La Banca centrale europea sta girando in un vortice inflazionistico

Un albero di Natale è apparso in casa quando i membri del Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) hanno concluso l’ultima riunione del 2021 il 16 dicembre dello scorso anno. Il loro messaggio, espresso dalla presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde: “È improbabile che alzeremo i tassi di interesse nel 2022”. La-Garde aveva previsto all’inizio di quel mese un aumento dell’inflazione nell’eurozona, che all’epoca era solo del 5%. pompa” il nome della cosa. Al momento non sembra necessario aumentare i tassi di interesse per frenare l’inflazione (tassi di interesse elevati che limitano l’attività economica e quindi aumentano i prezzi). Perché, secondo le stime della BCE, l’inflazione scenderà automaticamente a oltre il 3 per cento quest’anno e solo al 2 per cento l’anno prossimo. La Banca centrale europea punta a un’inflazione del 2% in circa due anni, quindi il quadro sembrava favorevole. Solo l’acquisto di obbligazioni, con cui la Banca Centrale Europea paga i tassi di interesse a lungo termine, è stato leggermente ridotto. Lagarde ha detto che c’era molta “incertezza”.

Guardando al passato, solo quest’ultimo era corretto. Perché tutto non è andato come previsto. Questa settimana, il Consiglio direttivo della Banca centrale europea aprirà la strada a un rialzo dei tassi per la prima volta il prossimo mese, o forse solo questo mese. Perché questo “urto” dell’inflazione si è rivelato essere un’enorme montagna, la cui cima potrebbe non essere stata raggiunta. A maggio, l’inflazione nell’eurozona ha raggiunto l’8,1 per cento, un livello record. L’incontro della Banca centrale europea si svolgerà mercoledì e giovedì presso l’Amsterdam Hermitage e si riunisce una volta all’anno in una splendida località fuori Francoforte, dove si trova la Banca centrale europea.

La prima metà del 2022 ha sconvolto il mondo per la Banca centrale europea, l’istituzione responsabile del mantenimento della stabilità dei prezzi nell’eurozona. I numeri dell’inflazione sono stati più volte al di sopra delle aspettative della Banca centrale europea e delle banche centrali nazionali. La qualità di queste stime è ora profondamente discutibile. Le relazioni all’interno del Consiglio direttivo della BCE sono diventate tese: i membri del Consiglio direttivo che sono sempre stati favorevoli a tassi di interesse più elevati (sono chiamati “falchi”) si sentono più forti a spese dei “piccioni” che temono che tassi più alti colpiscano l’economia.

sensazione di disagio

Nel frattempo, un’idea inquietante sta cominciando a rosicchiare tra i banchieri centrali europei: la Banca centrale europea potrebbe agire troppo tardi. Anche altre banche centrali, come la Federal Reserve statunitense, la Banca d’Inghilterra e la Riksbank svedese, hanno inizialmente calcolato male l’intensità e la durata dell’inflazione, ma in realtà hanno alzato i tassi di interesse. Spesso più volte. Quelle banche centrali hanno anche ridotto gli acquisti di debito sovrano, che hanno abbassato i tassi di interesse sui mercati dei capitali, più velocemente della Banca centrale europea, che lo sta ancora acquistando fino alla fine di questo mese.

READ  Non tutti i minimalisti sono contenti dei pacchetti natalizi di Kerst050. Questo è completamente comprensibile

Più di altre banche centrali, la Banca centrale europea sta lottando per adattarsi all’attuale ondata di inflazione, che ha interrotto bruscamente più di un decennio di inflazione estremamente bassa dalla crisi finanziaria del 2008-2009. La pandemia di coronavirus e la guerra in Ucraina hanno costituito una doppia rottura con la vecchia situazione. Il virus “Corona” ha causato interruzioni nelle catene di approvvigionamento e ha sconvolto il mercato del lavoro poiché interi settori erano senza lavoro e altri settori hanno raggiunto i picchi. L'”Ucraina” sta aumentando in particolare i prezzi dell’energia, cosa che ora colpisce quasi tutti gli altri prezzi. Nessuno sa quanto durerà la nuova era dell’inflazione, ma è chiaro che non solo finirà.

