NIO e Tuk Tuk sono impegnati in una corsa per ottenere il cambio batteria

NIO gestirà la prima stazione di ricarica e cambio batteria integrata della Norvegia uno di questi giorni. Quale annunciare Questo produttore cinese di veicoli elettrici (EV) all’inizio di questo autunno. In quattordici mesi dovrebbero esserci venti stazioni di questo tipo in Norvegia. NIO entrerà quindi nel mercato tedesco secondo il programma.

In Cina, NIO sta già lavorando duramente sulle stazioni di cambio batteria. Finora, l’azienda ha costruito 301 cosiddetti terminali NIO Power Swap in Cina e ha sostituito più di 2,9 milioni di batterie.

Stazioni Accuwissel

Le stazioni di sostituzione della batteria sembrano essere il futuro in Cina. “Mentre sono attualmente in funzione solo 763 stazioni, Aulton ha annunciato che avrà 10.000 unità installate entro la fine del 2025”, ha affermato Kevin Mack, principale analista di elettronica automobilistica presso Strategy Analytics, una società di consulenza tecnologica internazionale. Aulton è il principale fornitore di infrastrutture per la sostituzione della batteria in Cina.

Registrati per ricevere le nostre ultime notizie!

Panoramica settimanale sull’innovazione: ogni giorno uno dei nostri migliori articoli nella tua casella di posta!

Lo scambio di batterie, come viene chiamato il termine in inglese, si riferisce al metodo con cui una o più batterie (quasi) scariche vengono sostituite con una batteria carica in una stazione di ricarica. Questo può essere un modo efficace per risolvere il problema dell’autonomia.

800 Volt di ricarica

Cambiare le batterie (invece di caricarle) non è un’idea nuova. Già nel 2007, l’azienda israeliana Better Place ha introdotto le batterie intercambiabili. Tuttavia, l’idea non si è diffusa e l’azienda è rimasta indietro dopo sei anni. Secondo Mac, ciò era in parte dovuto al mercato. Le distanze sono piccole in Israele. Questo ragionamento vale anche per i “piccoli” paesi europei, come i Paesi Bassi, dove l’infrastruttura di ricarica è comunque ottima.

READ  Le azioni europee erano quasi invariate a mezzogiorno

Ci sono anche altri argomenti che rendono incerto il futuro del cambio della batteria. “Se la tecnologia del sistema di batterie da 800 Volt o 900 Volt si evolve ulteriormente e la ricarica rapida diventa una questione di pausa caffè, questa è una vera minaccia per il cambio delle batterie”, afferma Mack, 48 anni. “Ma questa tecnologia di ricarica rapida non dovrebbe andare a scapito della durata della batteria”.

Ricarica wireless dinamica

Un altro pericolo per lo scambio della batteria è la ricarica wireless dinamica, che carica il veicolo elettrico mentre è in movimento. “Ma questo concetto non è ancora maturato e i costi per la creazione di una strada di carico dinamica sono in aumento”, afferma l’analista inglese.

In generale, tale infrastruttura per le stazioni fognarie, anch’essa molto costosa, è poco visibile in Europa. Tuttavia, Mac ritiene che il “compromesso” abbia una certa possibilità. È solo un’opzione aggiuntiva per l’utente. Poiché le batterie sono fornite come servizio aggiuntivo, il cosiddetto Batteria come servizio (Capo), il limite di acquisto di veicoli elettrici è stato abbassato. Ad esempio, NIO offre il suo modello ES8 senza batteria. Quindi il prezzo di acquisto è molto più basso. Tuttavia, l’utente deve acquistare un abbonamento per utilizzare (compreso il cambio) le batterie.

Lo “swap” potrebbe anche essere una soluzione ai problemi generali delle infrastrutture di ricarica, come atti vandalici, scarsa manutenzione delle stazioni di ricarica e attaccamento ai pali.

Consolidamento dei pacchi batteria

Tuttavia, Mac vede una terza minaccia allo “swap”. Ogni produttore ha il proprio set di batterie, che non sono intercambiabili. Solo i NIO possono assistere nella stazione di scambio NIO. Le autorità cinesi, desiderose di scatenare la propria economia, non hanno (ancora) emesso alcun segnale che indichi un consolidamento dei pacchi batteria. “Lunedì scorso sono entrate in vigore le nuove normative governative sulla sostituzione delle batterie”, ha affermato Mack, che ha una buona conoscenza del mercato cinese delle auto elettriche. “Ma si trattava di regole di sicurezza”.

READ  Carrello scopa: Paris-Roubaix - risultati - calendario - varie - ciclocross

Nel mondo delle due (e tre) ruote, invece, si va verso la standardizzazione delle batterie. Non a caso quattro importanti case motociclistiche hanno unito le forze. Dopo aver firmato la lettera di intenti lo scorso marzo, l’italiana Piaggio, l’austriaca KTM e le giapponesi Honda e Yamaha hanno formalmente firmato due mesi fa l’accordo per creare un consorzio di batterie intercambiabili per moto.

Het Ape E-City-model van Piaggio @ Gruppo Piaggio

Il consorzio lavorerà per standardizzare le batterie rimovibili, i sistemi di ricarica e l’infrastruttura circostante. Piaggio è già all’avanguardia nel campo delle batterie intercambiabili. In India, il produttore italiano vende dal 2019 la bici elettrica Piaggio Ape, un triciclo noto anche come ‘tuk tuk’, dove è possibile sostituire le batterie. Il mercato è pronto per la sostituzione delle batterie, poiché l’infrastruttura di ricarica dell’India è quasi assente. La scorsa settimana, Piaggio ha annunciato Partnership con BP Nella fornitura di stazioni di ricarica e cambio batterie anche in India e in Europa.

Due ruote e tre ruote

Mac crede che sostituire due o tre ruote sia un’idea che rimarrà la stessa. “La batteria per una moto o uno scooter è più leggera e portatile. È facile da sostituire. In linea di principio, il conducente può farlo anche da solo. Lo svantaggio delle batterie nei veicoli elettrici è che sono grandi e la rimozione e l’installazione delle batterie non è un processo facile. È necessario personale speciale per questo per prevenire danni, tra le altre cose.

Leggi come la ricarica intelligente è la risposta alle carenze di energia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24