Esclusiva – Lukoil, private equity Usa vicina all’affare sulla raffineria siciliana – fonti

Due fonti hanno affermato che l’accordo tra Lukoil e Crossbridge, sostenuto dal commerciante di materie prime svizzero Vitol, potrebbe valere poco meno di 1,5 miliardi di euro ($ 1,58 miliardi).

La Sicilia di Lukoil raffina un quinto del greggio italiano e impiega direttamente circa 1.000 persone in una regione economicamente depressa.

La raffineria, che negli ultimi mesi ha fatto affidamento principalmente sul greggio russo, non è ora in grado di acquistare materie prime importanti dopo che lunedì è entrato in vigore un embargo da parte dell’Unione europea.

La scorsa settimana, Roma ha formalizzato un accordo per mettere l’impianto nelle mani del beneficiario per proteggere i posti di lavoro e la capacità di raffinazione locale da un divieto.

Una delle fonti ha affermato che la prospettiva che la raffineria vada in amministrazione controllata ha accelerato i negoziati tra Lukoil e Crossbridge.

Secondo una quarta fonte, i ricavi della raffineria dovrebbero aumentare di oltre tre volte quest’anno, per raggiungere più di dieci miliardi di euro ($ 10,55 miliardi), grazie all’aumento dei prezzi del gasolio e della benzina.

Qualsiasi accordo per la vendita dell’impianto sarebbe soggetto al controllo del governo in base al cosiddetto accordo di potere d’oro, che conferisce a Roma il potere di bloccare un accordo se danneggia l’occupazione strategica o la produzione nel Paese.

Crossbridge e Vitol hanno rifiutato di commentare. Non è stato possibile raggiungere Lukoil per un commento. Il Ministero dell’Industria italiano non ha risposto a una richiesta di commento.

($ 1 = 0,9480 euro)

READ  Le aspettative di inflazione danno speranza - Executive Finance -

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24