Leggi anche: In che modo la Banca centrale europea dovrebbe combattere l’inflazione in queste recessioni in tempo di guerra?

Poco dopo l’incontro di dicembre, i fatti hanno aggirato la Banca centrale europea. A gennaio, l’ufficio statistico di Eurostat ha pubblicato un dato sull’inflazione molto sfavorevole per dicembre. I banchieri centrali guardano principalmente all'”inflazione core”, che esclude i prezzi alquanto volatili dell’energia e dei generi alimentari. Questa inflazione core riflette meglio le pressioni sui prezzi core. Contrariamente a quanto previsto dai calcolatori della Banca centrale europea, l’inflazione core (2,6 per cento a novembre) non è scesa al di sotto del 2 per cento, ma è rimasta allo stesso livello. Ciò ha causato disordini a Francoforte. Alla riunione di febbraio, il tono di Lagarde è cambiato. Non esclude più l’aumento dei tassi di interesse nel 2022: “L’inflazione potrebbe rivelarsi più alta di quanto ci aspettassimo”.

Un gruppo di falchi, tra cui Klaas Knot, presidente della De Nederlandsche Bank, ha voluto tracciare risultati immediati nell’incontro di febbraio. L’acquisto di titoli di Stato e corporate doveva essere accelerato, in modo che i tassi di interesse potessero salire più rapidamente anche in seguito (la BCE ha sempre affermato che avrebbe funzionato in tale accordo). Quei falchi non funzionavano allora, ma lo hanno fatto a marzo, quando è venuto alla luce per la prima volta l’aumento dei tassi nel quarto trimestre.

Nei mesi successivi, questo schema si è ripetuto: è seguita un’inflazione record e l’impazienza dei falchi è aumentata, seguita da ritardi nell’adeguamento delle comunicazioni intorno al primo rialzo dei tassi. Ora ci sono alcuni bagni ben consolidati all’interno del consiglio di 25 persone. I tassi di interesse ora dovrebbero aumentare a luglio dallo 0,5% a meno 0,25% e di nuovo a settembre da meno 0,25% a 0%. Knot ha recentemente suggerito la possibilità di un ulteriore aumento dei tassi a luglio, immediatamente da meno 0,5 per cento a 0. L’economista di ING Carsten Brzeski tiene conto in un’analisi Sorpresa: L’interesse può già essere aumentato questa settimana ad Amsterdam.

READ  La Banca d'Inghilterra alza ulteriormente i tassi di interesse

piedi freddi

Una serie di rapidi aumenti dei tassi di interesse è il modo classico per le banche centrali di sopprimere l’iperinflazione. A un tasso di interesse più elevato, l’indebitamento diventa più costoso, il che rallenta i consumi e quindi aumenta i prezzi. Inoltre, rende più attraente il risparmio, il che porta a un’ulteriore riduzione dei consumi. Tuttavia, c’è molta esitazione tra i banchieri centrali europei. La ripresa economica dopo la pandemia è considerata precoce, soprattutto nell’Europa meridionale. C’è una recessione incombente, soprattutto se la Russia interromperà le forniture di gas. Un aumento eccessivo dei tassi di interesse non farà che aumentare i rischi di una recessione. Un problema specifico per la BCE, che altre banche centrali non hanno, è il rischio di aumento del costo del debito per l’Italia e altri Stati membri indebitati, un fenomeno che ha definito, tra l’altro, la crisi dell’euro del 2010-2012 sulla Grecia. Gli analisti presumono che la Banca centrale europea prometterà di acquistare ulteriore debito italiano ad Amsterdam questa settimana, se necessario. Ciò metterebbe sotto pressione il rialzo dei tassi di interesse italiani, mentre altri tassi di interesse potrebbero aumentare ulteriormente. Il fantasma del predecessore di Lagarde, Mario Draghi, che aveva promesso di fare “tutto il necessario” per salvare l’euro, perseguita ancora Francoforte.

