferimento del personale è bloccato da quasi due decenni a causa della crisi economica e finanziaria.

Dall’alto al basso

Resta da vedere se funzionerà. Riforme italiane
Le pubbliche amministrazioni “soffrono di gravi ritardi nell’attuazione delle riforme dall’alto verso il basso e del raro riconoscimento e diffusione di preziose innovazioni dal basso”, hanno affermato i ricercatori. La pubblica amministrazione italiana è in continua trasformazione e la sua attuazione è ostacolata dall’instabilità politica e dal dominio della tradizione e del diritto.’

Nuovi ostacoli

Di recente, i comuni italiani hanno cercato di invertire la tendenza al ribasso. Nel 2018, a causa delle modifiche ai precedenti limiti di assunzione per i nuovi dipendenti, hanno sostituito quasi nove dipendenti su dieci (88%). Oggi, però, gli enti locali devono affrontare nuovi ostacoli, tra cui i nuovi parametri che dividono i comuni in ‘classi’, il nuovo accordo nazionale per il pagamento degli arretrati in base al rapporto tra costo del personale e reddito corrente. Debiti contratti. È proprio per questo motivo che il governo italiano, guidato da Mario Tragi, ha studiato modalità per facilitare l’assunzione di personale nei comuni.

READ  Un ragazzo olandese (18) che è stato maltrattato da indigeni in Italia.

Andato

Antonio DeCarro – Sindaco di Barry nel Sud Italia e presidente dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) – parla di una situazione di emergenza che richiede regole eccezionali. Tutti i comuni sono stati colpiti a causa di anni di politiche di austerità che hanno bloccato le entrate dei servizi pubblici. I comuni italiani hanno attualmente 361.745 dipendenti, rispetto ai 479.233 del 2007: una riduzione di 117.500 FTE. Generazioni di giovani dipendenti pubblici sono scomparse.’ E, secondo Deco, sono questi giovani funzionari che hanno escogitato nuove idee.

Prestazione

Secondo i ricercatori dell’UE, bisogna assolutamente fare qualcosa per il ringiovanimento della funzione pubblica in Italia, ma anche in molti Stati membri. “L’elevata età media dei dipendenti pubblici può influenzare le prestazioni e la motivazione, la formazione e lo sviluppo, l’orario di lavoro, l’uso delle nuove tecnologie e il trasferimento delle conoscenze”, avvertono.

Secondo i giornalisti, questo vale anche per i Paesi Bassi. “Senza grandi sforzi, la quantità di lavoro del governo diminuirà, tenendo conto della distribuzione per età nel settore pubblico”. La crisi bancaria del 2008/2009 e il graduale innalzamento dell’età pensionabile a 67 anni hanno temporaneamente attenuato l’urgenza dell’uscita dalla crisi, ma la ripresa economica ha riportato all’ordine del giorno la questione del lavoro.

Leggi l’articolo completo Il numero del consiglio nazionale di questa settimana. 6

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24