Il calcio a Boulder è la maglia dello spettacolo

Ho comprato dei cuscini Ikea per sedie logore sotto il portico e ho ascoltato la dura canzone estiva di Swifty. In esso, la terrazza sul tetto è stata glorificata: “Camicia Morge, ho lasciato una birra”. La canzone, di qualche anno fa, si sposa perfettamente con questo periodo ora che le porte si sono riaperte. Quindi sono pronto per il torneo di calcio che inizia oggi.

Ovviamente ho un’opinione sul burbero allenatore della nazionale, così come su suo fratello che venderà il campionato di sangue in Qatar. Al momento non vedo l’ora di pensare ai ripensamenti più che alle partite stesse, ma dovremmo essere in grado di battere la Macedonia del Nord. Sono mentalmente incapaci di giocare a calcio in cui la palla viene giocata all’infinito.

Da spettatore neutrale, preferisco guardare partite come Italia e Turchia. Non c’è un’importanza immediata, la squadra migliore può vincere, è bello lasciare che le emozioni si plachino per un po’. Dopotutto, il calcio è un continuum di tensione ed eccitazione, in cui lo spettacolo è pericolosamente oscurato da “prima le persone”. Bandiere, testa allegra – trucchi arancioni completi.

Il pensatore e attore geopolitico, Henry Kissinger, scrisse nel 1986 del calcio come espressione dell’identità nazionale: “Non è un caso che la nazionale francese sia la squadra più offensiva ed elegante d’Europa”. E sapeva della Germania in quel momento: “La squadra nazionale tedesca gioca come uno stato maggiore pronto per la guerra. Le partite sono state pianificate meticolosamente, in cui ogni giocatore ha dominato sia l’attacco che la difesa. “

Se il calcio rivela davvero lo spirito nazionale, in Olanda le cose non stanno andando bene. Cambiare lo stile di gioco dal 4-4-3 offensivo al 5-3-2 difensivo dice tutto su un paese in difficoltà. L’accattivante pallone da calcio è stato sostituito in passato dal lavoro a maglia nello spettacolo. Così, Frank de Boer potrebbe unirsi come coordinatore del nuovo governo.

READ  Gli uomini di staffetta vincono l'oro unico in Coppa del mondo e le donne prendono il bronzo dopo un lento cambio | Altri sport

È un po’ una schifezza, certo, ma non del tutto. Quel che è certo è che il calcio di tutti gli sport evoca le emozioni più forti in tutto il mondo. Di solito è una forza calmante. Fortunatamente, questo è il paese in cui il tribalismo canta principalmente sugli spalti. In questo modo, i sentimenti patriottici soffocano lentamente in un innocente divertimento. Qui nessuno ringhia l’inno nazionale fuori dallo stadio.

C’è anche una spiegazione meno innocente: sugli spalti si vede ciò che resta nascosto sotto la superficie. Il rumore della giungla o le urla sugli “ebrei” è l’aspetto triste del tribalismo che prende una pausa nel calcio. Dentro e intorno allo stadio vediamo aggressività: molte inibizioni svaniscono nell’anonimato del pubblico. Questa non è una bella vista.

In ogni caso, i sentimenti traboccano rapidamente. Vedremo tutto con il primo avversario dell’Olanda: l’Ucraina. La guerra in quel paese ha già portato a un vero e proprio conflitto nel calcio. La maglietta mostra i confini, inclusa la penisola di Crimea, annessa alla Russia. Tutto questo è stato accompagnato dallo slogan “Gloria all’Ucraina” delle proteste contro la Russia. I russi, a loro volta, vedono in questo un’eco del fascismo.

Inoltre, Kissinger era anche accecato dai propri sentimenti nel bel mezzo della Guerra Fredda. A metà della sua riflessione sui metodi patriottici, si rivolge senza sforzo alle contraddizioni ideologiche tra Oriente e Occidente: “Non è un caso che una squadra di un paese comunista non abbia mai raggiunto la finale dei Mondiali (tranne l’Ungheria nel 1954) e nemmeno la semifinale. finali. Troppa pianificazione cliché distrugge la creatività. “]

READ  Will And The People e altro ancora per MadNes 2021

Dì questo: troppi cliché ostacolano la visione indipendente. Sembra che Kissinger abbia saltato la finale del 1962 tra Brasile e Cecoslovacchia. Che dire dell’Unione Sovietica, che raggiunse le semifinali nel 1966, o della Polonia, che raggiunse anche le semifinali nel 1974 e 1982? Non tutte le democrazie comunque. Sì, l’Europa occidentale è molto migliore dell’Europa orientale, ma non è diverso trent’anni dopo la caduta del comunismo.

Ad esempio, mi siedo sul balcone a pensare, mentre dovrei concentrarmi sulle prossime partite. Tieni traccia dei programmi con gli amici, analizza gli avversari e rielabora le idee successive. Basta ascoltare la canzone “Rofteras” di Swifty: “Tutti sono i benvenuti a questa festa/consiglio regalo? Porta tua madre con te”. Ho voglia di tuffarmi nella frenesia del calcio. È permesso dopo quell’anno in cui abbiamo mangiato a casa.

Paul Schaeffer Libri tra gli altri paese di arrivo Sopra forma di libertà.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24