La vita in Thailandia – Tribù delle colline

Qui abbiamo già coperto più volte il sistema scolastico thailandese, in particolare le difficoltà che molte famiglie incontrano nel coprire i costi delle tasse scolastiche. L’istruzione è obbligatoria fino a quando i bambini compiono 15 anni, quindi i genitori non hanno scelta, ma poi ci vogliono altri 3 anni prima che gli studenti completino l’istruzione secondaria. Sebbene l’istruzione stessa sia gratuita, elementi aggiuntivi come materiali didattici, trasporti, pasti e uniformi non lo sono. Inoltre, un bambino che va a scuola non può accettare un lavoro e quindi contribuire in una certa misura al reddito familiare. Questo è il motivo per cui molti genitori tengono i figli a casa una volta terminato il periodo di istruzione obbligatoria.

Molti di questi bambini appartenevano ai gruppi indicati in inglese come le tribù delle colline. Sono popoli che, come suggerisce il nome, vivono tra le montagne del nord della Thailandia, tra gli altri. Gli attuali confini nazionali in molti casi attraversano le sue aree residenziali, a volte essendo in 3 o 4 paesi. Sono in fondo alla scala sociale. Molte persone li disprezzavano, e quindi non sorprende che fossero tra le persone più povere del paese.

Eppure forniscono anche reddito, anche se ne beneficiano solo in parte. Le escursioni delle tribù delle colline sono popolari tra i turisti che visitano Chiang Mai. Ottengono un’immagine idilliaca di persone felici che indossano costumi tradizionali colorati e svolgono attività tradizionali. Coloro che non amano un viaggio con un minibus attraverso le montagne possono visitare una sorta di museo all’aperto, simile a Orvelte in Drenthe, dove questa vista perfetta può essere vista solo tra le 9 e le 5.

READ  Italia, Spagna e Portogallo vogliono l'approccio dell'UE all'aumento dei costi energetici

Durante l’IDFA, l’Amsterdam International Documentary Film Festival che si sta svolgendo nelle ultime settimane, è stato proiettato uno straziante documentario del giovane documentarista vietnamita Dim La He. Per 3 anni, ha interpretato l’adolescente Hmong in crescita De e le sue lotte con una cultura in cui il matrimonio è comune in tenera età. Di va a scuola e lì impara che le cose possono essere fatte diversamente. Anche se il documentario è stato realizzato in Vietnam, dà una buona immagine del dilemma in cui si trovano anche molti bambini delle tribù delle montagne thailandesi. Gli Hmong vivono nella regione montuosa che non è solo parte del Vietnam, ma anche parte della Cina, del Laos e della Thailandia.

FERC, Foundation for the Education of Country Children, è un’istituzione che consente agli studenti di completare la loro istruzione secondaria se i loro genitori non possono permetterselo. Tra gli studenti sponsorizzati dalla FERC ci sono molti bambini delle tribù delle colline, tra cui un certo numero di Hmong. Come detto, il documentario presenta un quadro straziante di tradizioni oppressive, illustrando così in modo appropriato perché FERC è così importante per i bambini che vedono davanti a sé un futuro diverso.

The Children of the Mist, come si chiama il documentario, può attualmente essere visto all’inizio della NPO. Non sappiamo per quanto tempo sarà là fuori, quindi se vuoi vederlo, non aspettare troppo a lungo. collegamento diretto: https://www.npostart.nl/2doc-children-of-the-mist/17-11-2022/VPWON_1338799

FERC opera principalmente sui contributi di persone che sponsorizzano uno studente per 3 anni. Inoltre, vengono raccolti fondi in vari modi, che possono essere utilizzati anche per sostenere un numero di studenti per i quali non esiste uno sponsor. In questo modo attualmente vanno a scuola 80 bambini che altrimenti non avrebbero potuto. Una delle attività di raccolta fondi più belle è il calendario annuale della FERC. Il fotografo italiano Alberto Cozzi ha un cuore caldo per FERC e ogni anno propone un tema originale che fotografa in modo meraviglioso.

READ  "Cashless" costa un sacco di soldi a Draghi

Per il calendario 2023, Cosy si è ispirato alla famosa serie di ritratti di moda di Richard Avedon, che ha scosso il mondo della fotografia di moda nel 1955 posando con le modelle tra gli elefanti. In collaborazione con l’Elephant Nature Park (https://www.elephantnaturepark.org/), noto come uno dei santuari per elefanti più a misura di animale della Thailandia, e con un certo numero di giovani stilisti locali, ha girato una bellissima serie di immagini, 12 delle quali abbelliscono il nuovo calendario. . Le modelle indossano abiti di designer, che usano solo tessuti tradizionali del nord della Thailandia, ma li trattano nel loro design moderno. E gli elefanti gli danno un bel sottofondo.

Stampare un calendario così bello non è molto costoso in Thailandia. Di conseguenza, può essere venduto a soli 300 baht (circa 8,50 euro). Tuttavia, per i Paesi Bassi, verrà aggiunto lo stesso importo delle spese di spedizione. Ciò significa che puoi averne uno a casa per 17€. Se desideri richiederne uno o più, o supportare FERC in qualsiasi altro modo, contattami, ad esempio a [email protected] Tieni presente che la spedizione dalla Thailandia richiede molto tempo, quindi non aspettare troppo a lungo.

A causa dei diritti sull’immagine, gli editori di Dagblad Buddhism non possono mostrare l’immagine del calendario. Questo è possibile attraverso Calendario – FERC Thailandia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24