Lagarde – una donna politica che si sforza di unire la leadership – ha il compito di tenere unita la BCE durante questo vortice di aumenti dei prezzi. Il mese scorso ho deciso di organizzare gli incontri in modo diverso: i capi delle banche centrali nazionali hanno più tempo per parlare, mentre i dirigenti della Bce hanno meno tempo. E l’agenzia di stampa Reuters, che lo ha riportato per la prima volta, ha spiegato questa decisione politica. Il capo economista della Banca centrale europea, Philip Lane, la cui amministrazione ha più volte minimizzato l’importanza dell’inflazione, perderà influenza. L’Irish Lynn è considerato un piccione ed è anche alto nella sostanza. La Banca centrale europea ha anche negato che Lagarde abbia limitato l’influenza di Lin.

READ  Angel Investing aumenta le possibilità di ottenere finanziamenti in VC?

È chiaro, tuttavia, che le cose stanno andando in pezzi all’interno della torre della BCE a Francoforte. in un articolo Nel Giornale della Banca centrale europea, il Bollettino economicoguardato Medio Oriente e Africa trascurano Sulle previsioni di inflazione della banca. Secondo un articolo pubblicato a maggio da economisti della Banca centrale europea e della Banca centrale europea, le prospettive “hanno significativamente sottostimato il ‘picco’ dell’inflazione”. L’articolo afferma che i modelli alla base delle stime non sono riusciti ad assorbire gli shock della pandemia e della guerra in Ucraina. Ciò rimuove di fatto una base importante per la politica monetaria della BCE. Perché quella politica, soprattutto sotto il predecessore di Lagarde, Draghi, era diventata sempre più dipendente da quelle stime. L’inflazione dovrebbe raggiungere il 2% entro due anni. La politica è regolata secondo le aspettative in modo quasi meccanico. Agli investitori viene detto in anticipo cosa farà la BCE (sterzo in avanti, “sterzare in avanti”). Solo, a quanto pare, sono di scarso valore per i modelli della BCE. Si basa su dati e modelli storici, ma non include epidemie e guerre. Poiché la politica deve adattarsi continuamente a un mondo turbolento, anche la “guida in avanti” è diventata meno credibile.

spostamento mentale

La nuova era dell’inflazione, caratterizzata da incertezza e rapidi cambiamenti, richiede alla banca centrale cose al di là del pensiero modello: agilità, occhio per scenari multipli e giudizio indipendente. Un tale cambiamento mentale si è rivelato difficile. Le persone spesso esprimono giudizi in base ai loro (recenti) ricordi. La memoria dei banchieri centrali è segnata in particolare da un’inflazione molto bassa negli ultimi anni, che è stata spesso ben al di sotto dell’obiettivo del 2 per cento. Questa situazione comincia a sembrare “normale”. Class Knott ha avvertito l’anno scorso che il ricordo dell’inflazione alle stelle negli anni ’70 era quasi svanito. Tra l’attuale generazione di banchieri centrali, “nessuno di loro ha mai sperimentato un’inflazione reale”, ha detto Knot in un’intervista con l’NRC.

L’economista tedesco Hans Helmut Kotz ha recentemente affermato che i grandi cambiamenti nella politica monetaria sono forzati durante le crisi Durante un webinar dal think tank Bruegel. Dopo la crisi finanziaria, le banche centrali hanno adottato politiche “non convenzionali” per aumentare l’inflazione, compresi i tassi di interesse negativi. Ora due crisi, Corona e Ucraina, stanno capovolgendo di nuovo il pensiero critico. Non è ancora chiaro quale sia la nuova pratica.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24