Il mercato italiano del fast casual è in rapida crescita

Il mercato del fast casual continua a crescere. I ristoranti italiani e non sono attualmente molto popolari. Ciò non sorprende perché, secondo gli esperti, queste aziende realizzano buone vendite. Qual è la loro forza?

Testo: Brett van Os

Prodotti freschi, approccio personale, prezzi competitivi, velocità, sostenibilità e un aspetto attraente: questo è praticamente ciò che significano i ristoranti fast casual, che spesso si trovano in luoghi e stazioni ad alto traffico. È in crescita nel settore della ristorazione, così come catene come Enoki, Temakery, De Burgerij e SLA. Secondo gli esperti, questa crescita è dovuta soprattutto alla popolarità di aziende italiane, come Happy Italy e Vapiano – entrambe ormai molto apprezzate all'estero – Julia's, De Pizzabakkers, Eddy Spaghetti, Pizzabar e Spaghetteria. Il menù di questo tipo di aziende spesso comprende solo pizza, pasta e insalate, ma ad un buon prezzo per la qualità.

Italia autentica
Secondo Anke Amirlan, osservatrice delle tendenze culinarie, Eataly è una grande fonte di ispirazione per i concetti di cui sopra. Questo negozio di alimentari si trova in Giappone, Dubai, New York e persino sulle navi da crociera. Ha supermercati italiani, gastronomie e vari ristoranti sotto lo stesso tetto. Nei prossimi anni potrebbe essere aperta una filiale nei Paesi Bassi. Amerlan: “La forza di Eataly è che il valore e l’autenticità della cucina italiana sono fondamentali, ma sono attuali anche oggi grazie al design contemporaneo degli interni e alla facilità di preparazione dei piatti”.

Questo sviluppo è evidente anche nei Paesi Bassi, afferma Amerlan. La cucina italiana, che ovviamente più di 40 anni fa era definita dalla classica pizzeria, negli ultimi anni è diventata ampiamente professionalizzata e quindi è stata ampliata e ampliata. Le aziende iniziarono a differenziarsi nei settori del servizio, della qualità e del design. Hanno anche iniziato a cucinare in modo più autentico utilizzando ingredienti freschi e regionali.

READ  Libertà al primo posto per i cittadini bianchi

(Tripla) doppia occupazione
Non sorprende che i fast food italiani stiano andando bene. Sono buoni motori del fatturato grazie ai loro piatti relativamente facili da preparare e al piccolo menu. Tuttavia, questi locali richiedono un'occupazione dei tavoli doppia o talvolta tripla ogni sera, afferma Amirlan. “La pizza e la pasta sono esempi di prodotti ad alto volume. Se vuoi un buon margine, devi venderne molta. Se sei pieno una volta la sera, non puoi sopravvivere come un'attività fast-casual”.

Anthony de Vries è d'accordo con le parole di Amirlan. È uno dei fondatori di De Pizzabakkers, che conta 5 filiali ad Amsterdam e una a Utrecht, Haarlem, Nijmegen e Rotterdam. In genere nelle città periferiche le cose vanno molto bene: la filiale di Pizzabakkers ad Amsterdamse Pijp registra ogni sera un fatturato decisamente più alto di quella di Utrecht. Tuttavia, la filiale di Amsterdam deve affrontare una maggiore concorrenza. “Non è molto strano”, dice de Vries. “Fastcasual si è sviluppato molto ad Amsterdam. Ogni settimana aprono nuovi ristoranti di hamburger, pollo e tacos, e sono anche affollati. Tuttavia, non tutte le città sembrano essere pronte per questo tipo di ristoranti. “Siamo stati a Utrecht per un anno e ho notato che le cose stanno andando bene. Adesso va bene. Anche la filiale di Nimega ha bisogno di tempo. Quindi non tutto porta a risultati immediati.

Produttori di entrate
Salsicce e prosciutti dell'azienda toscana a conduzione familiare vengono serviti al De Pizzabakkers e le pizze sono preparate nei tradizionali forni a legna. Inoltre nel menu sono presenti solo bevande (analcoliche) italiane. “La nostra forza è la narrazione”, afferma de Vries. “Su molti prodotti possiamo ottenere margini più alti, ma questo non è il nostro obiettivo. Ad esempio, ogni tanto mettiamo nel menù una birra speciale di un birrificio italiano. La compriamo a 2 euro e la vendiamo a 4,95 euro. Con un margine di zero si fanno i conti e con So lo facciamo”.

READ  Corto atletico: Neubert colpisce in Inghilterra | gli sport

Cosa fa guadagnare bene? In primis la pizza, a patto che ci sia una doppia (tripla) occupazione del tavolo. Anche la vendita di vino, aperitivi e succhi digestivi è importante per aumentare le vendite, afferma De Vries. “Nei ristoranti fast-casual gli ospiti trascorrono in media da un'ora a un'ora e mezza a tavola. Non sempre ordinano un antipasto o un dessert, quindi bisogna concentrarsi efficacemente sulle bevande. Con noi gli ospiti possono scegli vino italiano, antipasti come Scropino o Spritz, oppure limoncello o grappa fatti in casa come digestivo. Funziona: gli ospiti si godono l'esperienza di una tipica bevanda italiana e tornano davvero a mangiarla.

il futuro
Amirlan si aspetta che il mercato del fast casual continui a svilupparsi. In questo gioca un ruolo importante la consegna a domicilio: i piatti sono perfetti per questo. Tuttavia, non tutti gli imprenditori lo scelgono. “Diventi il ​​​​concorrente di te stesso”, afferma De Vries, che ha deliberatamente scelto di non consegnare. “Quando gli ospiti ordinano il loro cibo online, perdi il legame personale con il tuo ristorante. Inoltre, non puoi vendere i pasti e non hai idea della qualità dei pasti al momento della consegna.

Tuttavia, secondo Amirlan, il mercato delle consegne a domicilio è qualcosa da tenere d’occhio. Dopotutto, si sta anche sviluppando rapidamente. “Ad esempio, sono in aumento i ristoranti di alta qualità con una cucina esclusivamente prodotta. Questo fenomeno ha avuto origine, tra gli altri, a New York e Parigi, e ora è sempre più visto ad Amsterdam. Pensate a SLA, Braai e Salsa shop. Quindi può essere Cucina italiana”. Il passo logico successivo è un imprenditore frenetico con solo una cucina di produzione.

READ  Il primo ministro italiano Mario Draghi abbandona il suo stipendio ministeriale: perché è una `` cattiva idea ''

Horikava e Bellavita
Quest'anno, per la prima volta, Horikava ha una sala piena (10) incentrata sull'abbigliamento casual e sul movimento. Questo si concentra su concetti che rispondono alle tendenze di cibi e bevande veloci, deliziosi, sani e sostenibili in luoghi ad alto traffico. Attraverso dimostrazioni e workshop, i visitatori apprendono le tendenze prevalenti e come possono rispondere ad esse. Durante i primi tre giorni della Fiera Horikava si svolge anche la Fiera Bellavita (Padiglione n. 13). In questo ulteriore padiglione i visitatori potranno conoscere i prodotti alimentari di lusso e i vini italiani.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24