L’Italia vuole maggiore influenza in Africa per fermare l’immigrazione

Internazionale16 marzo 24 10:00Autore del libro: Mark van Hareveldt

La Turchia e l’Italia stanno lavorando duramente per espandere la loro influenza economica e diplomatica in Africa. Con la Francia che perde gran parte della sua influenza, Roma e Ankara stanno cercando di cooperare con i paesi africani nei settori della difesa, dell’energia e della migrazione. “L'Italia sta cercando di colmare la posizione lasciata dai paesi occidentali negli ultimi decenni, e la Turchia è già in Africa”, ha detto a Radio France Internationale l'analista di un think tank italiano.

A gennaio la Meloni ha incontrato a Istanbul il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. I colloqui includevano l’Africa, in particolare la Libia, ex colonia italiana con molta influenza e una base militare ad Ankara. Insignificante: la Libia rappresenta un importante disincentivo per i migranti diretti in Europa, cosa di cui l’UE è sempre più preoccupata. (ANP/EPA)

Sia la Turchia che l'Italia stanno facendo del loro meglio per rafforzare i legami con i paesi africani, con il parlamento somalo che questo mese ha approvato un accordo con la Turchia sulla difesa navale e sul rafforzamento della marina somala. Il viceministro della Difesa della Somalia ha dichiarato: “Attraverso questo accordo, la Turchia proteggerà la costa somala dai pirati, dai terroristi e da chiunque violi i nostri confini marittimi, come l'Etiopia”. Ma non si è fermata qui: un accordo bilaterale sull'esplorazione energetica in Somalia è stato seguito da un accordo sulla sicurezza.

Leggi anche | Lampedusa naviga in modo inospitale ma temporaneo tra turismo e migrazione

Accordi turco-somali

Il Ministero dell'Energia turco lo ha descritto come un accordo intergovernativo, che copre l'esplorazione, la valutazione, lo sviluppo e la produzione di petrolio e gas naturale offshore. “Attraverso questo accordo, intraprenderemo un'azione congiunta per portare le risorse della Somalia al popolo somalo. Vogliamo rafforzare la presenza della Turchia nel Corno d'Africa con una nuova cooperazione energetica”, ha affermato il ministro turco dell'Energia Albarslan Pirekter sulla piattaforma di social media X.

READ  L'ex primo ministro italiano Berlusconi ha detto che il processo è troppo brutto All'estero

Leggi anche | L’Italia si ritira dalla Nuova Via della Seta cinese

Le ambizioni africane della Turchia sono state nuovamente sottolineate all'inizio di marzo in occasione dell'annuale Forum diplomatico di Antalya, al quale sono intervenuti sette capi di stato africani, sette primi ministri e 25 ministri degli Esteri.

Anche Melony è impegnata

Anche l’Italia sta lavorando sulla rotta africana. Ad esempio, il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha ospitato meno di 25 leader africani in un vertice a Roma alla fine di gennaio, dove ha svelato i piani per espandere l’influenza dell’Italia nel continente. Durante il vertice di un giorno, Meloni ha annunciato una nuova partnership con l’Africa e ha delineato i suoi piani per rafforzare i legami economici con il continente, creare un hub energetico per l’Europa e combattere l’immigrazione.

Sicurezza, energia e migrazione

«Siamo solo all'inizio e la strada è ancora lunga. Questa giornata è una ripartenza”, ha detto Meloni, che ha offerto ai suoi ospiti africani 5,5 miliardi di euro in investimenti e garanzie statali. Ha presentato i suoi piani di sviluppo per creare posti di lavoro e opportunità in Africa e incoraggiare i giovani africani a trasferirsi in Europa. Nel piano della Meloni c'era anche l'istruzione. , salute, acqua, servizi igienico-sanitari, agricoltura e comprende progetti pilota nel campo delle infrastrutture energetiche.

Leggi anche | I ministri della Migrazione sollecitano un accordo sull’immigrazione

Secondo Alessia Chiriattui del think tank italiano Istituto di affari internazionali Negli ultimi decenni l’Italia ha cercato di riempire il posto vuoto dei paesi occidentali che hanno l’Africa.

Chiedi a Dossier Europa | Una soluzione europea al problema migratorio

Cooperazione turco-italiana

A gennaio la Meloni ha incontrato a Istanbul il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. I colloqui includevano l’Africa, in particolare la Libia, ex colonia italiana con molta influenza e una base militare ad Ankara. Insignificante: la Libia rappresenta un importante disincentivo per i migranti diretti in Europa, cosa di cui l’UE è sempre più preoccupata. Allo stesso tempo, la Libia è ricca di materie prime, infuria una guerra civile, gli jihadisti sono attivi e lì ha una base anche il gruppo Wagner.

READ  Maltempo in Europa: blocco del traffico ferroviario tra Francia e Italia, frane in Austria

Ground Zero

Ma l’Italia è particolarmente concentrata nel contrastare i flussi migratori. L’Italia, insieme alla Grecia, è più o meno il punto zero della crisi migratoria, ricevendo molto sostegno da altri paesi europei, ma con un approccio più duro alla migrazione come promessa, all’epoca in cui Meloni fu eletto primo ministro. “C'è quindi spazio per la cooperazione in questo settore, per fermare il flusso di immigrati clandestini, per cooperare nel campo della sicurezza”, ha detto Siriati a Radio France Internationale.

Leggi anche | L'affidabilità creditizia della Turchia sta migliorando grazie ad una politica restrittiva

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24