Le sonde spaziali Voyager della NASA si stanno lentamente ritirando: ecco come sta andando il loro viaggio | Attualmente

Le sonde spaziali Voyager 1 e Voyager 2 hanno iniziato il loro lungo viaggio nel 1977. Oltre alle aspettative della NASA, gli scout sono ancora operativi, ma pian piano molti strumenti vengono chiusi. Ciò significa che i dispositivi dureranno ancora per qualche anno, dopodiché la connessione con la Terra viene interrotta e si fluttua silenziosamente nello spazio infinito.

Dovrebbe durare solo cinque anni dopo il lancio, ma Voyager 1 e 2 continuano a fornire nuovi risultati. “Siamo trascorsi altri 44,5 anni”, ha detto recentemente Ralph McNutt. Scientifico americano† McNutt ha lavorato presso il laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University durante la maggior parte della sua carriera in Voyagers. “Abbiamo raggiunto dieci volte l’età target per quella roba.”

La Voyager 1 si trova ora a circa 22,5 miliardi di chilometri dalla Terra. Voyager 2 ha più di 12 miliardi di miglia. Nessun dispositivo artificiale è stato nello spazio più di questi sensori. La Voyager 2 decollò per prima, il 20 agosto 1977, e la Voyager 1 seguì due settimane dopo. I sensori sono identici tra loro.

Gli esploratori avrebbero dovuto misurare Giove, Saturno, Urano e Nettuno. Nel 1977, i pianeti erano nella posizione giusta per poter essere visitati tutti. Questo accade una volta ogni 176 anni.

Nuove immagini e informazioni sui pianeti vicini

Le missioni hanno avuto successo. Tra le altre cose, sono state scattate nuove foto ravvicinate dei pianeti. Le due sonde hanno rilevato per la prima volta anche un fulmine su Giove, dimostrando che potrebbe colpire anche altri pianeti. Inoltre, sono state effettuate misurazioni dell’atmosfera e della geografia del pianeta. Sono state realizzate nuove immagini degli anelli di Saturno.

READ  L'influenza aviaria estremamente pericolosa è fiorente nel nord del paese e sono stati trovati centinaia di uccelli selvatici morti

Il Voyager 1 ha continuato il suo viaggio nel sistema solare senza vedere altri pianeti, ma il Voyager 2 è passato vicino a Urano e ha scoperto che il pianeta non ha nove ma almeno 11 anelli. Dodici anni dopo il suo lancio, nel 1989, Voyager 2 raggiunse Neptune. Dopo che la sonda ha ripreso il pianeta, le sue telecamere sono state spente per risparmiare energia per altri strumenti.

Voyager 1 ha scattato altre 60 foto del sistema solare nel 1990. L’esploratore si trovava allora a una distanza di 6,4 miliardi di chilometri dalla Terra. Anche la Terra era visibile in quelle immagini, come un puntino. Da allora l’immagine è diventata nota come il “debole punto blu” e nessuna fotografia è stata ancora scattata a una distanza maggiore.

Il punto a destra è la Terra. Fonte: Agenzia per la protezione dell’ambiente.


Il punto a destra è la Terra.  Fonte: Agenzia per la protezione dell'ambiente.

Il punto a destra è la Terra. Fonte: Agenzia per la protezione dell’ambiente.

immagine: Agenzia per la protezione ambientale

I sensori ora fluttuano nello spazio interstellare

Entrambe le sonde sono ora lontane dal nostro sistema solare. Voyager 1 ha lasciato il nostro sistema solare nell’agosto 2012 e Voyager 2 ha fatto lo stesso nel novembre 2018, più di 40 anni dopo il suo lancio. Gli esploratori ora fluttuano sempre di più nello spazio interstellare. Spazio interstellare infinito.

Gli scout stanno ancora prendendo le misure. Voyager 1 ha fatto notizia l’anno scorso quando ha lanciato a Misterioso ronzio monotono Raccogliere. Gli scienziati pensano che il suono provenga probabilmente da piccole quantità di gas nello spazio tra diverse galassie.

Registrando il brusio, gli scienziati sperano di poter determinare alcune caratteristiche dell’ambiente al di fuori del sistema solare, come la densità dello spazio. Questo potrebbe aiutare gli astronomi a comprendere meglio lo spazio interstellare. Le informazioni possono anche fornire informazioni sul confine tra lo spazio interstellare e il confine del sistema solare, noto come eliosfera.

READ  Morto in Guinea del rarissimo virus Marburg

Chuck Berry a bordo di un disco d’oro

I sensori richiedono pochissima energia per funzionare. Ma negli ultimi tre anni, la NASA ha spento gli elementi riscaldanti e altri componenti non essenziali per estendere gli alimentatori rimanenti il ​​più a lungo possibile. Si prevede che Voyager 1 e 2 perderanno il contatto con la Terra tra il 2025 e il 2030.

Continueranno quindi a fluttuare nell’universo infinito. Entrambe le sonde contengono un cilindro di grammofono d’oro con informazioni sulla Terra. Contiene 115 immagini e saluti in 55 lingue e suoni terreni, come il suono del vento, della pioggia e del battito del cuore umano. C’è anche un’ora e mezza di musica, tra cui Beethoven, Bach e Chuck Berry.

Voyager 1 raggiungerà la sua prossima stella, Proxima Centauri, tra circa 16.700 anni Scientifico americano† La Voyager 2 vi passò dopo 3.600 anni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24