Dante non era affatto un politico brillante

Ogni biografo di Dante lotta con un’enorme scarsità di dati. Ma il problema più grande che dovrà affrontare è che anche questi piccoli fatti sono sistematicamente in conflitto tra loro. Questa settimana si celebra il 700° anniversario della morte del poeta, ma qual è la data esatta? Molti contemporanei lo tennero per il 13 settembre, e Giovanni Boccaccio, solitamente ben presentato, era certo del quattordicesimo.

Lo storico italiano Alessandro Barbero (che qui ha avuto un certo successo nel suo romanzo La vita e le guerre più belle degli altri dal 1996) raccoglie nel suo Dante Non è la strada sicura scegliendo facilmente l’una o l’altra opzione, ma affronta tutte le contraddizioni immaginabili che ruotano ancora intorno alla vita di Dante. Li sostiene e trae le sue conclusioni, di solito con le dovute avvertenze. Dante era di tipica origine borghese o era di nobiltà? Era ricco o di uno stato sociale molto povero? Era un servitore o più che un uomo di mondo, sapeva anche scrivere bene?

Queste sono alcune domande comuni a cui è stata data risposta in modi diversi da persone che le hanno studiate per molto tempo. Barbero prende una posizione chiara su questo, basandosi su un gran numero di documenti e analisi, raccolti nel corso di diversi secoli da un crescente esercito di esperti danteschi internazionali. Quando si tratta di dettagli, spesso si tratta di combinare reperti d’archivio con brani dell’opera di Dante. Raramente va liscio. Uno specialista di Dante è qualcuno che ha resistenza e può affrontare le delusioni.

clima politico violento

Chi vuole sapere qualcosa sulla vita sentimentale del poeta può trovare negli archivi che sposò Gemma di Manetto, del potente clan Donati di Firenze. Ma nell’opera di Dante, così come nelle sue lettere piene di riferimenti alla sua vita e all’ambiente circostante, lei è completamente silenziosa. Per alcuni Dantevorser ragione di supporre che deve essere un cattivo matrimonio. Barbero definisce questo matrimonio “un miscuglio di misteri”, anche al momento della conclusione le ipotesi divergono da vent’anni. Secondo Barbero si sarebbe trattato di un matrimonio di convenienza, destinato ad allentare le tensioni tra due famiglie rivali.

READ  Polizia Nazionale Alfa Romeo Giulia 2000, veto italiano e introduzione al rapporto

Dante nacque nel 1265 a Firenze, a quel tempo era una città commerciale in crescita – con una popolazione di circa centomila, è una delle capitali d’Europa. Durante la vita di Dante, il successo economico iniziò a tradursi in prosperità culturale. Dante vide i complessi monastici ancora iconici come Santa Maria Novella e Santa Croce costruiti durante la sua vita, così come l’opulento Palazzo Vecchio.

La bellezza ordinata e pacata di questi monumenti contrasta nettamente con il clima politico conflittuale e violento di Firenze. La città beneficiò dei sempre crescenti scambi commerciali tra nord e sud Italia; Il denaro si accumulò rapidamente e apparve il ruolo di potenti banche, che funzionavano con una parte più ampia dell’Europa.

All’interno di Firenze, le distinzioni tra ricchi e poveri aumentarono. I ricchi mercanti iniziarono a mostrare tratti aristocratici, cercando di ottenere i titoli di nobiltà. Nel frattempo, artigiani e mercanti mantenevano un antico modello di uguaglianza. Con le necessarie rivoluzioni di conseguenza. Verso la fine del XIII secolo salì al potere un governo popolare, che prometteva di schiacciare le ambizioni dei ricchi fiorentini.

lavori politici

In quel periodo Dante iniziò ad apparire in pubblico: per almeno sei anni, dal 1295 al 1301, ricoprì molti incarichi politici davanti a questo sistema alquanto democratico. Di conseguenza, le famiglie benestanti furono cacciate dal potere. Come è finito Dante in questo sistema piccolo-borghese?

Barbero con numerosi documenti e attente analisi dimostra che la famiglia di Dante, pur non essendo tra i membri più potenti di Firenze, era molto ricca e aveva anche tratti nobiliari. La partecipazione di Dante al governo popolare era una scelta ideale?

Era diverso: Dante era una persona di vedute moderate e la sua partecipazione al governo popolare era principalmente per impedire ai populisti di fare le cose più stupide possibili, restituendo gradualmente parti del potere ai veramente ricchi.

