L'Italia stessa dopo il riposo e la paura spezza l'Inghilterra

L'Italia festeggia la vittoria agli Europei di calcio.Foto dell'Agenzia France-Presse

Le sanzioni furono drammatiche. Il pubblico inglese ha esultato per ogni rigore italiano e ha esultato per gli inglesi, con il portiere Pickford che è stato il primo a fermare i tentativi di Belotti. Rashford (palo) e Sancho (fermato da Donnarumma), tra tutti, particolarmente coinvolti nei calci di rigore, hanno regalato a malapena la palla. L'allenatore della nazionale Southgate aveva pensato a tutto dal punto di vista tattico, ma ha commesso un errore. L'occasione mancata di Jorginho ha ridato speranza all'Inghilterra, ma anche gli sforzi di Saka si sono fermati. Il vincitore Bonucci ha gridato alla telecamera: “Va alla Roma”.

L'Inghilterra è stata particolarmente colpita dalla paura, allontanandosi dai fondamenti del gioco come lo immaginavano, dove l'attacco era l'elemento chiave. Loro, tra tutte le persone, avrebbero dovuto saperlo in questo finale scadente.

L'Inghilterra pensava di poter portarsi in vantaggio per 1-0 oltre la linea tirandosi indietro sempre di più, e ancora più o meno è andata nel panico quando il difensore Bonucci ha commesso un errore con la palla in rete dopo un calcio d'angolo, per un meritato pareggio, a metà del secondo metà. . . Solo poi è seguita la ripresa, anche perché l'Italia ha visto ritirarsi i suoi migliori giocatori.

Cocktail inebriante

Londra è quasi esplosa alla conclusione dell'Europeo. Lacrime, frutto della bevuta, gioia e tensione, mescolate in un cocktail inebriante. L'Inghilterra, desiderosa di vincere il suo primo trofeo dopo aver vinto la Coppa del Mondo del 1966, fu molto più forte in finale prima dell'intervallo e poi si dimostrò una macchina economica. Il gioco, inventato nel XIX secolo per attaccare e segnare, è stato sprecato dopo un rapido gol in apertura quasi esclusivamente a causa della difesa.

Sì, questo è piuttosto brutto agli occhi dei puristi, anche se a volte è eseguito perfettamente. Perché questa è l'Inghilterra: una squadra fisica, con il centrocampista fallito Rice il miglior interprete domenica. Supportato da gente sugli spalti con il cuore traboccante di calcio desideroso di successo, 55 anni dopo la vittoria del titolo mondiale nel vecchio stadio di Wembley.

Tutto è andato bene agli Europei. Ha giocato sei partite a Wembley. Atmosfera inglese prima dell'inizio della finale, condotta egregiamente da Bjorn Kuipers, l'addio internazionale. L'Inghilterra si è subito emozionata con un gol dopo un minuto e 58 secondi. Un gol che è stato emblematico dell'Europeo, il campionato dei cosiddetti terzini, che si chiamino Dumfries, Goossens, Shaw o Trippier.

Shaw, che aveva già fornito tre assist all'inizio del torneo, ha iniziato l'attacco sulla sinistra vicino alla linea laterale, al centro della metà campo della sua squadra. Come sempre, il Capitano Kane ha fatto un passo indietro ed era pronto a costruire. Questo aveva due vantaggi: a volte si allontanava dai simpatici macellai Bonucci e Chiellini, e faceva il trequartista. Kane ha passato bene la palla sulla fascia destra e Trippier è stato presentato alla squadra al posto di Saka. Per due motivi: Trippier ha potuto aiutare Walker a neutralizzare il più utile esterno sinistro italiano Insigne.

Calcio migliore

Trippier ha uno stile di calcio eccezionale. Ha messo la palla con forza sopra la difesa dal lato destro, dove Shaw è apparso da sinistra e ha preso meravigliosamente la palla con la scarpa dopo che era rimbalzata. L'Italia non si è ripresa da questo colpo fino alla fine del primo tempo. Gli inglesi fecero subito pressione sull’Italia, mentre molti si aspettavano che gli italiani facessero lo stesso con gli inglesi. Quindi l’Inghilterra in realtà non ha avuto nulla da temere per molto tempo. Una volta che gli italiani hanno preso confidenza con la palla, l'Inghilterra si è allontanata molto velocemente e in massa. A volte tutti gli undici inglesi venivano catturati in una foto in televisione. C'era sempre qualcuno che interrompeva gli italiani, spesso spazzando il centrodestra.

In termini di occasioni, non è successo nulla fino all'intervallo. L'Inghilterra non ha più tirato in porta. L'Italia riceve un passaggio dal palleggiatore e fuoriclasse Chiesa, e nella ripresa diverse occasioni arrivano da Insigne. L'Italia, con Cristante e Berardi sostituti, riesce a prendere il pieno controllo. L'attaccante invisibile Immobile è scomparso e Insigne ha creato problemi da attaccante ambulante. Gli inglesi si vergognavano di difendere la loro porta.

Stessa situazione nella ripresa per la squadra guidata dal ct della Nazionale Roberto Mancini. Il gol è meritato e arriva al 67', proprio di Bonucci, e per l'ottava volta negli ottavi di finale la partita va ai supplementari. Per la quarta volta ci sono state sanzioni. L'Italia ha vinto. È stato meglio per il calcio, anche se non è mai più tornato a casa.

READ  Karel Etting e Volendam su fronti opposti: 'Hanno imbrogliato e hanno imbrogliato'

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24