Niente silicone ma grasso della pancia: le protesi mammarie sono meno sicure di quanto si pensasse

Questo è successo anche ad Ancilla van de Leest. Ha avuto impianti per quattordici anni, fino a quando non si è ammalata gravemente. “Avevo sempre freddo, ero costantemente disidratata e ho iniziato ad avere dolore ovunque, dai denti ai piedi”, ha detto a EditieNL.

Questi effetti collaterali hanno reso la vita di Ancilla miserabile. “Alla fine, dovevo andare in bagno ogni 15 minuti”. Quindi è molto contenta della notizia di quanti danni possono causare gli impianti. “Anche io non sapevo che ammalarsi per i tuoi impianti fosse una cosa.”

La ricerca dell’Università di Han è stata pubblicata sulla rivista medica JAMA, secondo l’AVROTROS Consumer Radar Program. 400 donne sono state studiate utilizzando protesi mammarie solide o liquide. Nell’87% di queste donne, le particelle dell’impianto sono state trovate in altre parti del corpo, compreso il cervello. Nel 92,5% delle donne si riscontrano reazioni infiammatorie nel corpo.

Grasso corporeo

Per poter beneficiare dell’aumento del seno, ci sono due opzioni: “il grasso corporeo, di cui ovviamente dovresti averne abbastanza, e il silicone”, spiega il chirurgo plastico Ali Braish a EditieNL. “Se sei molto magro e poco grasso, questa non è un’opzione.”

Questi grassi devono essere adeguatamente raccolti e purificati prima di poter essere utilizzati. “In tutti questi aspetti, c’è anche la possibilità che le cose possano non andare bene e potrebbero essere meno belle. La ricostruzione del seno dopo il cancro o con una coppetta può ancora essere ricostruita”.

alternative

Ma dovremmo ora allontanarci completamente dalle protesi al silicone? “Tutte le protesi sudano, lo sappiamo da sempre. Una percentuale molto piccola di donne ha alcune lamentele e questo non ha dimostrato di avere nulla a che fare con il silicone in particolare”.

READ  Il fungo ha aiutato la pianta a cadere 450 milioni di anni fa, a un ottimo prezzo

Questa nuova ricerca mostra che anche le nuove protesi in silicone sudano. “Ma non vediamo un numero così elevato di donne che si lamentano di questo. Devi sostituirle ogni dieci anni. E se sei una sensitiva così grande da avere un seno piccolo, vuoi rischiare molto in un milione per prenderlo”.

Secondo Baraish, non possiamo evitare i rischi. “Se non vuoi mai effetti collaterali da qualcosa, non dovresti prenderlo. È così semplice, se non vuoi mai cadere, non dovresti andare in bicicletta.”

Sfortunatamente, nemmeno il passaggio a un materiale diverso sembra essere la risposta. “Negli anni sono stati testati molti materiali. Purtroppo, ma anche fortunatamente, il silicone è il materiale più adatto”. Ad esempio, i test sono stati condotti con protesi riempite con semi di soia. “Ma non ha funzionato.”

Tuttavia, la ricerca è ancora in corso per trovare un’alternativa. “Ma non esiste ancora. Per molte donne, soprattutto donne con cancro al seno o donne che non hanno quasi seno, il silicone è la risposta”.

amore per se stessi

Ancila spera che le persone ora riflettano più attentamente sull’assunzione di protesi mammarie. “Spero che possiamo entrare in una società in cui accettiamo noi stessi e abbracciamoci di più così come siamo”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24