C’è davvero qui una fonte di grande contraddizione, perché Dante manovra e scende a compromessi e alla fine diventa un rappresentante dell’aristocrazia nelle file del governo popolare. Risulta essere una ricetta per farsi molti nemici, non solo tra i populisti, ma anche tra i vecchi aristocratici, che lo accusano di mettere le orecchie a terra.

READ  Notizie UE: l'economista avverte che l'Italia deve affrontare la "disoccupazione permanente" in città e in azienda

Guerra civile

Il seguito stabilisce anche la legge non scritta secondo cui i poeti brillanti raramente sono politici decisi. Dopo la caduta del governo popolare a Firenze, scoppiarono scontri tra due clan di famiglie benestanti, i Cerchi ei Donati, che tentarono di prendere il sopravvento attraverso il nepotismo, i tentativi di assassinio e le battaglie di piazza. Ciò culminò in una guerra civile che divenne nota come la battaglia tra bianchi e neri. Dante ha cercato più volte nei suoi discorsi di sostenere la ragionevolezza e l’unità, ma non ha potuto evitare di essere visto come un rappresentante dei bianchi, che alla fine hanno perso la battaglia.

Bandito da Firenze nel 1302, Dante iniziò a vagare tra protettori per lo più nobili. Era già conosciuto come poeta Nuova vita, un omaggio lirico alla sua amata d’infanzia Beatrice, morta giovane. La vita nei tribunali gli piaceva solo moderatamente, ed era sempre in pericolo di essere coinvolto in controversie. Rendendosi conto delle sue capacità letterarie, desiderava la solitudine nello studio. La speranza di tornare a Firenze si avviava ogni tanto, ma non si realizzava; Morì a Ravenna, all’età di 54 anni.

Riso soffia la mente

Come pensatore e poeta, Dante si sviluppò pienamente solo durante il periodo del suo esilio. portato a un diluvio di lettere e poesie sulla politica (di proprietà), Scienza (Forum), linguaggio (Nella retorica volgare) così come la poesia pur sang (come rima occupazione egloghe). Dante usa spesso il latino. Ad un certo punto – non sappiamo nemmeno quando – iniziò l’elaborata composizione in volgare che lo avrebbe reso famoso nel mondo dopo la sua morte: Divina Commedia, noto a noi come Divina Commedia. Dante deve aver attraversato un intenso processo di assimilazione che gli ha permesso di mostrare il mondo al di là come un “profeta” per gli umani sulla Terra. Una storia globale composta da giudizi finali ben formulati sul contenuto morale di grandi e piccoli personaggi.

Seguiamo il poeta nel suo viaggio nella selva oscura, all’inferno, guidato dal grande poeta classico Virgilio, e poi il Purgatorio. È un viaggio allucinatorio, in cui tutto ciò che accade all’occhio del poeta ha un significato universale. Personaggi storici si leccano le ferite. Così raggiunge il cielo, dove alla vergine pagana non è permesso entrare, e il poeta ascende a Dio, e infine le parole non spiegano ciò che ha visto.

READ  Verso la fumata bianca del G20

Barbero non fornisce un’analisi completa della struttura globale o del contenuto di commedia. Questo testo è stato estratto principalmente per estrarne parti autobiografiche. Lo fa in modo intelligente e persuasivo, come un filologo coscienzioso, ma dà anche al suo libro qualcosa di spietato. Ciò è facilitato anche dal fatto che temi molto difficili – come la nobiltà di Dante, i legami familiari o il suo successo economico – dominano la prima metà del libro. Solo alla fine Barbero presta più attenzione al contesto della vita dantesca: l’Italia è così divisa, che tutti sono in guerra con tutti, ma un fondatore letterario poliedrico come Dante può scontrarsi ripetutamente anche con i potenti che lo hanno protetto.

Se preferisci una storia più completa sulla vita di Dante, puoi comunque trarne beneficio Dante da RWB Lewis; Un biografo dei nodi taglia i nodi e riempie gli stessi vuoti con un po’ di immaginazione. Bess van Eyde ha pubblicato una traduzione olandese abbastanza nuova, essendo stata tradotta una volta da Peter Abelsen nel 2004, e con un maggiore senso linguistico. Le dichiarazioni di Lewis si trasformano spesso in questioni irrisolte con Barbero.

Nel frattempo, gli studiosi di Dante sono giunti allo stesso giudizio di Salomone sulla data della morte di Dante: deve essere morto nella notte tra il 13 e il 14 settembre.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24